Lunedì 18 Febbraio 2019 | 03:36

NEWS DALLE PROVINCE

BariL'elezione
Bari, l'ex campione mondiale di canottaggio Verroca è il nuovo presidente

Bari, l'ex campione mondiale di canottaggio Verroca è il nuovo presidente del circolo Barion

 
TarantoSi è impiccato
Taranto, si uccide in carcere 78ene che massacrò a coltellate la moglie a Trepuzzi

Taranto, si uccide in carcere 78enne che massacrò a coltellate la moglie a Trepuzzi

 
FoggiaLite sulle elezioni
San Severo, scazzottata nella sede della Lega per il candidato sindaco. Due espulsi, arriva il commissario

San Severo, rissa nella sede della Lega per il candidato sindaco. Il partito li caccia

 
LecceNel Leccese
Ruba 200 libri antichi da casa di un anziano: denunciato a Taviano

Ruba 200 libri antichi da casa di un anziano: denunciato a Taviano

 
BatLa protesta
Trani senza pronto soccorso, i cittadini scendono in piazza

Trani senza pronto soccorso, i cittadini scendono in piazza

 
BrindisiNel Brindisino
Cisternino: era ricercato da 7 anni per droga, arrestato nella notte 39enne

Cisternino: era ricercato da 7 anni per droga, arrestato nella notte 39enne

 
MateraIl caso
matera bari

Matera, svaligiavano appartamenti: in manette 3 ladri baresi

 
PotenzaDal gip di Potenza
Lavello, donna di mezza età in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

Lavello, donna 40enne in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

 

Niente acqua, a rischio 3mila aziende nel Tarantino

Il consorzio di bonifica Stornara e Tara è senza fondi e circa 3mila aziende agricole, molte delle quali di colture pregiate, non possono usufruire dell'irrigazione
TARANTO - Circa tremila aziende agricole ioniche, molte delle quali producono colture pregiate, e un migliaio di aziende zootecniche sarebbero a rischio perchè non possono usufruire dell'irrigazione dal consorzio di bonifica Stornara e Tara, rimasto senza fondi. L'allarme è stato dato dai dirigenti del consorzio (il presidente Filippo Milano e i vicepresidenti Franco Passeri e Domenico Palmitesta sono dimissionari) in una riunione svoltasi nella prefettura di Taranto: vi hanno partecipato anche i sindaci e i rappresentanti dei comuni jonici interessati.
Secondo i dirigenti del consorzio, la situazione sarebbe simile anche in altri consorzi pugliesi a causa delle difficoltà finanziarie. «La gravità della situazione - ha affermato Filippo Milano - è legata all'insolvenza degli obblighi contributivi da parte dei consorziati, che ha provocato l'assoluta mancanza delle risorse economiche indispensabili per far fronte alla gestione ordinaria dell'ente».
Milano ha ricordato che due mesi fa i dirigenti del consorzio per questo motivo si erano dimessi inviando una lettera al prefetto di Taranto, al presidente della Regione Puglia e all'assessore all'agricoltura. I dirigenti del consorzio Stornara e Tara hanno evidenziato che la mancanza di risorse per affrontare anche la manutenzione ordinaria di cui hanno bisogno gli impianti provocherà il blocco degli impianti idrovori e di sollevamento delle acque.
Inoltre l'Acquedotto pugliese e il consorzio di bonifica Bradano e Metaponto hanno già comunicato il loro rifiuto a proseguire la fornitura di acqua a causa dei crediti vantati per gli anni scorsi, mentre l'Enel ha minacciato di interrompere nuovamente l'erogazione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400