Lunedì 20 Gennaio 2020 | 19:41

Il Biancorosso

Serie C
Bari calcio, contro la Sicula Leonzio mancherà Di Cesare

Bari calcio, contro la Sicula Leonzio mancherà Di Cesare

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl concorso
Bari, la sfida dell'acciaio: obiettivo raggiungere 400 tonnellate riciclate in un anno

Bari, la sfida dell'acciaio: obiettivo raggiungere 400 tonnellate da riciclare in un anno

 
FoggiaIl caso
Foggia, danneggiata Camera del Lavoro Cgil: «Serve reazione»

Foggia, danneggiata Camera del Lavoro Cgil: «Serve reazione»

 
GdM.TVLotta per la sopravvivenza
Gallipoli, polpo intrappola gabbiano: ma alla fine vince il pescatore

Gallipoli, polpo intrappola gabbiano: ma alla fine vince il pescatore

 
TarantoIl processo
Ex Ilva, in serata il deposito delle repliche dei commissari ex Ilva

Mittal, Tar boccia ricorso in As su bonifica. Stop Acciaieria 1, Usb: 250 esuberi mascherati

 
MateraLa consegna
Matera, l'altorilievo raffigurante l’Eterno Padre torna in cattedrale

Matera, l'altorilievo raffigurante l’Eterno Padre torna in cattedrale

 
BrindisiNel Brindisino
Fasano, ubriaco alla guida di un camion a zig-zag sulla statale: denunciato

Fasano, ubriaco alla guida di un camion a zig-zag sulla statale: denunciato

 
Batl'ultimo saluto
Barletta saluta il dottor Dimiccoli: fu anche ex sindaco

Barletta saluta il dottor Dimiccoli: fu anche ex sindaco

 

i più letti

Mafia - Trovato evaso Sacra corona unita

L'uomo, Giovanni Maiorano, deve scontare una condanna all'ergastolo per omicidio nell'ambito di una guerra tra clan salentini. Sorpreso su un'automobile del cognato sulla strada Casarano-Taurisano
LECCE, 16 aprile 2004 - E' stato arrestato la scorsa notte Giovanni Maiorano, di 49 anni, il detenuto che sta scontando una condanna all' ergastolo per un omicidio compiuto nell' ambito della guerra tra clan contrapposti della «Sacra corona unita», il quale approfittando di un permesso concessogli dal Tribunale di sorveglianza di Campobasso si era reso irreperibile. Gli agenti della questura di Lecce lo hanno sorpreso mentre a bordo di una «Fiat Punto» guidata dal cognato transitava sulla strada Casarano-Taurisano. Con sè aveva una pistola, una «Tokarev» calibro 9.
Maiorano era ritornato nel Salento per trascorrere le festività pasquali grazie alla licenza premio di sette giorni, dal 9 al 15 aprile. Nel pomeriggio del 13 aprile, a quanto si è appreso, avrebbe compiuto due tentativi di estorsione ai danni di due fratelli commercianti di San Donato di Lecce, suo paese natale. In seguito alla denuncia presentata contro di lui ed al mancato rispetto dell'obbligo della firma da apporre nella caserma dei carabinieri, gli è stato revocato il permesso.
Vicino al clan Tornese, Maiorano fu arrestato per l' omicidio di Cristiano Mazzeo, ucciso nel novembre del '90 a San Donato a 17 anni: il giovane fu decapitato. Poco dopo Maiorano cominciò a collaborare con i giudici della Dda di Bari ed a dare indicazioni su mandanti ed esecutori degli omicidi compiuti nel '90 di Antonio Pascali e Iolanda Sperti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie