Giovedì 21 Febbraio 2019 | 16:29

NEWS DALLA SEZIONE

L'intervista
Lezioni di esorcismo a scuola, sacerdote: «Sarebbe servito»

Lezioni di esorcismo a scuola, sacerdote: «Sarebbe servito»

 
La decisione
Basilicata, Pittella fa marcia indietro: Trerotola è nuovo candidato centro sinistra

Elezioni in Basilicata, Pittella fa marcia indietro: al suo posto un farmacista

 
L'analisi
Badante di condominio: la creatività dei lucani

Badante di condominio: la creatività dei lucani

 
In Basilicata
Elezioni, Carmen Lasorella rinuncia alla candidatura

Elezioni, Carmen Lasorella rinuncia alla candidatura

 
La nomina
Basilicata, Berlusconi presenta il candidato unico del centro destra: è Bardi

Basilicata, Bardi candidato unico del centrodestra

 
Mobilità
Trasporti pubblici lucani, fondi ordinari ma pochi bus: mancano 200 mezzi

Trasporti pubblici lucani, fondi ordinari ma pochi bus: mancano 200 mezzi

 
Dal gip di Potenza
Lavello, donna di mezza età in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

Lavello, donna 40enne in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

 
Nel potentino
Francavilla in Sinni, crolla tetto di casa, madre e figlio in ospedale, uomo ancora sotto le macerie

Francavilla in Sinni: crolla tetto di casa, 3 persone estratte vive, grave un uomo

 
Fotoreporter ferito
Il San Carlo si offre di curare l'occhio di Micalizzi

Il San Carlo si offre di curare l'occhio di Micalizzi

 
L'invito
Potenza, l'ospedale San Carlo si offre di curare il reporter ferito in Siria

Potenza, l'ospedale San Carlo si offre di curare il reporter ferito in Siria

 
«È un piano senza effetti»
Basilicata, stop inceneritori nel 2020: Tar boccia ricorso ex Fenice

Basilicata, stop inceneritori nel 2020: Tar boccia ricorso ex Fenice

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariI fatti nel 2017
Monopoli, tentò di uccidere moglie e ferì la figlia: chiesti 20 anni

Monopoli, tentò di uccidere moglie e ferì la figlia: chiesti 20 anni

 
HomeLa decisione
Puglia, il Consiglio approva la fusione tra Presicce e Acquarica

Puglia, il Consiglio approva la fusione tra Presicce e Acquarica

 
BrindisiA ceglie messapica
Incendiarono 5 auto e il prospetto di un palazzo nel Brindisino: catturato uno dei responsabili

Incendiarono 5 auto e il prospetto di un palazzo nel Brindisino: catturato uno dei responsabili

 
TarantoArrestato pregiudicato
Litiga con i genitori, polizia trova in camera una pistola

Litiga con i genitori, polizia trova in camera una pistola

 
FoggiaHanno agito in quattro
Tir carico di sigarette assaltato nel Foggiano, nessun ferito

Tir carico di sigarette assaltato nel Foggiano, nessun ferito

 
PotenzaL'intervista
Lezioni di esorcismo a scuola, sacerdote: «Sarebbe servito»

Lezioni di esorcismo a scuola, sacerdote: «Sarebbe servito»

 
BatLa denuncia
Barletta, stazione senza ascensore: non ha mai funzionato

Barletta, stazione senza ascensore: non ha mai funzionato

 
Materail Truffatore è barese
Si fa dare 3 Rolex da negoziante fingendo di essere figlio di un amico: arrestato a Matera

«Mio padre è tuo amico», si fa dare 3 Rolex da rivenditore: arrestato a Matera

 

Potenza

Agli «amanti diabolici»
dieci anni di carcere

La Corte d'Appello ha confermato condanna e pena

Agli «amanti diabolici»  dieci anni di carcere

di Giovanni Rivelli

POTENZA - La condanna resta e la pena non scenda dai 10 anni. Nonostante i 4 giorni di prognosi per la vittima, quello messo in atto nei confronti di Mario Salerno il 9 gennaio del 2003, anche ad avviso della Corte d’Appello di Potenza, fu un tentato omicidio e i responsabili dell’azione furono Antonio Sellitri, ritenuto l’esecutore materiale di un investimento fatto con l’auto, e Teresa D’Alessandro, ex moglie di Salerno, che avrebbe concorso moralmente nell’azione con l’esecutore materiale con cui intratteneva una relazione, cosa che portò i due imputati ad essere definiti «amanti diabolici».

Il fatto avvenne a Potenza, in viale dell’Edilizia, il 9 gennaio del 2003 e il lungo tempo trascorso per giungere alla sentenza (il primo grado fu definito nel 2014) fu oggetto di una protesta della parte lesa.

Secondo l’accusa formulata all’epoca dal sostituto procuratore, Lucio Setola «Sellitri, quale autore materiale, D’Alessandro quale concorrente morale, ponevamo in essere atti idonei in maniera non equivoca a cagionare la morte di Salerno (marito della D’Alessandro). Ed, infatti, il Sellitri, postosi alla guida di un’auto Golf di colore scuro si avvicinava a forte velocità ed a fari spenti alle spalle di Salerno che si stava avvicinando a piedi alla propria autovettura, investendolo e scaraventandolo in terra». Per questi fatti, nel 2014, il Pm Gerardo Salvia aveva chiesto al Tribunale una condanna a nove anni di reclusione, ma il collegio presieduto da Aldo Gubitosi ritenne di andare oltre la richiesta salendo a 10 anni.

Una pronuncia che ieri è stata confermata dalla corte d’Appello presieduta da Pasquale Materi e composta da Rocco Pavese e Angela D’Amelio che non ha accolto la lettura dei fatti alternativa proposta dalle difese. Ieri era toccato all’avvocato di Sellitri, l’avv. Pietro Mazzoccoli, concludere le discussioni e il legale aveva insistito molto tanto sulla materialità del fatto, appunto la circostanza che un tentato omicidio a mezzo investimento ad alta velocità avesse prodotto una guarigione in appena quattro giorni, tanto sull’assenza di movente e, ancora, contestando la ricostruzione fatta dalla vittima che nell'immediatezza dei fatti avrebbe parlato di una vettura di marca diversa (una Suzuki) dicendo di non aver visto nessuno, e poi avrebbe col tempo rettificato le sua dichiarazioni arrivando a dirsi sicuro che l’auto era la Golf e alla guida vi era Sellitri.

I giudici hanno invece accolto la richiesta di conferma venuta da procura generale e parte civile per la conferma per le motivazioni che saranno rese note in 90 giorni. Un termine che le difese ora attendono per valutare l’eventuale, e già giudicato probabile, ricorso in Cassazione in assenza del quale la pena diverrebbe definitiva e si aprirebbero le porte del carcere.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400