Domenica 20 Ottobre 2019 | 03:25

Il Biancorosso

L'intervista
Bergossi sente la voce del cuore: «Bari hai tutto per tornare in B»

Bergossi sente la voce del cuore: «Bari hai tutto per tornare in B»

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaL'incidente
Manfredonia, scontro frontale tra due auto: un morto e 4 feriti

Manfredonia, scontro frontale tra due auto: un morto e 4 feriti

 
TarantoMARINA MILITARE
Taranto, musica e solidarietà insiemesuccesso del concerto "Note d'autunno"

Taranto, musica e solidarietà insieme successo del concerto "Note d'autunno"

 
BrindisiIl sequestro
Ceglie Messapica, arrivano i Cc e nascondono fucile: arrestato padre e figlio

Ceglie Messapica, arrivano i Cc e nascondono fucile: arrestato padre e figlio

 
PotenzaDopo il blitz
Arresti a Potenza, l'inchiesta sulle mazzette si allarga a «Matera 90»

Arresti a Potenza, l'inchiesta sulle mazzette si allarga a «Matera 90»

 
LecceUn 67enne
Melendugno, gli sfugge motosega di mano: muore dissanguato

Melendugno, gli sfugge motosega di mano: muore dissanguato

 

i più letti

Uccide la moglie e la getta nel cassonetto

Antonio Battista si è presentato ai carabinieri di Sannicandro Garganico (Foggia) e ha confessato l'uxoricidio. Il corpo di Antonietta Scalise però non si trova
FOGGIA - Non è ancora stato trovato il corpo, ma il presunto assassino, reo confesso, è in stato di fermo, accusato di omicidio e occultamento di cadavere. Antonio Battista, operaio di 60 anni emigrato dalla Puglia a Francoforte sul Reno, in Germania, si era presentato ieri ai carabinieri di Sannicandro Garganico confessando di aver ucciso la moglie, Antonietta Scalise, di 55 anni, colpendola a pietre durante una lite. Si sarebbe sbarazzato poi del cadavere, infilandolo in una busta di plastica e poi buttandolo in un cassonetto dell'immondizia. I militari hanno trovato riscontri e numerose tracce di sangue nella zona indicata dall'uomo come la scena del delitto, che sarebbe avvenuto una decina di giorni fa. Dopo averla uccisa Antonio Battista aveva anche denunciato la scomparsa della donna, accusandola di un presunto tradimento. Ieri, roso dal rimorso ha confessato l'uxoricidio.
Per tutta la giornata, nella grande discarica a 15 km da Vieste dove confluisce la raccolta dei rifiuti di molti comuni del Gargano, gli addetti hanno scavato alla ricerca dei resti della donna, coadiuvati dai carabinieri di San severo e del Comando Provicniale di Foggia. Domani i lavori riprenderanno all'alba anche con l'ausilio di sofisticate apparecchiature.
Non è ancora stato trovato il corpo, ma il presunto assassino, reo confesso, è in stato di fermo, accusato di omicidio e occultamento di cadavere. Antonio Battista, operaio di 60 anni emigrato dalla Puglia a Francoforte sul Reno, in Germania, si era presentato ieri ai carabinieri confessando di aver ucciso la moglie, Antonietta Scalise.
Si sarebbe sbarazzato poi del cadavere, infilandolo in una busta di plastica e buttandolo in un cassonetto dell'immondizia. Per tutta la giornata, nella grande discarica a 15 km da Vieste dove confluisce la raccolta dei rifiuti di molti comuni del Gargano, gli addetti hanno scavato alla ricerca dei resti della donna, coadiuvati dai carabinieri di San Severo e del Comando Provinciale di Foggia.
Domani i lavori riprenderanno all'alba anche con l'ausilio di sofisticate apparecchiature.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie