Mercoledì 29 Gennaio 2020 | 14:58

Il Biancorosso

Calcio
Bari, acquistato il difensore Ciofani dal Pescara

Bari, acquistato il difensore Ciofani dal Pescara

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoI sigilli
Taranto, sequestrato poligono di tiro abusivo

Taranto, sequestrato poligono di tiro abusivo

 
PotenzaPsicosi
Potenza, «coronavirus»: il questore «Non c'è pericolo per i poliziotti»

Potenza, «Coronavirus»: il questore «Non c'è pericolo per i poliziotti»

 
Homela sentenza
Bisceglie, crac Divina Provvidenza: condannato ex senatore Azzollini

Bisceglie, crac Divina Provvidenza: condannato ex senatore Azzollini

 
Materala scoperta
Policoro, incendiano auto: denunciati 2 piromani

Policoro, incendiano auto: denunciati 2 piromani

 
FoggiaLa segnalazione
Foggia, allarme bomba, evacuato il Tribunale

Foggia, falso allarme bomba nel Tribunale

 
Brindisil'operazione
Brindisi, turbativa d'asta nella vendita di beni all'asta: due ai domiciliari

Brindisi, turbavano le aste giudiziarie per aggiudicarsi i beni: due arrestati

 
BariL'incidente a Japigia
Bari, investe con l'auto un motociclista in via Caldarola e fugge: beccato dalla polizia

Bari, investe con l'auto motociclista in via Caldarola e fugge: preso dalla Polizia

 
HomeIl fenomeno
Morbillo, allarme in Salento 40 casi in un mese: anche 4 bimbi, due figli di «no vax»

Morbillo, in Salento due casi al giorno, coinvolti adulti e bimbi: anche figli di «no vax»

 

i più letti

San Fele - Arrestato un foggiano per estorsione

Un ispettore dopo un'ispezione in un pub, nota delle irregolarità per trasmissioni televisive e chiede 1.000 euro per non inoltrare il mancato rispetto contrattuale
SAN FELE (POTENZA) - Per aver chiesto mille euro per evitare di segnalare il mancato rispetto di un contratto, l'ispettore di una catena televisiva satellitare, Domenico Pellegrino, di 50 anni, di Cerignola (Foggia), è stato arrestato a San Fele (Potenza) dai carabinieri, con l'accusa di estorsione.
Secondo quanto si è appreso, Pellegrino ha fatto un controllo in un pub di San Fele e ha fatto rilevare al proprietario che il contratto in suo possesso era di tipo familiare e non commerciale, quindi non poteva trasmettere nel locale i programmi televisivi satellitari. L'ispettore, secondo l'accusa, avrebbe chiesto al titolare del locale mille euro per evitare di segnalare l'anomalia. Il proprietario del pub, però, ha avvertito i carabinieri e, quando la somma è stata consegnata a Pellegrino, i militari sono intervenuti e lo hanno arrestato. Gli investigatori indagano per stabilire se l'uomo abbia già fatto richieste dello stesso genere anche in altri locali pubblici.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie