Domenica 19 Maggio 2019 | 20:20

Il Biancorosso

L'ALLENATORE
Cornacchini: "Daremo battaglia ad AvellinoDimostreremo di essere la squadra più forte"

Cornacchini: «Ad Avellino dimostreremo di essere la squadra più forte»

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceQuesta mattina
Lecce, assalto al gazebo Lega in centro: una ragazza contusa. Martedì atteso Salvini

Lecce, assalto a gazebo Lega in centro: 17enne contusa. Martedì atteso Salvini

 
BatIl diretto
Ferrovie: l'Alta Velocità arriva a Barletta, due Frecciargento da e per Roma

Treni, a Barletta fermerà Bari-Roma. Mit: nuovi servizi su Alta velocità. Che non esiste

 
TarantoNel tarantino
Manduria, anziano pestato a morte da baby-gang: altri 4 minori indagati

Manduria, anziano pestato a morte: indagati altri 4 minori

 
FoggiaNel foggiano
Chieuti, uomo morì durante corsa buoi: animalisti chiedono lo stop a Emiliano

Chieuti, uomo morì durante corsa buoi: animalisti chiedono lo stop

 
Brindisinel brindisino
Latiano, crolla solaio di scuola in ristrutturazione: grave operaio

Latiano, crolla solaio di scuola in ristrutturazione: grave operaio

 
PotenzaA ripacandida
Si ustiona mentre accende il camino: grave un 20enne nel Potentino

Si ustiona mentre accende il camino: grave un 20enne nel Potentino

 

i più letti

Antiusura: casse a secco e il Governo non aiuta

La Consulta nazionale delle fondazioni e associazioni antiusura che ha sede a Bari denuncia l'assenza di finanziamenti del Governo
BARI - Sono stati «solo formali i riconoscimenti sulla nostra attività» da parte dell'attuale Governo che «non ha mai rifinanziato la legge antiusura 108/96 e che, in questo modo, con i fatti ci dice che non ha mai potuto o voluto trovare neppure 50 milioni di euro per consentire alle fondazioni antiusura di operare sul territorio nazionale a salvezza di quanti soggiacciono a schiavitù usuraia». Lo afferma in una nota la Consulta nazionale delle fondazioni e associazioni antiusura che ha sede a Bari.
«Le conseguenze di questo venir meno dello Stato - è detto - che ancora non provvede a sostenere la sua legge antiusura, è che restano non operative le fondazioni che hanno esaurito i fondi loro concessi». «Neppure si vorrebbero conservare alla lotta all'usura - viene aggiunto - i fondi stanziati e non spesi dai Confidi, fondi che potrebbero addirittura essere ripassati alla ragioneria dello Stato, e non al ministero del Tesoro per finanziare fondazioni meritevoli o mai finanziate».
Intanto - prosegue la Consulta - il commissariato di governo «si accinge a spendere 2.500.000 euro per informare la cittadinanza nazionale sulle provvidenze della legge antiusura e della legge 44/99, gettando fumo negli occhi per quanto riguarda l'articolo 15 della legge 108/96 per mancanza di fondi». «Cosa dovremmo dire noi - è detto ancora - nelle nostre sedi quando ci domanderanno di essere aiutati in conformità con la legge, secondo la pubblicità governativa che verrà attivata dal prossimo primo dicembre? Si trovano soldi per la pubblicità e non per combattere l'usura. Cosa dovremmo dire alle persone che sono disponibili a denunciare gli usurai ma non hanno un avvocato che li assista?».
La Consulta antiusura ritiene che «se i fondi non sono stati trovati è perchè non è presente in coloro che decidono il necessario interesse» e propone, infine, che si decida «di incanalare all'antiusura almeno le multe che vengono fatte alle banche per comportamenti non conformi alla legge».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400