Sabato 16 Febbraio 2019 | 22:49

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIl premio
Ex Ilva Taranto, azienda di pulizie da 100 euro a chi non si fa male sul lavoro

Ex Ilva Taranto, azienda di pulizie dà 100 euro a chi non si fa male sul lavoro

 
BariL'appello
Puglia, i giovani di Forza Italia: «Il rilancio del partito passa da noi»

Puglia, i giovani di Forza Italia: «Il rilancio del partito passa da noi»

 
LecceVerso le elezioni
Lecce, il centrodestra ufficializza le primarie

Lecce, il centrodestra ufficializza le primarie

 
MateraIl caso
matera bari

Matera, svaligiavano appartamenti: in manette 3 ladri baresi

 
BatDavanti al porto
Trani, anziana in acqua: soccorsa in tempo, rischiava assideramento

Trani, anziana in acqua: soccorsa in tempo, rischiava assideramento

 
BrindisiAi domiciliari
Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

 
PotenzaDal gip di Potenza
Lavello, donna di mezza età in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

Lavello, donna 40enne in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

 
FoggiaSfiducia al sindaco
San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

 

Lecce - Vandali danneggiano presepe in piazza

Nelle prime ore del mattino qualcuno ha sottratto, decapitandola, la statua del bambinello. «Un gesto davvero inqualificabile, perpetrato da gentaglia» commenta in una nota il sindaco
LECCE - Un atto vandalico è stato compiuto contro il presepe allestito dal Comune di Lecce nell'anfiteatro di piazza Sant'Oronzo. Nelle prime ore del mattino qualcuno ha sottratto, decapitandola, la statua del bambinello.
«Un gesto davvero inqualificabile, perpetrato da gentaglia» commenta in una nota il sindaco, Adriana Poli Bortone, per la quale chi ha compiuto il gesto appartiene «ad una cultura priva di ogni valore morale e ideale».
Ricordando un altro atto vandalico compiuto nei giorni scorsi in città - l'imbrattamento dell'arco di Porta Napoli - il sindaco definisce «delinquenti» gli autori del gesto e si dice «sicura che non si tratta di leccesi. E' gentaglia - ribadisce - che vive con l'intento di devastare la città, non avendo alcuna remora morale e nessun valore di riferimento, né religione, né patria, né famiglie».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400