Mercoledì 16 Gennaio 2019 | 19:09

Trasferimento nel 2005 dell'ospedale pediatrico «Giovanni XXIII» dall'Ausl BA/4 al «Policlinico»

BARI - La giunta regionale della Puglia ha autorizzato il trasferimento dello stabilimento «Giovanni XXIII dall'Ausl BA/4 all'Azienda ospedaliero universitaria «Policlinico» di Bari. Il trasferimento - è detto in una nota - avverrà entro il primo gennaio 2005.
«In base al provvedimento adottato - prosegue il comunicato -le unità operative, con o senza posti-letto sono quelle individuate della Ausl Ba/4 nel 2002, sulla base delle indicazioni regionali in materia di piano sanitario e riordino ospedaliero: ortopedia e traumatologia, posti letto 10; pediatria, 29; cardiologia, 10; neurologia, 10; cardiochirurgia, 14; urologia, 10; chirurgia pediatrica, 30; endocrinologia, 20; malattie Infettive, 30; anestesia e rianimazione 4; lungodegenza, 8; posti rene - letti tecnici 10. Totale 175 posti letto».
«Per quanto attiene alla dotazione organica del Giovanni XXIII - conclude la giunta - resta quella approvata ai sensi della normativa regionale in atto, attraverso processi di mobilità fra le aziende interessate».

La giunta regionale pugliese ha approvato il regolamento per l'insediamento di medie e grandi strutture di vendita e ha individuato «i Comuni beneficiari dei fondi per il sostegno all'accesso delle abitazioni in locazione, in base all'art.11 della legge 431/ 98». I fondi assegnati alla Puglia per il 2003 sono pari a 21.340.064,59 euro.
E' stato anche approvato lo schema di ddl relativo alle «Disposizioni regionali in materia di espropriazione per pubblica utilità» e varata «l'assegnazione del contributo straordinario pari a un milione di euro, al commissario delegato per gli eventi sismici nella provincia di Foggia per gli interventi di ricostruzione nei Comuni del Sub-appennino dauno per gli eventi sismici del 31 ottobre 2002».
La giunta regionale della Puglia ha altresì approvato il «Regolamento per la concessione dei contributi a sostegno delle attività svolte dalle Università popolari e della terza età, in attuazione della legge regionale n.14/02».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400