Martedì 19 Marzo 2019 | 18:34

NEWS DALLA SEZIONE

Sanità in Basilicata
Liste di attesa e mobilità, accordo tra aziende lucane: arriva task force

Liste di attesa e mobilità, accordo tra aziende lucane: arriva task force

 
Il rapporto banche.imprese
Sud arretra, l'Obi: ripresa tra 10 anni, a Potenza crescita zero

Sud arretra, l'Obi: ripresa tra 10 anni, a Potenza crescita zero

 
I controlli
Evadevano il fisco per 120mila euro: scoperti in 2 a Maratea

Evadevano il fisco per 120mila euro: scoperti in 2 a Maratea

 
Dall'ispettorato del lavoro
Furbetti dell'assegno di disoccupazione nei campi in Basilicata: denunciati

Furbetti dell'assegno di disoccupazione nei campi in Basilicata: denunciati

 
Il comizio
Melfi, Salvini a contestatori: «Siete 10 sfigati, partigiani si rivolterebbero nella tomba»

Melfi, Salvini a contestatori: «Siete 10 sfigati, partigiani si rivolterebbero nella tomba»

 
Le parole
Salvini: «Nel Potentino le vittime hanno ancora paura dell'usura»

Salvini: «Nel Potentino le vittime hanno ancora paura dell'usura»

 
A Melfi
Melfi, Berlusconi su morte giovane testimone processo Ruby: mi spiace

Berlusconi su morte teste processo Ruby: mi spiace
E sui cogl...: ho esagerato Vd

 
Il fenomeno
Le case dei lucani all’asta un altro segno della crisi

Le case dei lucani all’asta un altro segno della crisi

 
La rapina
Potenza, sfondano una gioielleria a colpi di martello: ladri in fuga

Potenza, sfondano una gioielleria a colpi di martello: ladri in fuga

 
La decisione
Papa: Monsignor Augusto Bertazzoni sarà venerabile

Papa: Monsignor Augusto Bertazzoni sarà venerabile

 

Il Biancorosso

Al San Nicola
Brienza, festa a sorpresa dei tifosi per i suoi 40 anni

Brienza, festa a sorpresa dei tifosi per i suoi 40 anni: il video

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl caso
Tangenti ex Provincia Bari, licenziato furbetto del cartellino che truffò la Regione

Tangenti ex Provincia Bari, licenziato furbetto del cartellino che truffò la Regione

 
TarantoL'operazione
Taranto, la Guardia Costiera sequestra una tonnellata di ricci e "bianchetto"

Taranto, la Guardia Costiera sequestra una tonnellata di ricci e "bianchetto"

 
PotenzaSanità in Basilicata
Liste di attesa e mobilità, accordo tra aziende lucane: arriva task force

Liste di attesa e mobilità, accordo tra aziende lucane: arriva task force

 
FoggiaDalla Toscana alla Puglia
Frode olio, inchiesta di Grosseto tocca anche Foggia

Frode olio, inchiesta di Grosseto tocca anche Foggia

 
BatIl Puttilli
Barletta, si allontana la riapertura parziale dello Stadio

Barletta, si allontana la riapertura parziale dello Stadio

 
BrindisiL'iniziativa
Torchiarolo, tavolata di 60 metri per San Giuseppe: sarà plastic free

Torchiarolo, tavolata di 60 metri per San Giuseppe: è plastic free

 
MateraDalla Finanza
Matera, sequestrati oltre 120mila prodotti non sicurti in un negozio

Matera, sequestrati oltre 120mila prodotti non sicurti in un negozio

 
LecceBattuto Messuti
Primarie Centrodestra a Lecce, vince Saverio Congedo, coordinatore pugliese FdI

Primarie Centrodestra a Lecce, vince Saverio Congedo, di Fratelli d'Italia

 

Il processo

Senise, accusato di pedofilia
assolto dopo 7 anni di calvario

Finisce un incubo per un uomo di 53 anni finito nel mirino di una indagine della Polizia postale

Senise, accusato di pedofiliaassolto dopo 7 anni di calvario

PINO PERCIANTE

Sette anni, sette interminabili anni con l’accusa di pedopornografia. Un’ indagine e un processo, nonostante l’ostinata professione di innocenza. Un incubo finito solo oggi: quando il Tribunale di Lagonegro ha chiuso il processo contro M. L. B., 53 anni, originario di San Giorgio Lucano ma residente a Senise. Decidendo che lui con la pedopornografia non c’entrava assolutamente niente. Il fatto non sussiste, con questa formula il giudice monocratico, Alfredo Maffei, lo ha assolto dall’infamante accusa. Ciò che aveva scaricato sul suo computer non erano immagini erotiche con bambini, o quanto meno non c’è la matematica certezza che quelle sequenze avessero come protagonisti minori . Per scagionare M. L. B. l’avvocato difensore, Giuseppe Arbia, ha chiesto la consulenza dell’ingegnere Domenico Pullì , il quale davanti al giudice ha affermato che dalla visione dei filmati non è possibile risalire con certezza all’età dei protagonisti, sicuramente giovani ma non può dirsi se minori.

Di fronte a questa testimonianza e all’arringa convincente dell’avvocato Arbia, il giudice ha deciso di assolvere l’imputato con la formula più ampia. Tutto ha avuto origine nel 2008 quando la polizia giudiziaria, su delega della Procura di Bologna, nel corso di un indagine a più largo raggio, scopre che M. L. B. starebbe scaricando una serie di immagini giudicate pedopornografiche. Alla fine di quell’anno la Polizia Postale irrompe nella sua abitazione a Senise e sequestra tutto il materiale presente, pc, cd e floppy disk. Al 53enne viene contestato il possesso di materiale pedopornografico. L’uomo viene rinviato a giudizio il 25 novembre 2010. Il processo comincia il 22 novembre del 2011 ma per varie ragioni (legittimi impedimenti, scioperi e tre cambi di giudice) viene rinviato fino al 1 marzo del 2017 quando viene risentito uno dei due testi e l’ingegnere Pullì, nel frattempo nominato dal tribunale. Dopo un ulteriore rinvio, la sentenza arriva il 7 luglio scorso e oggi sono state rese note le motivazioni .

Per il giudice «l’analisi dei dati presenti nei supporti magnetici sequestrati (111, ndr) non ha consentito di appurare la detenzione, in capo all’imputato , di files - video ed immagini – di contenuto pornografico che avessero come protagonisti dei bambini… Certamente – si legge ancora nelle motivazioni - il materiale rinvenuto nella detenzione dell’imputato aveva contenuto pornografico; tuttavia rispetto ai protagonisti ivi raffigurati, pur riscontrandosene la giovane età, non può affermarsi con elevato grado di certezza che trattasi di soggetti minorenni». Per di più, scrive ancora il giudice del Tribunale di Lagonegro «la prova che le immagini riproducano effettivamente ragazze e ragazzi minori di anni diciotto, oltre a non essere rinvenibile con chiarezza dai connotati fisici delle persone ritratte, nemmeno può ricavarsi da ulteriori elementi identificativi dei files in oggetto». In conclusione «gli esiti dell’istruttoria non hanno consentito di ritenere dimostrato, al di là di ogni ragionevole dubbio, che l’imputato detenesse materiale pedopornografico».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400