Venerdì 22 Febbraio 2019 | 13:37

NEWS DALLE PROVINCE

HomeSalute femminile
Acquaviva, l'ospedale Miulli "in Rosa": porte aperte per visite gratuite e consulti

Acquaviva, l'ospedale Miulli "in Rosa": porte aperte per visite gratuite e consulti

 
TarantoL'arresto
Bancarotta fraudolenta, ai domiciliari un imprenditore tarantino

Bancarotta fraudolenta, ai domiciliari un imprenditore tarantino

 
BrindisiFurto in casa
San Vito dei Normanni, ristrutturano abitazione e rubano 2.500 euro: denunciati n 2

San Vito dei Normanni, ristrutturano abitazione e rubano 2.500 euro: 2 denunciati 

 
GdM.TVGli arresti della Polizia
Andria, assaltavano tir con esplosivo e armi: decimato clan Griner, 11 in carcere

Andria, assaltavano tir con esplosivo e armi: decimato clan Griner, 11 in carcere

 
HomeLa scoperta della Gdf
Lecce, maxi frode fiscale di oltre 12 mln con gli imballaggi: 3 arresti

Lecce, maxi frode fiscale da 14 mln: 3 arresti, tra cui noto imprenditore di Presicce VD

 
PotenzaEconomia
Lo Svimez alla Basilicata: «Trattenete più royalties»

Lo Svimez alla Basilicata: «Trattenete più royalties»

 
MateraSfruttamento
Metaponto, ecco la Felandina: il «ghetto» dove vivono 400 disperati

Metaponto, ecco la Felandina: il «ghetto» dove vivono 400 disperati

 
FoggiaAtti vandalici
Foggia, bus Ataf presi a sassate da baby gang

Foggia, bus Ataf presi a sassate da baby gang

 

Brindisi - Quaranta ore per domare il rogo

Sono bruciate decine di quintali di materie plastiche, ora i Vigili del fuoco stanno separando blocchi di plastica fusa per raffreddarli e per evitare che il caldo e il sole possano innescare incendi
BRINDISI - Decine di vigili del fuoco sono al lavoro da una quarantina di ore, nella zona industriale di Brindisi, per l'incendio sviluppatosi l'altra notte in un deposito di materiale plastico. Sono bruciate decine di quintali di materie plastiche, ma stamane sembra che i vigili siano riusciti ad avere ragione delle fiamme: non si vede infatti più fuoco levarsi dall'enorme ammasso incandescente.
A questo punto, è stato reso noto, è necessario separare i blocchi di plastica fusa per raffreddarli e quindi per evitare che il caldo e il sole possano determinare fenomeni di nuova combustione. Per far questo, vengono impiegate gru e ancora i mezzi di spegnimento incendi dei vigili del fuoco.
Sono stati al lavoro sinora anche i tecnici dell'Agenzia regionale per l'ambiente (Arpa) per rilevare eventuali pericoli per i cittadini a causa di fumi dannosi provocati dalla combustione: sinora sarebbero stati scongiurati rischi, anche e soprattutto perché gran parte del fumo, si assicura, è vapore determinato dagli spruzzi di acqua sulla plastica incandescente. D'altro canto per tutta la giornata di ieri un vento favorevole ha spinto i fumi nella parte opposta rispetto alla città. Anche stamani, nonostante sia cambiata la direzione del vento, si assicura che non esistono rischi per la salute della popolazione.
Sul posto, si sono recati in queste ore il sindaco di Brindisi, Domenico Mennitti, il vice presidente della Provincia, Franco, i vice prefetti Petrucci e La Stella, i responsabili dell'Arpa e del comando provinciale dei vigili del fuoco.
Le squadre di vigili del fuoco che si sono avvicendate sono arrivate da quasi tutte le province pugliesi; sono stati impiegati anche due elicotteri della protezione civile.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400