Sabato 18 Gennaio 2020 | 23:26

Il Biancorosso

Calcio
Bari, Vivarini: «Dobbiamo vincere sempre»

Bari, Vivarini: «Dobbiamo vincere sempre»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariPer Sant'Antonio Abate
Cani e gatti domestici sfilano a Putignano per la benedizione

Cani e gatti domestici sfilano a Putignano per la benedizione

 
BatIl caso
Gli ingegneri-netturbini di Barletta si raccontano a France 2

Gli ingegneri-netturbini di Barletta si raccontano a France 2

 
LecceMoria di tartarughe
Lecce, «Caretta caretta» spiaggiate morte trovate a San Cataldo

Lecce, «Caretta caretta» spiaggiate morte trovate a San Cataldo

 
TarantoI controlli
Taranto, incensurato nascondeva in casa fucile a pallettoni e munizioni

Taranto, incensurato nascondeva in casa fucile a pallettoni e munizioni

 
FoggiaLe ricerche
San Severo, a caccia della pantea co i droni

San Severo, caccia alla pantera con i droni

 
MateraL'annuncio
Matera e disabili, presto in città un «Albergo etico»

Matera e disabili, presto in città un «Albergo etico»

 

i più letti

Rumene segregate e seviziate nel Barese

Le giovani trovate in un campo nomadi di Bitonto. Vendute ai «rom» che le costringevano a prostituirsi, erano maltrattate se si rifiutavano. Fermate 10 persone
BARI - Se si rifiutavano di prostituirsi le tenevano segregate per giorni e giorni e le sottoponevano a sevizie: le vittime erano giovani extracomunitarie, alcune delle quali sono state liberate oggi in Puglia in un campo nomadi dagli agenti della polizia di Bari, in collaborazione con i colleghi della squadra mobile di Lecce. Tre donne e sette uomini sono stati fermati.
A quanto si è appreso, le vittime erano giovani ragazze rumene giunte in Veneto dopo aver attraversato la Croazia e la Slovenia con la promessa di un lavoro ma poi vendute ai rom che le costringevano a prostituirsi.
Gli agenti della polizia di Bari, in collaborazione con i poliziotti di Lecce, hanno fatto irruzione in un campo nomadi di Bitonto (Bari) e in alcuni casolari di campagna dove le ragazze che si rifiutavano di prostituirsi venivano tenute segregate per giorni.
Nel corso dell'operazione - durante la quale sono stati impiegati circa 100 uomini di vari reparti della polizia - sono state fermate dieci persone, sette uomini e tre donne. Una ragazza rumena, tenuta segregata, è stata liberata: quando i poliziotti hanno fatto irruzione, la giovane donna era sorvegliata a vista da uno sfruttatore. Secondo gli investigatori, le ragazze venivano sottoposte a crudeli sevizie, soprattutto quelle che, dopo essersi prostituite, consegnavano agli sfruttatori somme di denaro inferiori alle aspettative.
Per le persone fermate, oltre alla violazione è stato ipotizzato il reato di riduzione e mantenimento in stato di schiavitù ai fini dello sfruttamento della prostituzione. Nel corso dell' operazione sono state arrestate altre sei persone per reati minori e numerose altre sono state espulse con accompagnamento coatto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie