Sabato 23 Febbraio 2019 | 08:29

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaVerso le regionali
Elezioni, a Potenza e Matera le prime liste: sono di centrodestra e M5S

Elezioni, a Potenza e Matera le prime liste: sono di centrodestra e M5S

 
LecceSalento
Villa al mare del pm a Porto Cesareo, M5S fa un passo indietro e ritira l'interrogazione

Villa al mare del pm a Porto Cesareo, M5S fa retromarcia e ritira interrogazione

 
BariLa sentenza
Bari, offese tra ragazzi via whatsapp: per la Cassazione è diffamazione

Bari, offese tra ragazzini via whatsapp: per la Cassazione è diffamazione

 
HomeIl siderurgico
Ex Ilva a Taranto, ripartono gli impianti: soddisfazione della Fim

Ex Ilva a Taranto, ripartono gli impianti: soddisfazione della Fim

 
BrindisiFurto in casa
San Vito dei Normanni, ristrutturano abitazione e rubano 2.500 euro: denunciati n 2

San Vito dei Normanni, ristrutturano abitazione e rubano 2.500 euro: 2 denunciati 

 
GdM.TVGli arresti della Polizia
Andria, assaltavano tir con esplosivo e armi: decimato clan Griner, 11 in carcere

Andria, assaltavano tir con esplosivo e armi: decimato clan Griner, 11 in carcere

 
MateraSfruttamento
Metaponto, ecco la Felandina: il «ghetto» dove vivono 400 disperati

Metaponto, ecco la Felandina: il «ghetto» dove vivono 400 disperati

 
FoggiaAtti vandalici
Foggia, bus Ataf presi a sassate da baby gang

Foggia, bus Ataf presi a sassate da baby gang

 

Approvato il piano per l'habitat rupestre

La Giunta regionale della Puglia ha stanziato 63 milioni di euro per la valorizzazione dei beni culturali e ambientali di un territorio che comprende 13 comuni tra Bari e Taranto
GRAVINA IN PUGLIA (BARI) - L'habitat rupestre, quel territorio della Murgia pugliese solcato da avvallamenti e incisioni noti come le gravine, ha da oggi un piano specifico per la sua valorizzazione. La giunta regionale della Puglia, riunita stamani nel municipio di Gravina in Puglia, ha infatti approvato il Progetto integrato settoriale (Pis) Habitat rupestre che stanzia 63 milioni di euro per la valorizzazione dei beni culturali e ambientali di un territorio che comprende 13 comuni a cavallo delle province di Bari e Taranto.
Quello approvato oggi è il terzo dei cinque Pis previsti dal Por Puglia 2000-2006; nei giorni scorsi sono stati approvati dalla giunta pugliese i Pis riguardanti il barocco pugliese e il Gargano, domani sarà la volta di quello del Salento e nella prossima settimana del Pis relativo al recupero del territorio normanno-svevo.
«Per il Pis Habitat rupestre - ha detto il presidente della Regione Puglia, Raffaele Fitto - abbiamo già stabilito degli interventi nell' ambito dei beni culturali e delle aree archeologiche per 15 milioni di euro; in più c' è una strategia che mette insieme misure per un quadro complessivo di oltre 63 milioni di euro, che hanno l'obiettivo di rendere omogeneo il territorio di riferimento». Fitto ha rilevato che sarà così «possibile creare le condizioni per promuovere al meglio le potenzialità turistiche di questo territorio concentrandosi sulla salvaguardia ambientale, sulla opportunità di incentivazione e formazione nel settore del turismo rivolgendosi agli operatori privati». «Mi sembra - ha concluso - che questo Pis sia un utile strumento e soprattutto che affronti in modo organico la questione delle grosse potenzialità di questo territorio».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400