Martedì 19 Gennaio 2021 | 22:29

NEWS DALLA SEZIONE

Il virus
Covid 19, focolaio in una Rsa a Brienza, nel Potentino: morti 4 anziani

Covid 19, focolaio in una Rsa a Brienza, nel Potentino: morti 4 anziani

 
La pandemia
Basilicata, più vaccini agli anziani: la proposta è di partire dagli over 75

Basilicata, più vaccini agli anziani: la proposta è di partire dagli over 75

 
la protesta
Melfi, area in industriale in tilt per il maltempo: «Tutto fermo per un centimetro di neve»

Melfi, area in industriale in tilt per il maltempo: «Tutto fermo per un centimetro di neve»

 
a Castelsaraceno
Bloccati su una parete del Monte Alpi, nel Potentino: salvati due alpinisti

Bloccati su una parete del Monte Alpi, nel Potentino: salvati due alpinisti

 
Demografia
Cresce la «città fantasma»: in Basilicata 1 casa su 3 è vuota

Cresce la «città fantasma»: in Basilicata 1 casa su 3 è vuota

 
La decisione
Foto Tony Vece

Potenza, causa neve chiuse tutte le scuole il 18 gennaio

 
Il personaggio
Il vaccino italiano di «ReiThera»: tra i ricercatori c’è una lucana

Il vaccino italiano di «ReiThera»: tra i ricercatori c’è una lucana

 
Nel Potentino
Avigliano: in una Rsa inaugurata la prima tenda degli abbracci della Basilicata

Avigliano: in una Rsa inaugurata la prima tenda degli abbracci della Basilicata

 
I numeri
Covid, in Basilicata una festa di compleanno a Grumento accende un altro focolaio

Covid, in Basilicata una festa di compleanno a Grumento accende un altro focolaio

 
zona gialla
Basilicata, ordinanza scuole: confermata Dad alle superiori sino al 31 gennaio

Basilicata, ordinanza scuole: confermata Dad alle superiori sino al 31 gennaio

 
dati regionali
Covid in Basilicata, altri 2 decessi e 89 nuovi contagi (su 790 tamponi): tasso di positività all'11,2%

Covid in Basilicata, altri 2 decessi e 89 nuovi contagi (su 790 tamponi): tasso di positività all'11,2% e trend in aumento

 

Il Biancorosso

Biancorossi
Bari, i numeri in grigio: Ternana avanti in tutto

Bari, i numeri in grigio: Ternana avanti in tutto

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceIl caso
Mafia, annullata interdittiva a società steward dello stadio di Lecce

Mafia, annullata interdittiva a società steward dello stadio di Lecce

 
Covid news h 24Il virus
Coronavirus a Mottola, focolaio in una Rsa: 22 positivi

Coronavirus a Mottola, focolaio in una Rsa: 22 positivi

 
BatLa disgrazia
Andria, addio a Gianna: muore sola in casa a 49 anni il travestito vittima di insulti

Andria, addio a Gianna: muore sola in casa a 49 anni il travestito vittima di insulti

 
PotenzaIl virus
Covid 19, focolaio in una Rsa a Brienza, nel Potentino: morti 4 anziani

Covid 19, focolaio in una Rsa a Brienza, nel Potentino: morti 4 anziani

 
BariIl caso
Sanità, l'accusa di Zullo (FdI): «Da Asl Bari 30mila avvisi di accertamento»

Sanità, l'accusa di Zullo (FdI): «Da Asl Bari 30mila avvisi di accertamento»

 
Foggiaparto record
Dal Canada a Foggia per far nascere tre gemellini: mamma dimessa

Dal Canada a Foggia per far nascere tre gemellini: mamma dimessa

 
MateraIl caso
Matera, minaccia convivente disabile con una katana, arrestato 70enne

Matera, minaccia convivente disabile con una katana, arrestato 70enne

 
Brindisila denuncia
Covid, nel Brindisino 100 vaccinati senza averne diritto: presentata interrogazione a Lopalco

Covid, nel Brindisino 100 vaccinati senza averne diritto: presentata interrogazione a Lopalco

 

i più letti

il caso di santa caterina

Lottizzazione a Maratea
il processo slitta ad aprile
Ma per la legge è già prescritto

Lottizzazione a Maratea  il processo slitta ad aprile  Ma per la legge è già prescritto

di Pino Perciante

MARATEA - A sette anni dai fatti il processo sul caso di lottizzazione che ha coinvolto l’ex amministrazione comunale di Maratea. E inizia con la spada di Damocle della prescrizione che incombe. Infatti, si è aperto il dibattimento per la vicenda che vede alla sbarra l’ex sindaco Mario di Trani e altre 12 persone accusate di abuso d’ufficio in concorso per la lottizzazione di Santa Caterina. Ma uno dei giudici a latere del collegio presieduto da Claudio Scorza ha dato forfait per malattia. E il suo collega che avrebbe dovuto sostituirlo era, a sua volta, incompatibile in quanto aveva già rinviato a giudizio gli imputati nella fase dell’udienza preliminare. Il processo è stato così subito aggiornato al 26 aprile dell’anno prossimo.

La prescrizione scatta in sette anni e sei mesi e, considerando come data della consumazione del presunto reato il 12 agosto 2010 (giorno della delibera comunale finita nel mirino dell’accusa), ad aprile il processo sarebbe già abbondantemente prescritto. La vicenda al centro della causa riguarda il completamento di un complesso turistico residenziale, tra cui le famose villette da costruire sulla costa della «perla del Tirreno», nella zona a ridosso del Pianeta Maratea. Oltre a di Trani, sono imputati gli ex consiglieri comunali Biagio Schettino, Biagio Belvedere, Gerarda Giosa, Giovanni Limongi Rizzuti, Virgilio Lammoglia, Diego Giosa, Biagio Schettino, Marinella Job, Rosa Brando e Antonio Magnabosco, l’ex dirigente del settore lavori pubblici, Anna Maria Magliano, e l’imprenditrice Rosa Amoroso.

La Procura della Repubblica di Lagonegro, nello specifico, contesta l’approvazione (con la delibera del 12 agosto 2010) di una nuova convenzione in cui il Comune rinunciava alle opere di urbanizzazione (un anfiteatro e parte della strada della Marinella ) che invece, per legge, avrebbe dovuto acquisire. Un progetto quello di Santa Caterina che arriva da lontano e precisamente dai primi anni ‘80, al centro di numerose polemiche e contestazioni. Non solo politiche, ma finite più volte nelle aule dei tribunali amministrativi. Ad onor del vero, va detto che gli ex amministratori e le società lottizzanti, hanno avuto ragione in tutte le sedi, sia al Tar che in Consiglio di Stato. Per la Procura, però, qualcosa che non quadra negli atti con cui l’amministrazione Di Trani ha dato il via libera al progetto c’è.

In particolare, la lente degli inquirenti è finita sulla cosiddetta «delibera di ferragosto», la numero 34 adottata dal Consiglio, a maggioranza, il 12 agosto 2010, in cui il progetto veniva dichiarato di interesse pubblico e, soprattutto, veniva approvata la nuova convenzione con le società lottizzanti. Una sorta di ricontrattazione tra Comune e privati degli accordi frutto della precedente convenzione sottoscritta nell’81 che prevedeva la realizzazione, da parte dei lottizzanti, di alcune opere pubbliche, tra cui l’anfiteatro, che poi dovevano essere trasferite gratuitamente al Comune. Accordi, però, che solo in parte furono attuati.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie