Lunedì 21 Gennaio 2019 | 05:03

NEWS DALLA SEZIONE

CARABINIERI
La storia delle teste di cuoio italianeraccontata dal comandante Alfa dei Gis

La storia delle teste di cuoio italiane
raccontata dal comandante Alfa dei Gis

 
DIFESA
In un anno bonificati 50mila ordigni inesplosiArtificieri e palombari al servizio del Paese

In un anno bonificati 50mila ordigni inesplosi
Artificieri e palombari al servizio del Paese

 
L'ACCORDO
Marina militare e Università di Bari insiemeSi rafforza la collaborazione con l'Ateneo

Marina militare e Università di Bari insieme
Si rafforza la collaborazione con l'Ateneo

 
IL REPORTAGE
La Brigata Pinerolo e la missione in Iraqun consuntivo dell'impegno fuori area

La Brigata Pinerolo e la missione in Iraq
un consuntivo dell'impegno fuori area

 
LA STORIA
Tscherkowo, l'inferno bianco degli italianila tragica ritirata descritta da chi c'era

Tscherkowo, l'inferno bianco degli italiani
la tragica ritirata descritta da chi c'era

 
ESERCITO
L'82° Reggimento fanteria "Torino"ricorda i caduti sul fronte russo

L'82° Reggimento fanteria "Torino"
ricorda i caduti sul fronte russo

 
L'ANALISI
"Sicurezza europea, coinvolgere la RussiaE nei Balcani Italia più protagonista"

"Sicurezza europea, coinvolgere la Russia
E nei Balcani Italia più protagonista"

 
ESERCITO
Con "ToroTen" si corre per beneficenzaBarletta, il 27 gennaio la gara più cool

Con "ToroTen" si corre per beneficenza
Barletta, il 27 gennaio la gara più cool

 
AFRICA
Mini tour di Conte in Niger e in CiadSono 92 i militari italiani a Niamey

Mini tour di Conte in Niger e in Ciad
Sono 92 i militari italiani a Niamey

 
IL PUNTO
Teheran verso arricchimento al 20 per centoRitiro Usa dalla Siria, le critiche di Riad

Teheran verso arricchimento al 20 per cento
Ritiro Usa dalla Siria, le critiche di Riad

 
L'INCHIESTA
Iraq, falde acquifere contaminatenel Paese dei fiumi Tigri e Eufrate

Iraq, falde acquifere contaminate
nel Paese dei fiumi Tigri e Eufrate

 

ESERCITO

Afghanistan, la Brigata Pinerolo torna a casa
Avvicendamento con la Brigata Friuli ad Herat

Donati alla popolazione medicinali e apparecchiature elettro-medicali

Afghanistan, la Brigata Pinerolo torna a  casaAvvicendamento con la Brigata Friuli ad Herat

La Brigata Pinerolo torna a casa dall’Afghanistan. Sono iniziati i preparati per l’avvicendamento al Train Advise and Assist Command West (TAAC-W) a comando italiano dell’operazione NATO Resolute Support, con sede ad Herat, che si concluderanno nelle prossime settimane. La grande unità dell’Esercito made in Puglia, in teatro operativo dal giugno scorso, sarà sostituita dalla Brigata aeromobile Friuli. Una presenza che sarà ridotta numericamente perché al posto dei militari italiani ci saranno una compagnia albanese e una montenegrina che si occuperanno dell’addestramento delle forze di sicurezza afghane. Complessivamente, comunque, gli assetti assegnati al TAAC-W non subiranno tagli. Il personale italiano “recuperato” sarà così utilizzato in altre operazioni nazionali concentrate nell’area Sahel Libia-Mediterraneo.  


Intanto, la Pinerolo ha effettuato una donazione di medicinali ed apparecchiature mediche al Dipartimento della salute di Herat. In particolare grazie al contributo del Banco farmaceutico italiano,in coordinamento con l’Ordinariato Militare, e ad uno specifico progetto di Cooperazione civile e militare (CIMIC) del Contingente dislocato ad Herat è stato possibile fornire al Dipartimento della salute un cospicuo quantitativo di medicinali di diversa classe e genere ed apparecchiature elettro-medicali (centrifuga refrigerata con separatore di piastrine, frigo per farmacia, elettrostimolatore, lampada ad infrarossi, massaggiatore elettrico e stimolatore ad ultrasuoni), che verranno distribuiti da quest’ultimo alle strutture sanitarie presenti sul territorio. Il direttore del Dipartimento della salute di Herat, dr. Abdul Hakim Tamanna, ha ringraziato i militari per la generosità del popolo Italiano che, dall’inizio della missione, ha sempre supportato questo delicatissimo settore per il bene del popolo dell'Afghanistan.
Oltre ai progetti specifici sviluppati negli anni per il sostegno della sanità locale, corre l’obbligo ricordare che, grazie alla sola opera del Provincial reconstruction team (PRT) italiano chiuso nel 2014, sono stati realizzati nell’area di responsabilità del contingentecirca 44 poliambulatori, un ospedale pediatrico, uno per tossicodipendenti ed un centro di medicina legale.


Il supporto alla popolazione, con particolare attenzione ai gruppi più vulnerabili della società, viene realizzato sia in maniera diretta con progetti individuati e condotti da personale specializzato del contingente nazionale appartenente al Nato Multinacional CIMIC Group ( sia facilitando la distribuzione di aiuti umanitari provenienti da organizzazioni benefiche nazionali. Tale attività si affianca a quella principale di addestramento consulenza ed assistenza che gli advisors italiani svolgono a favore delle Forze di sicurezza afghane, per migliorarne la funzionalità e la loro capacità di autosostenersi, nell’ambito della missione.
 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400