Sabato 23 Marzo 2019 | 21:29

NEWS DALLA SEZIONE

Verso il voto
Basilicata, in allestimento i seggi elettorali per 573mila elettori

Basilicata, in allestimento i seggi elettorali per 573mila elettori

 
Energia e polemiche
Basilicata, un colpo di coda sull’eolico raddoppiata la potenza

Basilicata, un colpo di coda sull’eolico raddoppiata la potenza

 
La foto
Elezioni Basilicata, bufera su Trerotola: il candidato presidente del c.sinistra tesserato con Msi

Elezioni Basilicata, bufera su Trerotola: il candidato presidente del c.sinistra tesserato con Msi

 
Il caso
Elezioni in Basilicata, spuntano 5 impresentabili per l'Antimafia

Elezioni in Basilicata, spuntano 5 «impresentabili» per l'Antimafia

 
Fondi Europa-Regioni
Basilicata, in arrivo 5 mln per un nuovo Hospice a Potenza

Basilicata, in arrivo 5 mln per un nuovo Hospice a Potenza

 
Regionali 2019
Basilicata, mondo agricolo sul piede di guerra

Basilicata, mondo agricolo sul piede di guerra

 
Le previsioni
Economia: nel 2019-2023 Potenza crescita zero

Economia: nel 2019-2023 Potenza crescita zero

 
Verso le elezioni
Berlusconi operato d'urgenza per ernia inguinale: annullato tour in Basilicata

Berlusconi operato d'urgenza per ernia inguinale: annullato tour in Basilicata

 
I fatti tra il 2017 e il 2018
Potenza, ex dirigente sanitario molestava dipendente: rinviato a giudizio

Potenza, ex dirigente sanitario molestava dipendente: rinviato a giudizio

 
Sanità in Basilicata
Liste di attesa e mobilità, accordo tra aziende lucane: arriva task force

Liste di attesa e mobilità, accordo tra aziende lucane: arriva task force

 
Il rapporto banche.imprese
Sud arretra, l'Obi: ripresa tra 10 anni, a Potenza crescita zero

Sud arretra, l'Obi: ripresa tra 10 anni, a Potenza crescita zero

 

Il Biancorosso

L'ALLENATORE
Bari, le scelte di mister Cornacchini"Palmese difesa forte e ben organizzata"

Bari, le scelte di mister Cornacchini
"Palmese difesa forte e ben organizzata"

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIl caso
Taranto, il Comune avvia la bonifica dell'area attorno al fiume Galeso

Taranto, il Comune avvia la bonifica dell'area attorno al fiume Galeso

 
PotenzaVerso il voto
Basilicata, in allestimento i seggi elettorali per 573mila elettori

Basilicata, in allestimento i seggi elettorali per 573mila elettori

 
BariPer i 4mila aventi diritto
Bari, il Comune aiuta le famiglie in difficoltà con il «bonus bollette»

Bari, il Comune aiuta le famiglie in difficoltà con il «bonus bollette»

 
FoggiaMaltrattamenti in famiglia
Foggia, picchiava la moglie e le chiedeva soldi per divertirsi al bar: arrestato 34enne

Foggia, picchiava la moglie e le chiedeva soldi per divertirsi al bar: arrestato 34enne

 
LecceNel Basso salento
Incidente tra Casarano e Ugento: giovane motociclista perde la vita

Incidente tra Casarano e Ugento:
giovane motociclista perde la vita

 
GdM.TVTraffico in tilt
Paura a Matera per una valigia abbandonata per strada: intervenuti artificieri

Paura a Matera per una valigia abbandonata per strada: intervenuti artificieri

 
BrindisiGuidava l'auto del padre
I cc lo fermano, rifiuta test antidroga: trovato con hashish

I cc lo fermano, rifiuta test antidroga: trovato con hashish

 
BatParla un imprenditore
Andria, cartelloni pubblicitari non a norma: la denuncia

Andria, cartelloni pubblicitari non a norma: la denuncia

 

sanità pubblica

Guardie mediche a piedi
via allo sciopero dell'auto

Da ieri stop all'uso dei mezzi propri nel servizio notturno e festivo

 Guardie mediche a piedi via allo sciopero dell'auto

PIERO MIOLLA

Un silenzio assordante che ha indignato non poco i medici di continuità assistenziale lucane, le ex guardie mediche. È quello mantenuto dalla Regione Basilicata e, soprattutto, dalle Aziende Sanitarie lucane in merito alla paventata protesta di un numero consistente di professionisti i quali, da ieri, dopo averlo preannunciato, hanno messo in atto il rifiuto, o, se vogliamo, l’indisponibilità, ad utilizzare la propria autovettura nel servizio notturno. Quel silenzio, infatti, più di ogni altra cosa, paradossalmente molto di più della richiesta di restituzione di circa diciotto milioni di euro, ha portato a mettere in atto la protesta annunciata con abbondante preavviso (addirittura il 1° novembre), forse proprio per dare tempo alle istituzioni regionali sanitarie di organizzarsi.

Invece, nessuna risposta. Morale della favola? I medici di continuità assistenziale a partire da ieri sera non utilizzeranno più la propria auto in servizio. Il che, tradotto in soldoni, equivale a dire che, nel caso di chiamate notturne (il servizio di guardia medica viene assicurato di notte, tranne nei giorni festivi, quando è esteso a tutta la giornata) i medici che hanno aderito alla protesta non usciranno dalla sede di lavoro, a meno che, con una decisione repentina e dell’ultima ora, le Aziende Sanitarie non decidano di mettere loro a disposizione le auto aziendali. Solo così, infatti, si assicurerebbe negli oltre trenta centri nei quali la protesta è stata annunciata l’eventuale servizio di missione esterna, o, per meglio dire, di visita domiciliare.

C’è un problema, però, e non è di poco conto. Dato per scontato che chi ha preannunciato la protesta la metterà in atto e che le Azienda Sanitarie non hanno messo a disposizione le auto aziendali, nel caso di richiesta di intervento e di conseguente rifiuto dei medici (o impossibilità) a causa del mancato utilizzo dell’auto, se al paziente richiedente dovesse accadere qualcosa di irreparabile, chi sarà ritenuto responsabile? Su questo interrogativo, in tutta la giornata di ieri, i medici di continuità assistenziale si sono interrogati sul da farsi.

È apparso, però, subito chiaro che la protesta non sarebbe stata comunque ritirata e che, proprio per questo, diventava necessario un passaggio formale per scrollarsi di dosso eventuali responsabilità. Il consulto è stato praticamente continuo ed ha portato a vagliare varie ipotesi, da una comunicazione alla Procura della Repubblica ad una lettera scritta nella quale allontanare dal corpo sanitario ogni responsabilità astrattamente derivante dalla mancata risposta ad eventuali chiamate domiciliari. Alla fine si è deciso di fare un’ulteriore comunicazione alle Aziende Sanitarie, inviata per conoscenza anche alla Prefettura, nella quale è stato chiesto espressamente in che modo le Aziende intendano assicurare il servizio, stante il rifiuto di cui sopra. Così facendo, in buona sostanza, la responsabilità passerebbe nella mani delle istituzioni. Che, è la posizione dei medici, dopo aver riconosciuto le indennità ai medici ed essere state solerti nel richiederne la restituzione, non altrettanta sollecitudine hanno mostrato nell’affrontare la questione legata alla protesta partita ieri.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400