Lunedì 20 Gennaio 2020 | 03:53

Il Biancorosso

Serie C
Goleada del Bari contro il fanalino di coda Rieti: il videocommento

Goleada del Bari contro il fanalino di coda Rieti: il videocommento

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl 22 gennaio
Bari, al via il convegno «Il senso delle parole» con FNSI e Martella

Bari, al via il convegno «Il senso delle parole» con FNSI e Martella

 
FoggiaL'operazione dei cc
Cerignola, beccati 4 giovanissimi ladri di moto: arrestati

Cerignola, beccati 4 giovanissimi ladri di moto: arrestati

 
TarantoIl caso
Capitale della Cultura italiana 2021: prove di sintesi fra Taranto e Grecìa Salentina

Capitale della Cultura italiana 2021: prove di sintesi fra Taranto e Grecìa Salentina

 
BrindisiNel Brindisino
Fasano, ubriaco alla guida di un camion a zig-zag sulla statale: denunciato

Fasano, ubriaco alla guida di un camion a zig-zag sulla statale: denunciato

 
Materaarte
Matera, boom dei musei: presenze salgono del 28,98%

Matera, boom dei musei: presenze salgono del 28,98%

 
Leccenel Salento
S.M. al Bagno, il campanile cade a pezzi: è allarme

S.M. al Bagno, il campanile cade a pezzi: è allarme

 
Batl'ultimo saluto
Barletta saluta il dottor Dimiccoli: fu anche ex sindaco

Barletta saluta il dottor Dimiccoli: fu anche ex sindaco

 

i più letti

Omicidio a Bisceglie: l'assassino ha confessato

Giuseppe De Lucia - 43 anni, barese - aveva chiesto di vedere la sua amata per l'ultima volta, ma non è stato accontentato. Domenica ha ucciso - nel Residence il Gabbiano sulla litoranea di Salsello - Rosario Cognetti, 42enne foggiano
TRANI - Al termine della confessione ha chiesto di vedere la sua amata per l'ultima volta.
Ma Giuseppe De Lucia, reo confesso dell'omicidio di Rosario Cognetti, 42enne foggiano, ammazzato a Bisceglie all'alba di domenica scorsa, non è stato accontentato.
De Lucia, 43 anni, barese, volto già noto alle forze dell'ordine, avrebbe ucciso per legittima difesa al culmine dell'ennesimo tentativo di riconquistare la 40enne biscegliese Camilla Racanati con cui aveva avuto una relazione di oltre 10 anni.
La notte del delitto, è entrato in casa della Racanati, nel Residence il Gabbiano sulla litoranea di Salsello, dove ben presto la discussione con Cognetti, che si trovava in compagnia della donna e che da tempo l'avrebbe difesa dalle insistenze di De Lucia, è sfociata in tragedia.
Secondo la sua versione, De Lucia avrebbe sparato uscendo dall'abitazione mentre Cognetti l'avrebbe inseguito. Avrebbe sparato credendo (in gergo tecnico legittima difesa putativa) che la vittima stesse estraendo un'arma dalla tasca dei pantaloni.
Poi la fuga, tornando prima a Bari e di qui a Termoli facendo autostop.
Dalla città molisana avrebbe preso il treno per Lignano Sabbiadoro, smontando l'arma del delitto, una pistola calibro 7,65 da cui fu esploso l'intero caricatore, e lanciando i pezzi dal finestrino del convoglio.
Una fuga di due giorni per poi tornare a Bari e rifugiarsi da un amico a Triggiano, dove giovedì è stato eseguito il fermo disposto dal sostituto procuratore della Repubblica di Trani Ettore Cardinali.
Proprio perciò l'iniziale competenza è del Gip del Tribunale di Bari, Giuseppe De Benedictis che domattina, alle 11, terrà l'udienza di convalida; poi gli atti ripasseranno agli uffici giudiziari tranesi.
Antonello Norscia

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie