Mercoledì 22 Gennaio 2020 | 23:54

Il Biancorosso

Serie C
Bari in nottuna al San Nicola (ore 20.45) contro la Sicula Leonzio

Bari, gol di Simeri porta biancorossi a meno 6 dalla capolista
Bari-Sicula Leonzio 1-0

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoL'incidente nel 2008
Taranto, operaio morì dopo volo da ponteggio Altoforno 4 Ilva: una condanna

Taranto, operaio morì dopo volo da ponteggio Altoforno 4 Ilva: una condanna

 
BariDelitto Sciannimanico
Bari, i giudici di appello sul killer Perilli: mai pentito dell'omicidio

Bari, i giudici di appello sul killer Perilli: mai pentito dell'omicidio

 
FoggiaIl Riesame
Foggia, torna libero dopo 3 mesi ex parlamentare Angelo Cera

Foggia, torna libero dopo 3 mesi ex parlamentare Angelo Cera

 
BatBat
La vicepresidente della Provincia eletta con zero voti

La vicepresidente della Provincia eletta con zero voti

 
LecceL'annuncio
«Christian Dior» sfilerà a maggio a Lecce

«Christian Dior» sfilerà a maggio a Lecce

 
HomeIntimidazione
Brindisi, bomba esplode nella notte: danneggiato un bar

Brindisi, bomba esplode nella notte: danneggiato un bar

 
MateraOperazione di CC e Gdf
Matera, truffa e riciclaggio: in cella ex direttore banca. Sequestrato noto ristorante

Matera, truffa e autoriciclaggio: in cella ex direttore di banca. Sequestrato noto ristorante nei Sassi (VD)

 

i più letti

Ruffano - Imprenditori arrestati per truffa allo Stato

E anche all'Unione europea per avere chiesto, e in parte ottenuto, denaro previsto dalla legge 488/92 per il sostegno alle imprese. Coinvolto il consulente aziendale
LECCE - I coniugi Massimo Danese, 33 anni, e Maria De Felice, 39, di Matino, amministratori del calzaturificio «Star Project srl» di Ruffano, sono stati arrestati dai militari del comando Brigata della Guardia di Finanza di Casarano con le accuse di truffa aggravata ai danni dello Stato, bancarotta fraudolenta e frode fiscale. Con loro è stato arrestato anche il consulente aziendale, Gianfranco Casarano, 39 anni, anch'egli di Matino. Una quarta persona di Ruffano è stata invece denunciata a piede libero perché ritenuta responsabile del reato di truffa in concorso con gli altri tre.
Dall'indagine, avviata dopo un controllo fiscale, sarebbe emersa l'esistenza di una falsa documentazione relativa all'acquisto, all'ampliamento, alla ristrutturazione e al potenziamento dello stabilimento industriale, al fine di ottenere un finanziamento a fondo perduto pari a 441.772 euro di cui oltre 147.000 già percepiti come prima rata. I provvedimenti restrittivi sono stati emessi dal gip di Lecce Ercole Aprile su richiesta del sostituto procuratore, Patrizia Ciccarese.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie