Martedì 19 Febbraio 2019 | 05:33

NEWS DALLE PROVINCE

LecceNel Leccese
Distruggono macchia mediterranea per costruire edifici, due denunce a Porto Cesareo

Distruggono macchia mediterranea per costruire edifici, due denunce a Porto Cesareo

 
HomeDopo la protesta
Ex Ilva, deputati M5s contestati a Taranto: «Traditori». La replica: «Mai parlato di chiusura»

Ex Ilva, deputati M5s contestati a Taranto: «Traditori». La replica: «Mai parlato di chiusura»

 
BariLa lettera del sindaco
Palagiustizia Bari, Decaro: «Mi aspetto risposte da Bonafede»

Palagiustizia Bari, Decaro: «Mi aspetto risposte da Bonafede»

 
BrindisiLotta alla droga
Carovigno, "spiaggiati" a Punta Penna Grossa 14 kg di marijuana

Carovigno, "spiaggiati" a Punta Penna Grossa 14 kg di marijuana

 
MateraDopo la frana
Pomarico, servizio di vigilanza davanti alle scuole

Pomarico, servizio di vigilanza davanti alle scuole

 
HomeLa nomina
Basilicata, Berlusconi presenta il candidato unico del centro destra: è Bardi

Basilicata, Berlusconi presenta il candidato unico del centro destra: è Bardi

 
FoggiaLotta allo spaccio
San Severo, in camera 10 kg di droga e un’arma clandestina: arrestato 28enne

San Severo, in camera 10 kg di droga e un’arma clandestina: arrestato 28enne

 

Atr - Tre avvisi di garanzia per il disastro aereo

Riguardano il comandante dell'Atr 72 della Tuninter, Chefik Gharbi (indagato anche per omicidio colposo), il titolare del deposito Eni di carburante dell'aeroporto di Bari-Palese, Ettore Fumagalli, e l'autista dell'autobotte che ha rifornito l'aereo, Alessandro Perfetto. L'ipotesi di reato è quella di disastro aereo colposo
BARI - Informazioni di garanzia sono state firmate dal pm inquirente del Tribunale di Bari, Giuseppe Scelsi, nell'ambito delle indagini sul disastro aereo di sabato scorso che è costato la vita a 16 passeggeri del volo charter della Tuninter Bari-Djerba, tre dei quali risultano ancora dispersi.
Le informazioni di garanzia riguardano le stesse persone indagate dalla procura di Palermo: il comandante dell'Atr 72 della Tuninter, Chefik Gharbi, il titolare del deposito Eni di carburante dell'aeroporto di Bari-Palese, Ettore Fumagalli, e l'autista dell'autobotte che ha rifornito l'aereo, Alessandro Perfetto. L'ipotesi di reato è quella di disastro aereo colposo.
La decisione di avvisare i tre dell' avvenuta iscrizione nel registro degli indagati è stata disposta per motivi procedurali, dopo che la procura di Palermo ha inviato per questa mattina nell'aeroporto di Bari propri consulenti per esaminare l'autobotte (sotto sequestro) che, sabato scorso, prima del decollo, ha rifornito l'Atr 72 con 340 litri di cherosene. A quanto è dato sapere, gli avvisi agli indagati saranno notificati questa mattina.
Lo stesso accertamento sul carburante era stato disposto, per questa mattina, dagli inquirenti baresi con la formula della consulenza d'ufficio, diversa dallaccertamento tecnico irripetibilè scelto dalla procura di Palermo, che già ieri aveva invitato i tre indagati a nominare propri consulenti tecnici che hanno facoltà di partecipare a tutti gli accertamenti in corso.
Per uniformarsi alla scelta tecnico-procedurale dei colleghi palermitani, al fine di evitare confusione, il procuratore della Repubblica di Bari Emilio Marzano, e il pm inquirente Scelsi, hanno deciso di inviare avvisi agli indagati, ai loro legali e alle parti offese.
Consulenti delle due procure e degli indagati sono attesi in mattinata nell'aeroporto di Bari

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400