Venerdì 15 Febbraio 2019 | 20:58

NEWS DALLE PROVINCE

MateraNel 2009
Bernalda, tentò di picchiare il sindaco in aula: in manette 71enne

Bernalda, tentò di picchiare il sindaco in aula: in manette 71enne

 
FoggiaIn via Manfredonia
Foggia, auto contro pilone, 76enne muore sul colpo

Foggia, auto contro pilone, 76enne muore sul colpo

 
TarantoDenunce
Nel circolo privato furto di elettricità e 6 slot machine abusive: sequestri a Taranto

Nel circolo privato furto di elettricità e 6 slot machine abusive: sequestri a Taranto

 
PotenzaNel potentino
Francavilla in Sinni, crolla tetto di casa, madre e figlio in ospedale, uomo ancora sotto le macerie

Francavilla in Sinni: crolla tetto di casa, 3 persone estratte vive, grave un uomo

 
BrindisiProvoca il cancro
Al Perrino in anatomia patologica è allarme formaldeide

Al Perrino in anatomia patologica è allarme formaldeide

 
LecceNuove accuse
Ugento: Roberta, uccisa 20 anni fa, forse fu molestata

Ugento: Roberta, uccisa 20 anni fa, forse fu molestata

 
BatSanità
Andria, uomo di 67 anni dona rene e cornee

Andria, uomo di 67 anni dona rene e cornee

 

Taranto, minorenni picchiano coetaneo

Quattro ragazzi hanno aggredito e rapinato per strada un loro coetaneo, portandogli via il telefono cellulare. E' accaduto in pieno centro. Due ragazzi, di 16 e di 14 anni, sono stati individuati e arrestati dai Falchi della questura
TARANTO - Quattro minorenni picchiano e rapinano per strada un loro coetaneo, portandogli via il telefono cellulare. E' accaduto a Taranto, in pieno centro. Due ragazzi, di 16 e di 14 anni, sono stati individuati e arrestati dai Falchi della questura di Taranto. Ora sono rinchiusi nel Centro di prima accoglienza del capoluogo jonico con l'accusa di rapina aggravata, mentre proseguono le indagini per identificare due loro complici.
La rapina è stata compiuta in via Mazzini. Il ragazzo derubato è stato affrontato da quattro giovani che lo hanno aggredito con calci e pugni sottraendogli il telefonino cellulare. Quando gli aggressori sono fuggiti, il ragazzo è tornato a casa e ha raccontato tutto ai genitori che lo hanno accompagnato in ospedale, dov'è stato medicato (guarirà in sette giorni).
Avviate le indagini, i poliziotti hanno rintracciato due degli aggressori nella stessa zona della rapina, li hanno arrestati e hanno recuperato il telefonino cellulare alla quale era stata sottratta e distrutta la scheda.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400