Domenica 19 Maggio 2019 | 20:18

Il Biancorosso

L'ALLENATORE
Cornacchini: "Daremo battaglia ad AvellinoDimostreremo di essere la squadra più forte"

Cornacchini: «Ad Avellino dimostreremo di essere la squadra più forte»

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceQuesta mattina
Lecce, assalto al gazebo Lega in centro: una ragazza contusa. Martedì atteso Salvini

Lecce, assalto a gazebo Lega in centro: 17enne contusa. Martedì atteso Salvini

 
BatIl diretto
Ferrovie: l'Alta Velocità arriva a Barletta, due Frecciargento da e per Roma

Treni, a Barletta fermerà Bari-Roma. Mit: nuovi servizi su Alta velocità. Che non esiste

 
TarantoNel tarantino
Manduria, anziano pestato a morte da baby-gang: altri 4 minori indagati

Manduria, anziano pestato a morte: indagati altri 4 minori

 
FoggiaNel foggiano
Chieuti, uomo morì durante corsa buoi: animalisti chiedono lo stop a Emiliano

Chieuti, uomo morì durante corsa buoi: animalisti chiedono lo stop

 
Brindisinel brindisino
Latiano, crolla solaio di scuola in ristrutturazione: grave operaio

Latiano, crolla solaio di scuola in ristrutturazione: grave operaio

 
PotenzaA ripacandida
Si ustiona mentre accende il camino: grave un 20enne nel Potentino

Si ustiona mentre accende il camino: grave un 20enne nel Potentino

 

i più letti

«L'Eucarestia è il cuore della Chiesa»

E' cominciata alle 10.30 in piazza della Libertà a Bari la messa presieduta dall'inviato speciale del Papa per il Congresso eucaristico nazionale, card. Camillo Ruini, concelebrata con i vescovi pugliesi, l'arcivescovo di Bari-Bitonto, monsignor Cacucci, il segretario generale della Conferenza episcopale italiana, monsignor Betori. La cerimonia seguita da migliaia di persone sotto un sole cocente
• Il Papa: «Sono spiritualmente già con voi»
congresso eucaristico Ruini BARI - «L'Eucarestia è veramente il cuore della Chiesa, il nutrimento e l'anima della vita di ogni cristiano, il luogo e il gesto nel quale riceviamo Dio stesso in dono e nel quale, pertanto, a nostra volta siamo chiamati a fare della nostra vita un dono per il Signore e per i fratelli e così ad essere realmente felici a costruire un mondo nel quale si possa essere realmente felici insieme».
Lo ha detto il cardinale Camillo Ruini, inviato speciale del papa per il XXIV Congresso eucaristico nazionale, nell'omelia pronunciata nella solenne celebrazione che è in corso a Bari in piazza della Libertà.
«In questa messa - ha aggiunto card.Ruini - diciamo dunque grazie a Dio Padre, un grazie non soltanto nostro, non soltanto umano. Quel grazie che lo Spirito Santo dice attraverso le nostre labbra essendo presente nei nostri cuori». «Così - ha concluso - questo Congresso Eucaristico sarà per tutti noi, per Bari e per l'Italia segreto e sorgente di vita».

E' cominciata alle 10.30 in piazza della Libertà a Bari la messa presieduta dall'inviato speciale del Papa per il Congresso eucaristico nazionale, card.Camillo Ruini, che è concelebrata con i vescovi pugliesi.
La solenne celebrazione si svolge sul palco da dove ieri pomeriggio il cardinale Ruini ha celebrato anche la solenne apertura del XXIV Congresso eucaristico nazionale che si concluderà il 29 maggio prossimo con la messa presieduta dal Papa Benedetto XVI.
La messa è animata dal coro diocesano composto da 150 elementi e diretto da don Antonio Parisi.
La cerimonia è seguita da migliaia di persone che si sono radunate nella piazza sotto un sole cocente. In apertura della celebrazione è stato cantato l'inno del congresso.

«Il Congresso eucaristico è un evento ricco di appuntamenti - ha detto ancora il card.Ruini - e questo che avete organizzato a Bari si caratterizza per una speciale varietà, ma il suo cuore è uno solo, l'eucarestia stessa, in particolare la grande eucarestia festiva, quella che celebriamo ora, quella di giovedì prossimo, nel giorno del Corpo e del Sangue del Signore e soprattutto quella che il Santo Padre, Benedetto XVI presiederà domenica prossima a conclusione del Congresso».
«Oggi celebriamo - ha sottolineato - la festa della Santissima Trinità, siamo cioè condotti per mano ad entrare nel cuore del mistero di Dio dove è racchiusa la nostra origine, il significato della nostra vita e dell'intero universo e il destino che attende ciascuno di noi. E questo mistero ha un nome preciso, è mistero di amore come ci spiega l'apostolo Giovanni nella sua prima lettera».
«Dio è infatti amore, ma è anche intelligenza ed è vita. La pienezza eterna e infinita di una vita che è intelligenza e amore. Possiamo rivolgerci a lui parlandogli e per lo stesso motivo Dio per primo ci ha parlato nella sacra scrittura e in tutta la storia della salvezza».
«Dio ci interpella, ci chiama si prende cura di noi, parla al nostro cuore, fin dall'eternità ha un progetto d'amore per ciascuno di noi - ha detto ancora - Questo intendiamo dire quando diciamo che Dio è persona, cioè appunto che è vita, conoscenza amore, che egli ci conosce e ci ama e pur con tutta la sua grandezza e santità che supera infinitamente la nostra piccolezza e le nostre colpe e miserie entra in vero rapporto personale con noi».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400