Martedì 19 Febbraio 2019 | 11:23

NEWS DALLE PROVINCE

LecceLa novità
Da Gallipoli si vola in Grecia: il turismo viaggia in idrovolante

Da Gallipoli si vola in Grecia: il turismo viaggia in idrovolante

 
BatDopo la denuncia
Estorcono denaro a un collega: 2 contadini arrestati

Estorcono denaro a un collega: 2 contadini arrestati

 
FoggiaLa storia
«Nonno Libero», il barbone più longevo di Foggia, avrà una casa

«Nonno Libero», il barbone più longevo di Foggia, avrà una casa

 
BariRapina aggravata
Bari, 16enni rapinarono market, incastrati dalle telecamere

Bari, 16enni rapinarono market, incastrati dalle telecamere

 
HomeDopo la protesta
Ex Ilva, deputati M5s contestati a Taranto: «Traditori». La replica: «Mai parlato di chiusura»

Ex Ilva, deputati M5s contestati a Taranto: «Traditori». La replica: «Mai parlato di chiusura»

 
BrindisiLotta alla droga
Carovigno, "spiaggiati" a Punta Penna Grossa 14 kg di marijuana

Carovigno, "spiaggiati" a Punta Penna Grossa 14 kg di marijuana

 
MateraDopo la frana
Pomarico, servizio di vigilanza davanti alle scuole

Pomarico, servizio di vigilanza davanti alle scuole

 
HomeLa nomina
Basilicata, Berlusconi presenta il candidato unico del centro destra: è Bardi

Basilicata, Berlusconi presenta il candidato unico del centro destra: è Bardi

 

Taranto - Funzionario Anas a giudizio

L'accusa è omicidio colposo per la presunta inadeguatezza della barriera di protezione su un ponte dove si verificò un incidente mortale, sulla strada per Grottaglie
TARANTO - Un funzionario dell'Anas, Vito Riccardi, di 45 anni, di Bari, è stato rinviato a giudizio dal giudice dell'udienza preliminare del Tribunale di Taranto Pio Guarna con l'accusa di omicidio colposo plurimo in relazione ad un incidente stradale mortale avvenuto il 28 settembre del 2003 sulla superstrada Taranto-Grottaglie.
Nell'incidente morirono Claudio Lomartire e Maurizio Guarino che viaggiavano a bordo di una "Lancia K", condotta da Lomartire. L'autovettura procedeva in direzione di Grottaglie quando il conducente perse il controllo del mezzo che sbandò, finì contro il guard-rail, lo scavalcò e finì in una scarpata.
Secondo l'accusa, l'incidente fu causato dall'inadeguatezza di una barriera di protezione posta all'altezza di un ponte che sovrastava una strada provinciale. All'epoca dei fatti Riccardi ricopriva l'incarico di ingegnere capo della sezione staccata di Lecce dell'Anas s.p.a. I familiari delle due vittime, costituitisi parte civile, hanno chiesto un risarcimento di 516.000 euro. Il processo comincerà il prossimo 7 dicembre.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400