Mercoledì 22 Maggio 2019 | 17:03

Il Biancorosso

L'ANALISI
Bari, 10 milioni di euro per il mercatoDe Laurentiis vuole crescere in fretta

Bari, 10 milioni di euro per il mercato: De Laurentiis vuole crescere in fretta

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariLa guardia costiera
Bari, sequestrati oltre 6 quintali di tonno: il pesce dato in beneficenza

Bari, sequestrati oltre 6 quintali di tonno: pesce in beneficenza

 
MateraL'idea
Matera 2019: mille studenti in marcia per la «Cultura»

Matera 2019: mille studenti in marcia per la «Cultura»

 
LecceÈ in prognosi riservata
Nardò, esplode distributore di bevande: grave operaio 23enne

Nardò, esplode distributore di bevande: grave operaio 23enne

 
TarantoIl caso
Taranto, furti nei supermercati del centro: 5 denunce

Taranto, furti nei supermercati del centro: 5 denunce

 
Foggianel foggiano
mattinata

Mafia, amministrazione giudiziaria per ditta allevamento a Mattinata

 
BrindisiDopo la denuncia
Erchie, picchia e minaccia la moglie per anni: arrestato

Erchie, picchia e minaccia la moglie per anni: arrestato

 
PotenzaL'operazione
GdF, a Lauria scoperti 5 lavoratori in nero

GdF, a Lauria scoperti 5 lavoratori in nero

 
BatSanità
Andria, donazione multiorgano: il gesto di un 70enne

Andria, donazione multiorgano: il gesto di un 70enne

 

i più letti

Puglia - Centrati gli obiettivi dei fondi Ue

Entro il 31 dicembre 2004 spesi oltre 1.300 milioni di euro dei fondi Por-Puglia 2000-2006 e si può vantare un ulteriore aggiunta di risorse pari a circa 40 milioni
Raffaele Fitto BARI - La Regione Puglia ha centrato i risultati relativi all'impiego, entro il 31 dicembre 2004, di oltre 1.300 milioni di euro dei fondi Por-Puglia 2000-2006 e può vantare un ulteriore aggiunta di risorse pari a circa 40 milioni di euro. Il 50% dell'intero Programma prevede impegni già vincolanti, molti dei quali sono in corso di realizzazione. Lo ha spiegato nel corso di una conferenza stampa il presidente della Regione Puglia, Raffaele Fitto, che ha definito «importante, notevole e positivo» il risultato raggiunto che - ha detto - «evidenzia l'efficienza di questa amministrazione nell'ambito delle scelte collegate al Programma operativo regionale (Por)».
«In passato - ha proseguito Fitto - le risorse comunitarie si perdevano, oggi non solo le spendiamo tutte rispettando gli impegni, ma come è noto nei prossimi mesi spenderemo 300 milioni di euro di premialità che la Regione ha ottenuto». Il presidente della Regione ha poi spiegato che le premialità saranno impiegate verso settori che «sostanzialmente incidono maggiormente sullo sviluppo della regione».
Fitto ha poi definito «uccelli del malaugurio» quanti, nei mesi scorsi, avevano affermato che la Regione non avrebbe mai speso tutti i soldi comunitari.
Il target di spesa pubblica cumulata da raggiungere entro il 31 dicembre scorso per evitare il disimpegno dell'annualità 2002 era complessivamente di 1.307,4 milioni di euro suddiviso in quattro fondi: Fesr (Fondo sviluppo regionale), Fse (sociale europeo), Feoga (agricoltura) e Sfop (pesca). La Regione Puglia ha invece speso e certificato alla Commissione europea 1.346,8 milioni di euro, ottenendo così un avanzo aggiuntivo di risorse pari a 39,4 milioni.
Nel corso dell'incontro Fitto ha spiegato che «rispetto alle risorse pubbliche stanziate per il periodo 2000-2006, pari a 4.692,7 milioni di euro, le spese sostenute al 31 dicembre 2004 ammontavano a 1.346,8 milioni, pari al 28,7% delle disponibilità complessive». «L'avanzamento degli impegni giuridicamente vincolati - ha proseguito - registrati alla fine del 2004 sono stati pari a circa il 50% della dotazione finanziaria del programma, che vuol dire che il 50% dei 4.692,7 milioni sono sostanzialmente già in corso di realizzazione sull' intero territorio regionale».
Fitto ha poi ricordato che «la giunta ha già completato l'approvazione dei cinque programmi integrati settoriali (Pis) e di otto dei dieci programmi integrati territoriali (Pit), gli altri due saranno varati nei prossimi giorni, e tutto questo mobiliterà tutta la parte residua del Programma perché all'interno di queste due opportunità (dei Pis e dei Pit) ruota la stragrande maggioranza di risorse residue del Por».
«Aver centrato oggi questo importante risultato - ha concluso - è significativo» per due motivi: «perché il 31 dicembre 2004 era la data più difficile in assoluto in quanto vi era la maggiore quantità, oltre 1.300 milioni di euro, da spendere», e perché «la mole di lavoro era enorme: per questo devo esprimere un ringraziamento sentito a tutti coloro che, all'interno delle diverse strutture regionali, hanno lavorato per raggiungere un risultato così rilevante».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400