Venerdì 22 Marzo 2019 | 02:47

NEWS DALLA SEZIONE

La foto
Elezioni Basilicata, bufera su Trerotola: il candidato presidente del c.sinistra tesserato con Msi

Elezioni Basilicata, bufera su Trerotola: il candidato presidente del c.sinistra tesserato con Msi

 
Il caso
Elezioni in Basilicata, spuntano 5 impresentabili per l'Antimafia

Elezioni in Basilicata, spuntano 5 «impresentabili» per l'Antimafia

 
Fondi Europa-Regioni
Basilicata, in arrivo 5 mln per un nuovo Hospice a Potenza

Basilicata, in arrivo 5 mln per un nuovo Hospice a Potenza

 
Regionali 2019
Basilicata, mondo agricolo sul piede di guerra

Basilicata, mondo agricolo sul piede di guerra

 
Le previsioni
Economia: nel 2019-2023 Potenza crescita zero

Economia: nel 2019-2023 Potenza crescita zero

 
Verso le elezioni
Berlusconi operato d'urgenza per ernia inguinale: annullato tour in Basilicata

Berlusconi operato d'urgenza per ernia inguinale: annullato tour in Basilicata

 
I fatti tra il 2017 e il 2018
Potenza, ex dirigente sanitario molestava dipendente: rinviato a giudizio

Potenza, ex dirigente sanitario molestava dipendente: rinviato a giudizio

 
Sanità in Basilicata
Liste di attesa e mobilità, accordo tra aziende lucane: arriva task force

Liste di attesa e mobilità, accordo tra aziende lucane: arriva task force

 
Il rapporto banche.imprese
Sud arretra, l'Obi: ripresa tra 10 anni, a Potenza crescita zero

Sud arretra, l'Obi: ripresa tra 10 anni, a Potenza crescita zero

 
I controlli
Evadevano il fisco per 120mila euro: scoperti in 2 a Maratea

Evadevano il fisco per 120mila euro: scoperti in 2 a Maratea

 
Dall'ispettorato del lavoro
Furbetti dell'assegno di disoccupazione nei campi in Basilicata: denunciati

Furbetti dell'assegno di disoccupazione nei campi in Basilicata: denunciati

 

Il Biancorosso

LA NOTIZIA
Vi ricordate lo steward della Turris?Condannato a cinque anni di Daspo

Vi ricordate lo steward della Turris?
Condannato a cinque anni di Daspo

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaL'omicidio
Mattinata, ammazzata a fucilate vicino casa boss del clan Romito

Mattinata, boss clan Romito ammazzato a fucilate vicino casa

 
BariComune
Bari, battaglia in consiglio sulle tasse. «Non aumentano». «Aumento col trucco»

Bari, battaglia in consiglio sulle tasse. «Non aumentano». «Aumento col trucco»

 
TarantoIl siderurgico
Taranto, da Regione corsi di riqualificazione per i lavoratori ex Ilva

Taranto, da Regione corsi di riqualificazione per i lavoratori ex Ilva

 
LecceEmergenza batterio killer
Xylella, lunedì 25 marzo incontro a Lecce con il ministro Lezzi

Xylella, lunedì 25 marzo incontro a Lecce con il ministro Lezzi

 
PotenzaLa foto
Elezioni Basilicata, bufera su Trerotola: il candidato presidente del c.sinistra tesserato con Msi

Elezioni Basilicata, bufera su Trerotola: il candidato presidente del c.sinistra tesserato con Msi

 
Materail «diplomificio» dello jonio
Policoro, ottenere il diploma? Un sogno al costo di 2.500 euro annui

Policoro, ottenere il diploma? Un sogno al costo di 2.500 euro annui

 
BrindisiNel Brindisino
Trovati 2 escavatori nelle campagne: erano stati rubati a Lecce

Trovati 2 escavatori nelle campagne: erano stati rubati a Lecce

 
BatAnalisi e scenari
Commercio agroalimentare nella Bat: «l’export cresce poco»

Commercio agroalimentare nella Bat: «l’export cresce poco»

 

il caso di santa caterina

Lottizzazione a Maratea
il processo slitta ad aprile
Ma per la legge è già prescritto

Lottizzazione a Maratea  il processo slitta ad aprile  Ma per la legge è già prescritto

di Pino Perciante

MARATEA - A sette anni dai fatti il processo sul caso di lottizzazione che ha coinvolto l’ex amministrazione comunale di Maratea. E inizia con la spada di Damocle della prescrizione che incombe. Infatti, si è aperto il dibattimento per la vicenda che vede alla sbarra l’ex sindaco Mario di Trani e altre 12 persone accusate di abuso d’ufficio in concorso per la lottizzazione di Santa Caterina. Ma uno dei giudici a latere del collegio presieduto da Claudio Scorza ha dato forfait per malattia. E il suo collega che avrebbe dovuto sostituirlo era, a sua volta, incompatibile in quanto aveva già rinviato a giudizio gli imputati nella fase dell’udienza preliminare. Il processo è stato così subito aggiornato al 26 aprile dell’anno prossimo.

La prescrizione scatta in sette anni e sei mesi e, considerando come data della consumazione del presunto reato il 12 agosto 2010 (giorno della delibera comunale finita nel mirino dell’accusa), ad aprile il processo sarebbe già abbondantemente prescritto. La vicenda al centro della causa riguarda il completamento di un complesso turistico residenziale, tra cui le famose villette da costruire sulla costa della «perla del Tirreno», nella zona a ridosso del Pianeta Maratea. Oltre a di Trani, sono imputati gli ex consiglieri comunali Biagio Schettino, Biagio Belvedere, Gerarda Giosa, Giovanni Limongi Rizzuti, Virgilio Lammoglia, Diego Giosa, Biagio Schettino, Marinella Job, Rosa Brando e Antonio Magnabosco, l’ex dirigente del settore lavori pubblici, Anna Maria Magliano, e l’imprenditrice Rosa Amoroso.

La Procura della Repubblica di Lagonegro, nello specifico, contesta l’approvazione (con la delibera del 12 agosto 2010) di una nuova convenzione in cui il Comune rinunciava alle opere di urbanizzazione (un anfiteatro e parte della strada della Marinella ) che invece, per legge, avrebbe dovuto acquisire. Un progetto quello di Santa Caterina che arriva da lontano e precisamente dai primi anni ‘80, al centro di numerose polemiche e contestazioni. Non solo politiche, ma finite più volte nelle aule dei tribunali amministrativi. Ad onor del vero, va detto che gli ex amministratori e le società lottizzanti, hanno avuto ragione in tutte le sedi, sia al Tar che in Consiglio di Stato. Per la Procura, però, qualcosa che non quadra negli atti con cui l’amministrazione Di Trani ha dato il via libera al progetto c’è.

In particolare, la lente degli inquirenti è finita sulla cosiddetta «delibera di ferragosto», la numero 34 adottata dal Consiglio, a maggioranza, il 12 agosto 2010, in cui il progetto veniva dichiarato di interesse pubblico e, soprattutto, veniva approvata la nuova convenzione con le società lottizzanti. Una sorta di ricontrattazione tra Comune e privati degli accordi frutto della precedente convenzione sottoscritta nell’81 che prevedeva la realizzazione, da parte dei lottizzanti, di alcune opere pubbliche, tra cui l’anfiteatro, che poi dovevano essere trasferite gratuitamente al Comune. Accordi, però, che solo in parte furono attuati.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400