Sabato 16 Febbraio 2019 | 22:35

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIl premio
Ex Ilva Taranto, azienda di pulizie da 100 euro a chi non si fa male sul lavoro

Ex Ilva Taranto, azienda di pulizie dà 100 euro a chi non si fa male sul lavoro

 
BariL'appello
Puglia, i giovani di Forza Italia: «Il rilancio del partito passa da noi»

Puglia, i giovani di Forza Italia: «Il rilancio del partito passa da noi»

 
LecceVerso le elezioni
Lecce, il centrodestra ufficializza le primarie

Lecce, il centrodestra ufficializza le primarie

 
MateraIl caso
matera bari

Matera, svaligiavano appartamenti: in manette 3 ladri baresi

 
BatDavanti al porto
Trani, anziana in acqua: soccorsa in tempo, rischiava assideramento

Trani, anziana in acqua: soccorsa in tempo, rischiava assideramento

 
BrindisiAi domiciliari
Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

 
PotenzaDal gip di Potenza
Lavello, donna di mezza età in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

Lavello, donna 40enne in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

 
FoggiaSfiducia al sindaco
San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

 

Ordigno bellico trovato a Trani

E' stato fatto brillare. si trattava di una bomba incendiaria, tecnicamente un proiettile di artiglieria da 149 millimetri composto da cloruro di benzene
TRANI - Aveva preoccupato non poco gli abitanti di Trani, e soprattutto marinai e addetti portuali, la presenza dell'ordigno bellico rinvenuto in mare e parcheggiato momentaneamente nelle acque antistanti il porto. Questa mattina l'ordigno bellico, che era sul fondale del porto, è stato fatto brillare.
L'intervento di recupero dell'ordigno è stato eseguito dal nucleo SDAI del Dipartimento della Marina di Taranto, dal nucleo NBC di Civitavecchia, dal nucleo del ventunesimo reggimento del Genio guastatori di Caserta.
Hanno collaborato alle operazioni di recupero e trasporto, uomini dei Vigili del fuoco, della Capitaneria di Porto, della Polizia di stato, della Polizia municipale di Trani e dei carabinieri.

L'ordigno bellico rinvenuto qualche settimana fa e poi rivestito con un contenitore di stagno per alcune strane «perdite» di sostanze probabilmente tossiche, è stato estratto dal fondale marino e trasportato nella zona del Molo Santa Lucia per essere esaminato.
Dal controllo è emerso che si trattava di una bomba incendiaria, tecnicamente un proiettile di artiglieria da 149 millimetri composto da cloruro di benzene.
L'ordigno è stato trasportato, sotto scorta, in una cava fuori dal territorio cittadino ed è stato fatto brillare in condizioni di sicurezza dagli artificieri.
Paolo Pinnelli

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400