Martedì 19 Febbraio 2019 | 08:40

NEWS DALLE PROVINCE

LecceNel Leccese
Distruggono macchia mediterranea per costruire edifici, due denunce a Porto Cesareo

Distruggono macchia mediterranea per costruire edifici, due denunce a Porto Cesareo

 
HomeDopo la protesta
Ex Ilva, deputati M5s contestati a Taranto: «Traditori». La replica: «Mai parlato di chiusura»

Ex Ilva, deputati M5s contestati a Taranto: «Traditori». La replica: «Mai parlato di chiusura»

 
BariLa lettera del sindaco
Palagiustizia Bari, Decaro: «Mi aspetto risposte da Bonafede»

Palagiustizia Bari, Decaro: «Mi aspetto risposte da Bonafede»

 
BrindisiLotta alla droga
Carovigno, "spiaggiati" a Punta Penna Grossa 14 kg di marijuana

Carovigno, "spiaggiati" a Punta Penna Grossa 14 kg di marijuana

 
MateraDopo la frana
Pomarico, servizio di vigilanza davanti alle scuole

Pomarico, servizio di vigilanza davanti alle scuole

 
HomeLa nomina
Basilicata, Berlusconi presenta il candidato unico del centro destra: è Bardi

Basilicata, Berlusconi presenta il candidato unico del centro destra: è Bardi

 
FoggiaLotta allo spaccio
San Severo, in camera 10 kg di droga e un’arma clandestina: arrestato 28enne

San Severo, in camera 10 kg di droga e un’arma clandestina: arrestato 28enne

 

Lite tra condomini a colpi d'accetta

In carcere sono finiti il 51enne Giuseppe Berardino e il 49enne Vincenzo Cavuoto, arrestati dai poliziotti di una volante del commissariato. Denunciate per rissa anche due donne
CORATO - Poteva sfociare in tragedia una semplice lite condominiale scoppiata l'altro pomeriggio, in pieno centro, a Corato. Alla fine i due protagonisti della zuffa, uno dei quali armato di accetta, sono finiti in manette. Altre due persone, che hanno partecipato alla rissa, sono state denunciate.
In carcere sono finiti il 51enne Giuseppe Berardino e il 49enne Vincenzo Cavuoto, arrestati dai poliziotti di una volante del commissariato.
Scenario della rissa, che si è protratta anche per strada, è stato uno stabile di via Vanucci. Due dei suoi inquilini, dopo l'ennesima discussione, si sono affrontati a calci e pugni. Ai due litiganti si sono poi aggiunte due donne, anche loro inquiline dello stabile, che non hanno esitato ad aggregarsi alla rissa.
Uno dei due inquilini, Berardino, ad un certo punto è riuscito a impugnare un'accetta ed ha minacciato di utilizzarla. Ha risolto tutto una telefonata anonima al «113»: gli agenti hanno disarmato Berardino ed hanno accompagnato i quattro litiganti prima al pronto soccorso - a causa delle contusioni riportate nella scambio «di opinioni» - poi in commissariato, dove le due donne sono state denunciate per rissa mentre per Berardino e Cavuoto è scattato l'arresto.
Paolo Pinnelli

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400