Giovedì 17 Gennaio 2019 | 11:30

Restano in carcere i genitori di Eleonora

Il giudice ha ritenuto che la coppia, che abita in un locale nel popolare quartiere di Enziteto, sia responsabile della morte della piccina e ne ha convalidato l'arresto
BARI - E' stato convalidato dal gip di Bari Michele Parisi l'arresto della donna di 23 anni, madre della piccola Eleonora morta di stenti a Bari, e del suo convivente, un pregiudicato di 43 anni: i due furono arrestati sabato scorso per omicidio colposo della bimba, violazione degli obblighi di assistenza famigliare e maltrattamenti in famiglia.
A conclusione dell'udienza per la convalida degli arresti, che si è protratta fino alle 17.30, il giudice ha ritenuto che la coppia, che abita in un locale nel popolare quartiere di Enziteto-San Pio, sia responsabile della morte della piccina. Una morte causata da denutrizione, secondo quanto accertato dalle indagini e confermato dall'autopsia compiuta ieri: la piccola, secondo l'esame, da almeno due mesi non veniva nutrita in modo adeguato tanto che a 16 mesi di età pesava quanto un neonato, appena cinque chili.
Ma non è escluso che su di lei venissero compiuti anche maltrattamenti. In particolare sembra che sua madre non sopportasse il suo pianto, e che spesso la prendesse dal letto e la scuotesse con forza, per farla smettere. Così - secondo l' accusa - le avrebbe provocato qualche escoriazione. Sul braccio sinistro della piccola, inoltre, sono state trovate anche due fratture, forse causate da una o più cadute.
Oltre a convalidare l'arresto dei due, il giudice ha anche disposto con provvedimento d'urgenza che i tre fratellini della piccola, di quattro e due anni e di quattro mesi, siano affidati a una comunità. La loro madre e il suo convivente, invece, per il momento restano in carcere a Bari, ma non è escluso che nei prossimi giorni la donna possa essere trasferita in un altra località per ragioni di sicurezza.
I funerali della piccola, organizzati dal Comune di Bari, si svolgeranno domani alle 16 nella chiesa della Natività di nostro Signore, nel quartiere di Enziteto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400