Venerdì 20 Maggio 2022 | 05:30

In Puglia e Basilicata

Comunicato Stampa: CRV – Ucraina, Presidente Consiglio veneto Ciambetti al centro raccolta profughi di Cracovia

08 Aprile 2022

Ucraina – Ciambetti al centro di raccolta profughi alla Tourun Arena di Cracovia: “Due milioni di rifugiati in Polonia: scommuove e colpisce lo sforzo messo in campo di voivodati polacchi per l’accoglienza. La guerra lascia ferite profonde: occorreranno decenni per tornare alla normalità”

(Arv) Venezia 8 apr. 2022  - “La guerra vista da qui, in Polonia non lontano dai confini con l’Ucraina, è molto diversa da come viene raccontata o da come la vediamo nei reportage televisivi: qui le macerie stanno dentro il cuore e nella mente delle persone, sono ferite profonde nell’anima,  brandelli di ricordi, dolore, ansie, paura e timori per chi è rimasto a casa, chi si è perduto di vista, figli, mariti, parenti o amici dei quali non si sa più nulla”. Il presidente del Consiglio regionale del Veneto  Roberto Ciambetti , dai presidenti dei Voivodati di Cracovia e della Podcarpazia, ai confini con l’Ucraina,   è al centro del sistema di accoglienza di chi fugge dalla guerra assieme al consigliere comunale vicentino Jacopo Maltauro: “Sorprende sia l’efficienza del modello approntato, sia la razionalità con cui  si muovono i polacchi – spiega Ciambetti - efficienza  ma anche tanto buon cuore e disponibilità umana che lascia senza parole.  Dai punti di raccolta alle  frontiere i profughi vengono fatti arrivare a Cracovia via treno e portati alla Touron Arena dove,  dopo la registrazione,  vengono assistiti e quindi smistati nel territorio e in altre regioni: i polacchi non vogliono dar vita a campi profughi.  Il centro allestito in collaborazione con  le Nazioni Unite Unhcr alla  Tourun Arena di Cracovia, con i suoi 16 mila posti a sedere il più grande palazzetto in Polonia,  è impressionante  per razionalità, pulizia, e qualità del servizio.  L’area Vip dell’impianto è stata destinata alle mamme con i bambini: uno spazio protetto, dove si cerca di garantire la maggiore serenità possibile e nei limiti del possibile.  Credo che Karol Wojtila sarebbe stato veramente orgoglioso della sua gente: in  Italia abbiamo accolto, cito dati ufficiali,  attorno agli 80 mila profughi, anche se poi il dato reale è maggiore – spiega Ciambetti – Qui in Polonia si parla di oltre due milioni di persone: da noi è una emergenza, qui i numeri sono da catastrofe umanitaria. La prima ondata di profughi sapeva dove andare in Europa: si trattava di ucraini che hanno fatto conto su parenti, amici o conoscenti già emigrati all’estero. Quelli che sono rimasti in Polonia, invece,  vorrebbero rimanere il più vicino possibile a casa, nella speranza di poter rientrare al più presto nel loro Paese. Ci sono sentimenti altalenanti: chi pensa che si giungerà a breve a una soluzione, chi invece è molto più pessimista, ma più passa il tempo, più si scavano ferite profonde e il rischio è che si accumuli odio su odio e si capisce che ci vorranno anni, decenni, per ritornare alla normalità. Così alla fine è difficile non maledire in cuore tutti i guerrafondai, chi ha voluto questa guerra, chi non ha fatto nulla per evitarla, anzi, ha fatto e magari sta facendo di tutto per farla esplodere e continuare, chi si sta arricchendo in modo spudorato e immorale gonfiando i prezzi di materie prime anche su generi essenziali e derrate alimentari:   prima finisce questa tragedia meglio è per tutti. Bisognerà pensare alla ricostruzione non tanto materiale, quanto morale: le macerie fisiche sono facili da gestire; quelle del cuore e del ricordo, invece, chiederanno un lavoro estenuante. Ma adesso,  c’è un esodo biblico qui in Polonia da affrontare e non possiamo lasciare soli i polacchi davanti a questa tragedia”.

 

La responsabilità editoriale e i contenuti di cui al presente comunicato stampa sono a cura di CONSIGLIO REGIONALE VENETO

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725