Sabato 23 Marzo 2019 | 21:54

NEWS DALLA SEZIONE

Verso il voto
Basilicata, in allestimento i seggi elettorali per 573mila elettori

Basilicata, in allestimento i seggi elettorali per 573mila elettori

 
Energia e polemiche
Basilicata, un colpo di coda sull’eolico raddoppiata la potenza

Basilicata, un colpo di coda sull’eolico raddoppiata la potenza

 
La foto
Elezioni Basilicata, bufera su Trerotola: il candidato presidente del c.sinistra tesserato con Msi

Elezioni Basilicata, bufera su Trerotola: il candidato presidente del c.sinistra tesserato con Msi

 
Il caso
Elezioni in Basilicata, spuntano 5 impresentabili per l'Antimafia

Elezioni in Basilicata, spuntano 5 «impresentabili» per l'Antimafia

 
Fondi Europa-Regioni
Basilicata, in arrivo 5 mln per un nuovo Hospice a Potenza

Basilicata, in arrivo 5 mln per un nuovo Hospice a Potenza

 
Regionali 2019
Basilicata, mondo agricolo sul piede di guerra

Basilicata, mondo agricolo sul piede di guerra

 
Le previsioni
Economia: nel 2019-2023 Potenza crescita zero

Economia: nel 2019-2023 Potenza crescita zero

 
Verso le elezioni
Berlusconi operato d'urgenza per ernia inguinale: annullato tour in Basilicata

Berlusconi operato d'urgenza per ernia inguinale: annullato tour in Basilicata

 
I fatti tra il 2017 e il 2018
Potenza, ex dirigente sanitario molestava dipendente: rinviato a giudizio

Potenza, ex dirigente sanitario molestava dipendente: rinviato a giudizio

 
Sanità in Basilicata
Liste di attesa e mobilità, accordo tra aziende lucane: arriva task force

Liste di attesa e mobilità, accordo tra aziende lucane: arriva task force

 
Il rapporto banche.imprese
Sud arretra, l'Obi: ripresa tra 10 anni, a Potenza crescita zero

Sud arretra, l'Obi: ripresa tra 10 anni, a Potenza crescita zero

 

Il Biancorosso

L'ALLENATORE
Bari, le scelte di mister Cornacchini"Palmese difesa forte e ben organizzata"

Bari, le scelte di mister Cornacchini
"Palmese difesa forte e ben organizzata"

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIl caso
Taranto, il Comune avvia la bonifica dell'area attorno al fiume Galeso

Taranto, il Comune avvia la bonifica dell'area attorno al fiume Galeso

 
PotenzaVerso il voto
Basilicata, in allestimento i seggi elettorali per 573mila elettori

Basilicata, in allestimento i seggi elettorali per 573mila elettori

 
BariPer i 4mila aventi diritto
Bari, il Comune aiuta le famiglie in difficoltà con il «bonus bollette»

Bari, il Comune aiuta le famiglie in difficoltà con il «bonus bollette»

 
FoggiaMaltrattamenti in famiglia
Foggia, picchiava la moglie e le chiedeva soldi per divertirsi al bar: arrestato 34enne

Foggia, picchiava la moglie e le chiedeva soldi per divertirsi al bar: arrestato 34enne

 
LecceNel Basso salento
Incidente tra Casarano e Ugento: giovane motociclista perde la vita

Incidente tra Casarano e Ugento:
giovane motociclista perde la vita

 
GdM.TVTraffico in tilt
Paura a Matera per una valigia abbandonata per strada: intervenuti artificieri

Paura a Matera per una valigia abbandonata per strada: intervenuti artificieri

 
BrindisiGuidava l'auto del padre
I cc lo fermano, rifiuta test antidroga: trovato con hashish

I cc lo fermano, rifiuta test antidroga: trovato con hashish

 
BatParla un imprenditore
Andria, cartelloni pubblicitari non a norma: la denuncia

Andria, cartelloni pubblicitari non a norma: la denuncia

 

sanità

Medici di famiglia
arriva la «serrata»

Sei giorni di sciopero. Primo stop il 22 febbraio

Medici di famiglia arriva la «serrata»

PIERO MIOLLA

Non è stata avanzata alcuna soluzione ai molti problemi urgenti per il rilancio della sanità pubblica territoriale. Per questo l’Intersindacale della Basilicata (Cisl, Cgil, Fimmg, Smi, Snami e Uil), ha dichiarato lo sciopero della medicina generale lucana per sei giornate complessive: 22 e 23 febbraio, il 13, 14, 15 e 16 marzo. Nel merito, le questioni che hanno portato i medici a proclamare lo sciopero riguardano: la situazione di estremo disagio dei medici di continuità assistenziale (le ex guardie mediche), oggetto della sospensione di alcune indennità; la discussione e la definizione, in tempi brevi, di un nuovo accordo integrativo regionale che riorganizzi il sistema delle cure primarie in grado di affrontare le sfide future della sanità, discussione ritenuta non più rinviabile.

Lo sciopero, in realtà, non è una primizia assoluta: l’assemblea generale unitaria dei medici di medicina generale, a novembre, aveva dichiarato lo stato di agitazione della categoria, dando mandato alle organizzazioni sindacali di attivare tutte le azioni di protesta. In assenza di riscontri concreti, quindi, i sindacati hanno proclamato lo sciopero. Nel manifesto di convocazione si parla di: assegni individuali non riassorbili; fondo per il «Programma di attività finalizzata al Governo Clinico» finanziato per il 2010 e non più rinnovato; quota in base al numero degli assistiti affetti da malattie croniche; assenza di programmi formativi; ritardo nelle procedure di assegnazione delle zone carenti di assistenza primaria; blocco della pubblicazione delle zone carenti del servizio di continuità assistenziale dal 2010, eccetto una sola pubblicazione nel 2015; sottovalutazione del problema «idoneità e sicurezza» dei presidi di continuità assistenziale; mancata definizione del pagamento per l’accesso al servizio di continuità assistenziale da parte dei cittadini residenti in altre regioni, con palese inosservanza dei Lea; mancata attivazione del servizio di reperibilità per il servizio di continuità assistenziale da parte dell’Asp; mancata informatizzazione dei presidi di continuità assistenziale. assenza di pubblicazione delle zone carenti per il servizio emergenza-urgenza 118; mancato avvio dei corsi di formazione previsti dall’articolo 66 del Dpr 270/2000.

Sin qui le motivazioni. In merito alle modalità dello sciopero, invece, saranno così articolate. Per i medici di medicina generale del settore di assistenza primaria è prevista la chiusura di tutti gli studi dalle 8 alle 20. Verranno garantite le prestazioni indispensabili come le visite domiciliari urgenti; le visite in assistenza programmata a pazienti terminali; le prestazioni di assistenza domiciliare integrata; la pronta disponibilità telefonica per i medici di assistenza primaria. Per i medici di continuità assistenziale è invece prevista l’astensione dal lavoro dalle 20 alle 24: saranno garantite le prestazioni indispensabili. I medici di emergenza sanitaria si asterranno dal lavoro dalle 8 alle 12 e garantiranno le prestazioni indispensabili, esattamente come i medici dei servizi territoriali. Infine, medici penitenziari non garantiranno l’accesso negli istituti penitenziari dei medici incaricati, ma saranno garantite le urgenze, le visite ai nuovi giunti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400