Lunedì 27 Gennaio 2020 | 18:58

Il Biancorosso

23ma Giornata serie C
Bari in casa Reggina per riaprire la corsa al primato

Perrotta salva il Bari al Granillo: 1-1 in casa della Reggina. La diretta

 

NEWS DALLE PROVINCE

Potenzaregione basilicata
Potenza, manca il numero legale, sciolta riunione del consiglio regionale

Potenza, manca il numero legale, sciolta riunione del consiglio regionale

 
FoggiaL'intervento
San Severo, riprende la raccolta rifuti dopo l'incendio dei mezzi della Buttol

San Severo, riprende la raccolta rifuti dopo l'incendio dei mezzi della Buttol

 
HomeIl giallo
Bari, recuperato in mare il cadavere di una donna: forse un suicidio

Bari, recuperato in mare il cadavere di una donna: forse un suicidio

 
TarantoIl caso
Omicidio in sala giochi: 3 condanne a 30 anni a Taranto

Omicidio in sala giochi: 3 condanne a 30 anni a Taranto

 
BrindisiIl salvataggio
Brindisi, cucciolo di foca spiaggiato a Torre San Gennaro: ha bisogno di cure

Brindisi, cucciolo di foca spiaggiato a Torre San Gennaro: ha bisogno di cure

 
MateraIl caso
Matera, hanno tentato di truffare una nonnina: in due agli arresti domiciliari

Matera, hanno tentato di truffare una nonnina: in due agli arresti domiciliari

 
LecceNel centro storico
Lecce, Ztl: parte la rivolta dei commercianti

Lecce, Ztl: parte la rivolta dei commercianti

 
BatCultura
Andria, Castel del Monte nella top 30 dei monumenti più visitati d'Italia

Andria, Castel del Monte nella top 30 dei monumenti più visitati d'Italia

 

i più letti

Adelfia - "Disobbedienti" sfidano la magistratura

Hanno rioccupato il "centro sociale Coppola Rossa", sequestrato e sigillato il 21 giugno scorso, rompendo i sigilli giudiziari. Fra i manifestanti, l'on. Russo Spena (Rifondazione comunista), Francesco Caruso ed un prete, Angelo Cassano
ADELFIA (Bari) - Un gruppo di attivisti del centro sociale Coppola Rossa di Adelfia e di disobbedienti ha rotto i sigilli che erano stati posti il 21 giugno scorso alla struttura ed ha occupato nuovamente lo stabile che era stato sgomberato e posto sotto sequestro preventivo su disposizione della magistratura barese. All'occupazione partecipano anche il portavoce dei "Disobbedienti meridionali", Francesco Caruso, don Angelo Cassano e il parlamentare di Rifondazione comunista Giovanni Russo Spena.
Per Caruso si tratta di «un atto di riappropriazione legittimo da parte di chi in tanti anni ha costruito in questo edificio iniziative di socializzazione che non possono essere chiuse con sgomberi e sequestri».
Per Russo Spena l'occupazione del centro sociale «non è un un'azione illegale ma un atto compiuto per costruire la legalità di fronte al rifiuto dell'amministrazione comunale di risolvere il problema aprendo un confronto che coinvolga anche la Provincia». «Non è possibile - ha detto Russo Spena - che un'opera di socializzazione realizzata in tanti anni venga stroncata per motivi di potere».
Per il parlamentare di Rifondazione la cooperativa (cui è stato venduto l'immobile dal Comune) non è la controparte in questa vicenda», lo è invece l'amministrazione comunale «che deve abbandonare questo atteggiamento di potere ed arrogante ed impegnarsi a risolvere il problema sia sulla destinazione d'uso dell'area, sia sulla sede del centro sociale».
Russo Spena ha precisato poi, che al suo arrivo i sigilli erano già stati rotti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie