Martedì 19 Febbraio 2019 | 03:30

NEWS DALLE PROVINCE

LecceNel Leccese
Distruggono macchia mediterranea per costruire edifici, due denunce a Porto Cesareo

Distruggono macchia mediterranea per costruire edifici, due denunce a Porto Cesareo

 
HomeDopo la protesta
Ex Ilva, deputati M5s contestati a Taranto: «Traditori». La replica: «Mai parlato di chiusura»

Ex Ilva, deputati M5s contestati a Taranto: «Traditori». La replica: «Mai parlato di chiusura»

 
BariLa lettera del sindaco
Palagiustizia Bari, Decaro: «Mi aspetto risposte da Bonafede»

Palagiustizia Bari, Decaro: «Mi aspetto risposte da Bonafede»

 
BrindisiLotta alla droga
Carovigno, "spiaggiati" a Punta Penna Grossa 14 kg di marijuana

Carovigno, "spiaggiati" a Punta Penna Grossa 14 kg di marijuana

 
MateraDopo la frana
Pomarico, servizio di vigilanza davanti alle scuole

Pomarico, servizio di vigilanza davanti alle scuole

 
HomeLa nomina
Basilicata, Berlusconi presenta il candidato unico del centro destra: è Bardi

Basilicata, Berlusconi presenta il candidato unico del centro destra: è Bardi

 
FoggiaLotta allo spaccio
San Severo, in camera 10 kg di droga e un’arma clandestina: arrestato 28enne

San Severo, in camera 10 kg di droga e un’arma clandestina: arrestato 28enne

 

Barletta - Sequestra e violenta una disabile

Arrestato un uomo di 53 anni di Corato (Bari): a quanto si è appreso, avrebbe convinto la ragazza a salire a bordo della sua automobile offrendole un gelato; si sarebbe quindi diretto nel garage di sua proprietà e lì l'avrebbe rinchiusa per tre giorni, violentandola ripetutamente
BARLETTA (BARI) - Avrebbe violentato una giovane di 22 anni affetta da ritardo psichico segregandola per tre giorni in un box per auto di sua proprietà. Con l'accusa di sequestro di persona e violenza sessuale, un uomo di 53 anni di Corato (Bari) è stato arrestato dai carabinieri di Barletta.
A quanto si è appreso, il 53/enne avrebbe convinto la ragazza a salire a bordo della sua automobile offrendole un gelato; si sarebbe quindi diretto nel garage di sua proprietà e lì l'avrebbe rinchiusa per tre giorni, violentandola ripetutamente.
La giovane, dopo essere tornata a casa, si è confidata con i fratelli, che hanno denunciato l'accaduto ai carabinieri. Questi ultimi, con l'aiuto di una psicologa, sono riusciti a farsi raccontare dalla ragazza quanto le era accaduto e a identificare il responsabile della violenza.
Non è stato ancora accertato per quanto tempo la ragazza abbia subito violenze dal momento che, a causa - a quanto è stato reso noto - del suo ritardo psichico, non ha saputo riferire circostanze temporali dell' accaduto. Quello che è certo - secondo i carabinieri - è che almeno per una volta nell' agosto scorso la ragazza è stata sequestrata per tre giorni consecutivi.
Dopo il suo ritorno a casa, ai genitori, che avevano presentato una denuncia di scomparsa, la giovane non seppe raccontare quanto accaduto e si limitò a dire che aveva trascorso quel tempo a casa di un uomo, che - secondo quanto accertato successivamente - sarebbe un amico del padre.
E' stato anche accertato che in quell' occasione l' uomo, che è un agricoltore e vive a Corato, a una trentina di chilometri da Barletta, si era recato in quest' ultima città una mattina di agosto ed aveva atteso che la ragazza uscisse di casa. Senza essere visto dai famigliari della giovane, era riuscito a farla salire sulla sua autovettura col pretesto di offrirle un gelato senza incontrare difficoltà, dal momento che la ragazza lo conosceva come amico del padre.
L'avrebbe quindi portata nel suo box a Corato e l'avrebbe segregata per almeno tre giorni, violentandola ripetutamente al suo rientro dal lavoro nei campi. E' stato accertato che l'uomo usava una tale violenza sulla ventiduenne da procurarle lividi sul corpo. La ragazza si è poi confidata con i fratelli che hanno denunciato l'accaduto ai carabinieri.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400