Martedì 19 Febbraio 2019 | 09:19

NEWS DALLE PROVINCE

LecceNel Leccese
Distruggono macchia mediterranea per costruire edifici, due denunce a Porto Cesareo

Distruggono macchia mediterranea per costruire edifici, due denunce a Porto Cesareo

 
HomeDopo la protesta
Ex Ilva, deputati M5s contestati a Taranto: «Traditori». La replica: «Mai parlato di chiusura»

Ex Ilva, deputati M5s contestati a Taranto: «Traditori». La replica: «Mai parlato di chiusura»

 
BariLa lettera del sindaco
Palagiustizia Bari, Decaro: «Mi aspetto risposte da Bonafede»

Palagiustizia Bari, Decaro: «Mi aspetto risposte da Bonafede»

 
BrindisiLotta alla droga
Carovigno, "spiaggiati" a Punta Penna Grossa 14 kg di marijuana

Carovigno, "spiaggiati" a Punta Penna Grossa 14 kg di marijuana

 
MateraDopo la frana
Pomarico, servizio di vigilanza davanti alle scuole

Pomarico, servizio di vigilanza davanti alle scuole

 
HomeLa nomina
Basilicata, Berlusconi presenta il candidato unico del centro destra: è Bardi

Basilicata, Berlusconi presenta il candidato unico del centro destra: è Bardi

 
FoggiaLotta allo spaccio
San Severo, in camera 10 kg di droga e un’arma clandestina: arrestato 28enne

San Severo, in camera 10 kg di droga e un’arma clandestina: arrestato 28enne

 

Bari - Muore investito da ragazze in motorino

E' morto, dopo due giorni di coma, Gaetano Antonacci, 55 anni, investito da due ragazze che, senza casco, volevano evitare d'essere multate dai vigili urbani
BARI - E' morto questa sera a Bari, dopo quasi due giorni di coma, Gaetano Antonacci, l' uomo di 55 anni investito l'altro ieri pomeriggio nel pieno centro di Bari da due ragazze in sella ad un motorino che, senza casco, stavano zigzagando nel traffico per sfuggire ad una pattuglia di vigili urbani.
Antonacci, travolto dallo scooter mentre attraversava la strada, aveva battuto violentemente la testa sull'asfalto. Era stato operato ma le sue condizioni erano apparse subito disperate e, caduto in coma irreversibile, è morto questa sera nel Policlinico di Bari.
Le due ragazze - quella alla guida è minorenne, l' altra ha poco più di diciotto anni - erano cadute anche loro dopo l' impatto procurandosi solo lievi ferite. Già subito dopo l'incidente avevano accusato i vigili di essere responsabili dell'accaduto perchè, secondo la loro versione, la pattuglia - avendole viste senza casco - si era lanciata al loro inseguimento inducendole ad accelerare. Differente la versione del comandante della polizia municipale, per il quale non c'è stato alcun inseguimento. Secondo il comandante, Nicola Marzulli, infatti, la pattuglia, ferma ad un incrocio, ha solo fatto segno alle ragazze di mettere il casco e non aveva alcun motivo di lanciarsi all' inseguimento perchè aveva già preso il numero di targa. I vigili sarebbero poi giunti sul luogo dell' incidente, distante pochi isolati, perchè avvertiti dai passanti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400