Venerdì 30 Luglio 2021 | 11:42

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariVari controlli
Bari, la polizia interrompe concerto non autorizzato di un neomelodico napoletano

Bari, la polizia interrompe concerto non autorizzato di un neomelodico napoletano

 
Lecceil caso
Lecce, mura del borgo antico imbrattate con disegno di spermatozoi

Lecce, mura del borgo antico imbrattate con disegno di spermatozoi

 
TarantoAllarme
Taranto, pensionato esce a piedi da villaggio di Ginosa Marina e scompare

Taranto, pensionato esce a piedi da villaggio di Ginosa Marina e scompare

 
FoggiaIstanza al ministero
Foggia, Ufficio del Giudice di Pace di Rodi Garganico: rappresentate le istanze del territorio

Foggia, Ufficio del Giudice di Pace di Rodi Garganico: rappresentate le istanze del territorio

 
Batcontrolli sul litorale
Bisceglie, tentato furto di una scooter: due arresti

Bisceglie, tentato furto di una scooter: due arresti

 
MateraL'allarme
Incendi: fiamme in pineta nel Materano, evacuato campeggio

Incendi: fiamme in pineta nel Materano, evacuato campeggio

 
BrindisiTokyo 2020
Dell'Aquila a Brindisi abbraccia famiglia: «Non vedevo l'ora»

Dell'Aquila a Brindisi abbraccia famiglia: «Non vedevo l'ora»

 
Potenzal'emergenza
Covid: da domani in Basilicata iter per vaccinare i ragazzi

Covid: da domani in Basilicata iter per vaccinare i ragazzi

 

i più letti

Nucleare, anche quattro imprese pugliesi in corsa

Ieri il presidente di Confindustria, Emma Marcegaglia, e l'amministratore delegato di Enel, Fulvio Conti, hanno incontrato le oltre 600 aziende arrivate all’auditorium di Viale dell’Astronomia per spiegare che il ritorno dell’Italia al nucleare vale almeno 30 miliardi di euro. E una grossa fetta è destinata alle ditte dell'indotto. Tra esse, la «barese» Ansaldo Caldaie e le tarantine Cemit engineering and construction srl, Tecnomec engineering srl e Euro engineering industrial plant srl. Quanto ai siti destinati a ospitare le centrali, cauto Conti: «Stiamo parlando, in assenza di legislazione, di illazioni e io non parlo di illazioni»
Nucleare, anche quattro imprese pugliesi in corsa
BARI - Il ritorno dell’Italia al nucleare vale almeno 30 miliardi di euro. E una grossa fetta è destinata all’indotto, nel caso in cui riesca a fare fronte comune e spiccare un salto qualitativo e tecnologico. Sono questi i messaggi principali che arrivano dal presidente di Confindustria, Emma Marcegaglia, e dall’amministratore delegato di Enel, Fulvio Conti, alle oltre 600 aziende arrivate all’auditorium di Viale dell’Astronomia per provare a capire lo spazio di manovra per le imprese dell’indotto nel rilancio dell’atomo in Italia. 

Tra queste anche quattro aziende con sede in Puglia: la «barese» Ansaldo Caldaie e le tarantine Cemit engineering and construction srl, Tecnomec engineering srl e Euro engineering industrial plant srl. 

«L'idea alla base del nucleare è arrivare al 25% del totale del fabbisogno energetico nazionale. Stiamo ragionando per investimenti per oltre 30 miliardi e, se riusciamo a fare sistema, stimiamo che circa il 70% di questi potrebbe riguardare l’indotto italiano», ha spiegato Marcegaglia, sottolineando che, proprio per questo motivo, il nucleare rappresenta «una grande opportunità, non solo di lavoro e crescita, ma anche di qualificazione tecnologica». 

Il numero uno di Enel è cauto sui siti destinati a ospitare le centrali: «stiamo parlando, in assenza di legislazione, di illazioni e io non parlo di illazioni». 

Anche Conti, però, ha mandato un messaggio chiaro alle piccole aziende italiane che potrebbero entrare nel ciclo produttivo: le quattro unità che costruirà con Edf comportano investimenti per 16-18 miliardi e solo il 30% di tale cifra è già «opzionato» da Areva, che costruirà l’isola nucleare (la parte di centrale che comprende anche il reattore vero e proprio). La parte restante è contendibile fra le nostre imprese e, ha sottolineato Conti, «se sapremo costruire un fronte unitario» sarà possibile sfruttare l’occasione italiana e poi «puntare ancora più in alto ». 
Ovvero ai mercati di tutti quei Paesi esteri che stanno rilanciando il nucleare.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie