Domenica 26 Gennaio 2020 | 00:12

Il Biancorosso

serie c
Bari e la «condanna» a vincere, Vivarini: «Non c'è altro verbo»

Bari e la «condanna» a vincere, Vivarini: «Non c'è altro verbo»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BrindisiLe dichiarazioni
Brindisi, Al Bano con Boccia a convegno su futuro centrale Enel: «Rispettiamo questa terra»

Brindisi, Al Bano con Boccia a convegno su futuro centrale Enel: «Rispettiamo questa terra»

 
LecceIl video
San Cataldo, sulla spiaggia di Frigole ecco che spunta una foca monaca

San Cataldo, sulla spiaggia di Frigole ecco che spunta una foca monaca

 
FoggiaIl furto
San Severo, beccati da un contadino mentre rubano in un capannone: 3 arresti

San Severo, beccati da un contadino mentre rubano in un capannone: 3 arresti

 
BatNel Nordbarese
Barletta, tragedia in casa: 62enne muore schiacciato da lastra di ferro

Barletta, tragedia in casa: 62enne muore schiacciato da lastra di ferro

 
Tarantoil caso
Cannabis light, archiviata inchiesta partita da Taranto: «Sul Thc la legge non è chiara»

Cannabis light, archiviata inchiesta partita da Taranto: «Sul Thc la legge non è chiara»

 
MateraSolidarietà
«Matera cibus», raccolti 350 quintali di eccedenze alimentari

«Matera cibus», raccolti 350 quintali di eccedenze alimentari

 

i più letti

Taranto il 10 giugno ricorda l'impresa di Premuda

Nel 1918 l'affondamento della corazzata "Szent Istvan". Il prossimo 25 giugno il presidente Ciampi inaugurerà nel capoluogo jonico il nuovo Arsenale militare. Preoccupati i pacifisti
TARANTO - Domani, 10 giugno, la Marina militare italiana festeggia la sua giornata celebrativa nell'anniversario dell'impresa del comandante Rizzo, avvenuta proprio il 10 giugno del 1918, che affondò l'imponente corazzata austriaca "Szent Istvan" (Santo Stefano) presso la piccola isola di Premuda.
Per Taranto, in particolare, la celebrazione di domani anticiperà un altro evento storico.
Il 25 giugno prossimo, infatti, il Capo dello Stato - Carlo Azeglio Ciampi - taglierà ufficialmente il nastro d'inaugurazione della nuova base navale a Chiapparo.
Affacciata direttamente sul Mar Grande del Golfo tarantino, la nuova base già ospita tutte le unità militari, mentre di là del Ponte Girevole, in Mar Piccolo, sono attraccate alle banchine dell'ormai "vecchio" Arsenale militare le unità necessitanti di lavori e l'incrociatore "Vittorio Veneto" ormai in disarmo ed in attesa di conoscere il suo futuro.
I lavori di costruzione della nuova base navale a Chiapparo sono iniziati oltre 20 anni fa, quando l'allora ministro della Difesa Giovanni Spadolini, pose simbolicamente la prima pietra. Da allora, tra rallentamenti ed improvvise accelerazioni, i lavori hanno avuto il loro prosieguo per l'esecuzione delle opere a mare a quelle a terra. L'intera opera, definita la realizzazione più grandiosa per le Forze armate dopo il periodo post bellico, è imponente anche nei costi. Sono stati necessari oltre 200 milioni di euro, di cui un terzo è stato a carico della Nato, per realizzare una città nella città e poter contare su un presidio militare nel cuore del Mediterraneo altamente strategico.
Proprio l'avvicinarsi dell'inaugurazione ufficiale della nuova base navale ha messo in allarme l'associazione pacifista telematica tarantina "PeaceLink", che ha lanciato l'allarme sulla possibilità che essa sin dall'anno prossimo divenga l'unica base Nato dell'intero Mediterraneo.
Paolo Lerario

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie