Giovedì 23 Gennaio 2020 | 00:08

Il Biancorosso

Serie C
Bari in nottuna al San Nicola (ore 20.45) contro la Sicula Leonzio

Bari, gol di Simeri porta biancorossi a meno 6 dalla capolista
Bari-Sicula Leonzio 1-0

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoL'incidente nel 2008
Taranto, operaio morì dopo volo da ponteggio Altoforno 4 Ilva: una condanna

Taranto, operaio morì dopo volo da ponteggio Altoforno 4 Ilva: una condanna

 
BariDelitto Sciannimanico
Bari, i giudici di appello sul killer Perilli: mai pentito dell'omicidio

Bari, i giudici di appello sul killer Perilli: mai pentito dell'omicidio

 
FoggiaIl Riesame
Foggia, torna libero dopo 3 mesi ex parlamentare Angelo Cera

Foggia, torna libero dopo 3 mesi ex parlamentare Angelo Cera

 
BatBat
La vicepresidente della Provincia eletta con zero voti

La vicepresidente della Provincia eletta con zero voti

 
LecceL'annuncio
«Christian Dior» sfilerà a maggio a Lecce

«Christian Dior» sfilerà a maggio a Lecce

 
HomeIntimidazione
Brindisi, bomba esplode nella notte: danneggiato un bar

Brindisi, bomba esplode nella notte: danneggiato un bar

 
MateraOperazione di CC e Gdf
Matera, truffa e riciclaggio: in cella ex direttore banca. Sequestrato noto ristorante

Matera, truffa e autoriciclaggio: in cella ex direttore di banca. Sequestrato noto ristorante nei Sassi (VD)

 

i più letti

La famiglia Cupertino: «Ancora non ci sembra vero»

Finita la tensione di quasi due mesi di trepidazione in casa dell'ostaggio italiano nato a Sammichele di Bari. Era in Iraq dal 3 aprile • Liberato un polacco
SAMMICHELE DI BARI (BARI) - La notizia viene data loro direttamente dall'unità di crisi della Farnesina: «Sono stati liberati, sono liberi». Sono da poco passate le 14 e a casa Cupertino scoppia la gioia. Una gioia incontenibile, che cancella in un colpo solo un' ansia, una attesa lunga quasi due mesi, una angoscia appesantita soprattutto nei primi giorni dal rincorrersi di voci e di speranze, ora sollevate, ora messe a tacere.
A casa Cupertino ci sono grida di gioia, lacrime di una commozione intensa. Laura Albanese, cognata di Umberto Cupertino, riesce appena a descrivere le sensazioni che in questi momenti la famiglia di Umberto sta vivendo. «Sì - conferma -, ci ha chiamati adesso la Farnesina e ce l'ha confermato. Sono stati liberati, finalmente. Può immaginare che sta succedendo qui da noi». La voce si distingue a fatica tra il frastuono di sottofondo e gli avvisi di chiamata. Si sentono voci concitate, mentre Laura cerca di mantenersi calma e di farsi comprendere al telefono. «Ancora non ci sembra vero - dice -, ma ormai questa storia si è conclusa. Può immaginare, non sappiamo se ridere, piangere, abbracciarci...».
«Ma ora che farete, andrete a Roma? Che vi hanno detto di fare?», insiste il cronista. Laura, paziente, risponde come può: «Non sappiamo cosa faremo nelle prossime ore, domani. Attendiamo di sapere quando e come Umberto e gli altri due suoi compagni faranno ritorno».
E la mamma di Umberto, provata dalla vicenda, ormai oltre che dalle sue malattie? Anche lei non si controlla più, dice Laura. La donna in tutti questi giorni è stata «curata» con particolare attenzione dai suoi famigliari. Per lungo tempo suo figlio Francesco, fratello di Umberto, e gli altri parenti, l' hanno tenuta in un clima per quanto possibile protetto, ovattato. Niente televisione, niente contatti con i giornalisti. Ma ora anche per lei è arrivata la liberazione.
«E' una gioia immensa - dice ancora Laura - da quando abbiamo avuto la notizia non stiamo più nella pelle».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie