Giovedì 21 Febbraio 2019 | 17:52

NEWS DALLE PROVINCE

HomeLa decisione
Puglia, il Consiglio approva la fusione tra Presicce e Acquarica

Puglia, il Consiglio approva la fusione tra Presicce e Acquarica

 
BrindisiA ceglie messapica
Incendiarono 5 auto e il prospetto di un palazzo nel Brindisino: catturato uno dei responsabili

Incendiarono 5 auto e il prospetto di un palazzo nel Brindisino: catturato uno dei responsabili

 
TarantoArrestato pregiudicato
Litiga con i genitori, polizia trova in camera una pistola

Litiga con i genitori, polizia trova in camera una pistola

 
FoggiaHanno agito in quattro
Tir carico di sigarette assaltato nel Foggiano, nessun ferito

Tir carico di sigarette assaltato nel Foggiano, nessun ferito

 
PotenzaL'intervista
Lezioni di esorcismo a scuola, sacerdote: «Sarebbe servito»

Lezioni di esorcismo a scuola, sacerdote: «Sarebbe servito»

 
BatLa denuncia
Barletta, stazione senza ascensore: non ha mai funzionato

Barletta, stazione senza ascensore: non ha mai funzionato

 
Materail Truffatore è barese
Si fa dare 3 Rolex da negoziante fingendo di essere figlio di un amico: arrestato a Matera

«Mio padre è tuo amico», si fa dare 3 Rolex da rivenditore: arrestato a Matera

 

Latiano, la giunta? Forse oggi, forse domani. Forse...

LATIANO - Forse oggi, forse domani. Forse la settimana prossima. O forse, anche stasera. Forse. A 15 giorni dall'esito delle elezioni amministrative che ha sancito la vittoria di una coalizione di liste civiche, insieme a Idv e Sel, non si conosce ancora con certezza la composizione della nuova giunta che sarà guidata dal neo sindaco eletto Antonio De Giorgi. Lui si certo (come si vede anche sul sito ufficiale del Comune, dove compare solo la foto del sindaco aggiornata). f.giul.
Latiano, la giunta? Forse oggi, forse domani. Forse...
di FRANCO GIULIANO
LATIANO - Forse oggi, forse domani. Forse la settimana prossima. O forse, anche stasera. Forse. A 15 giorni dall'esito delle elezioni amministrative che ha sancito la vittoria di una coalizione di liste civiche, insieme a Idv e Sel, non si conosce ancora con certezza la composizione della nuova giunta che sarà guidata dal neo sindaco eletto Antonio De Giorgi. Lui si certo: come si vede anche sul sito Internet ufficiale del Comune, dove compare al momento solo la foto aggiornata del sindaco.

Il fatto politicamente strano (se non addirittura rilevante) è che neppure lo stesso senatore dell'Idv, Giuseppe Caforio (la figura politica più accreditata e per il ruolo istituzionale autorevole, il regista che ha firmato in questi mesi sia la fase pre elettorale, che di preparazione della campagna elettorale), sa dare una risposta certa sui tempi e soprattutto sui nomi che andranno a far parte della prossima squadra di governo della città. 

«A quasi tre settimane dalle elezioni e dopo due dal giuramento del neo sindaco - risponde al telefono dall'Aula del Senato il sen. Caforio - i gruppi e i partiti della coalizione che per tutti questi mesi hanno lavorato insieme per definire programmi e strategie elettorali, su questo argomento della giunta non hanno ancora tenuto alcun incontro collegiale per definire i criteri di individuazione dei nomi e dei ruoli che ogni partito dovrà avere all'interno della futura amministrazione. Leggo sulla stampa di probabili nomi ai quali sarebbero stati già affidati incarichi assessorili. Senza però che, nè i partiti, nè i rappresentanti della coalizione, su questo tema si siano mai confrontati».

Il tono del senatore Caforio su questo tema sembra pacato e propositivo. «Non vorrei - puntalizza - che trasparisse e per questo mal tradotta alcuna polemica. Dico solo che tutti i nomi di cui si parla in queste ore sono solo il frutto di una scelta non discussa. Per quanto riguarda l'Idv noi abbiamo chiesto ai due consiglieri eletti la disponibilità per un eventuale incarico all'interno della giunta. Ma entrambi si sono detti non disponbili. A questo punto abbiamo messo a disposizione del sindaco una rosa di cinque nomi, a partire dai primi dei non eletti su cui,  eventualmente decidere sulla base del curriculum e delle competenza. Ora aspettiamo una risposta».

Purtuttavia da giorni sembra ormai certa la composizione della squadra che dovrà decidere le sorti amministrative di questo paese. Nelle stanze del Comune insieme al neo sindaco pare abbiano già occupato le prime postazioni alcuni dei nomi dei futuri assessori, dati come probabili. Un via vai per «occupare» le postazioni non assegnate da parte di chi ne avrebbe diritto, ma anche di chi, invece, non è mai stato candidato e dunque eletto. 

E mentre la figura politica al momento (dopo l'ormai dichiarato disinteresse dell'on. Gaglione, a Latiano ormai solo presente per ragioni professionali legate alla sua attività di cardiologo) più autorevole, il sen. Caforio, dichiara apertamente la sua disinformazione, da almeno due settimane restano senza smentita le voci sui nomi dei futuri assessori.

Secondo le indiscrezioni sempre più insistenti il vice-sindaco di De Giorgi potrebbe essere una giovane avvocato, Maria Concetta Milone, di Ostuni, sposata a Latiano, eletta nella lista civica “Democratici e Riformisti”.

Per quanto riguarda gli assessori, sempre secondo indiscrezioni, dovrebbero trovare posto nella nuova giunta: Francesco Summa (eletto nella lista “De Giorgi Sindaco”), al quale dovrebbe andare la delega ai Lavori Pubblici; Felice Caliolo (eletto con “Sinistra per Latiano”), che guiderebbe i Servizi Sociali; Maurizio Chionna, alle Attività produttive, cimitero e Agricoltura.
La signora Ada Di Viggiano (candidata nella lista “De Giorgi Sindaco”, non eletta) andrebbe a ricoprire la carica di assessore alla Cultura. Torna invece tra i probabili il nome di Angelo Gaglione (eletto nei "Democartici e Riformisti").

Questo, comunque, il nuovo consiglio comunale risultato eletto dal voto:

MAGGIORANZA: Francesco Summa, Giuseppe Vitale, Emanuele Carbone e Salvatore Maglie (lista "De Giorgi Sindaco), Salvatore De Punzio, Maurizio Chionna, Angelo Gaglione e Maria Milone (lista "Democratici e Riformisti"), Felice Cariolo e Antonio Delli Fiori (lista "Sinistra per Latiano"), Giuseppe Ble e Cosimo De Falco (lista "Italia dei Valori").

L'eventuale incarico in giunta ad uno di questi consiglieri eletti farebbe scattare altri nomi sulla base dei voti riportati.


Ecco invece chi entrerà certamente in Consiglio comunale nei banchi dell'opposizione.

Claudio Ruggiero (candidato sindaco), Gabriele Argentieri, Mauro Vitale e Salvatore Zucchero (lista Unione di Centro), Antonio Gioiello (Partito democratico), Cosimo Rubino (candidato sindaco), Giuseppe Natale (lista "Per la Rinascita"), Angelo Caforio (Popolo della Libertà). 

franco.giuliano@gazzettamezzogiorno.it

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400