Sabato 16 Gennaio 2021 | 21:47

NEWS DALLA SEZIONE

zona gialla
Basilicata, ordinanza scuole: confermata Dad alle superiori sino al 31 gennaio

Basilicata, ordinanza scuole: confermata Dad alle superiori sino al 31 gennaio

 
dati regionali
Covid in Basilicata, altri 2 decessi e 89 nuovi contagi (su 790 tamponi): tasso di positività all'11,2%

Covid in Basilicata, altri 2 decessi e 89 nuovi contagi (su 790 tamponi): tasso di positività all'11,2% e trend in aumento

 
L'emergenza
Basilicata, abbattimento cinghiali: sì al piano regionale. Si potranno eliminare 5.600 esemplari

Basilicata, abbattimento cinghiali: sì al Piano regionale. Coldiretti: «C'è altro da fare»

 
sanità
Potenza, cure domiciliari: il Tar boccia il bando lucano

Potenza, cure domiciliari: il Tar boccia il bando lucano

 
L'emergenza
Vaccini anti covid, in Basilicata somministrate 7.261 dosi (52,8%)

Vaccini anti covid, in Basilicata somministrate 7.261 dosi (52,8%). Anci: «Nessuno conosce il piano»

 
la «trovata»
Potenza, protesta ristoratori tra bicchieri di prosecco, musica e ironia

Potenza, protesta ristoratori tra bicchieri di prosecco, musica e ironia

 
Difesa ambiente
No a deposito nucleare: Basilicata e Puglia stabiliscono un percorso comune

No a deposito nucleare: Basilicata e Puglia stabiliscono un percorso comune

 
Il caso
Tempa Rossa, Total lancia app per il monitoraggio ambientale

Tempa Rossa, Total lancia app per il monitoraggio ambientale

 
migranti
Venosa, centro accoglienza Boreano intitolato al bracciante Girasole

Venosa, centro accoglienza Boreano intitolato al bracciante Girasole

 
acqua, soldi e lavoro
Basilicata, dopo la grave siccità dighe piene: 84 milioni di metri cubi in più rispetto all'anno scorso

Basilicata, dopo la grave siccità dighe piene: 84 milioni di metri cubi in più rispetto all'anno scorso

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari calcio, Auteri: «Contro il Bisceglie saremo spietati»

Bari calcio, Auteri: «Contro il Bisceglie saremo spietati»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl caso
Scuola e Covid, l'ira dei presidi pugliesi: «Basta libera scelta su frequenza»

Scuola e Covid, l'ira dei presidi pugliesi: «Basta libera scelta su frequenza»

 
LecceL'evento
La Fòcara di Novoli torna in piazza: l’accensione in streaming

La Fòcara di Novoli torna in piazza: l’accensione in streaming

 
Brindisia S. Michele Salentino
Nonna Maria festeggia 106 anni: è la più longeva della provincia di Brindisi

Nonna Maria festeggia 106 anni: è la più longeva della provincia di Brindisi

 
MateraL'annuncio
Asm di Matera: dal 18 gennaio riapre il Cup di via Matteotti

Asm di Matera: dal 18 gennaio riapre il Cup di via Matteotti

 
TarantoIl caso
Taranto, bimba morta di tumore, la mamma: «Sia fatta giustizia per i nostri figli»

Taranto, bimba morta di tumore, la mamma: «Sia fatta giustizia per i nostri figli»

 
Potenzazona gialla
Basilicata, ordinanza scuole: confermata Dad alle superiori sino al 31 gennaio

Basilicata, ordinanza scuole: confermata Dad alle superiori sino al 31 gennaio

 
BatMaltempo
Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate

Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate. Scatta l'allerta gialla

 
Foggiaemergenza coronavirus
San Nicandro Garganico, muore sindaco medico per Covid: virus contratto forse da un paziente

San Nicandro Garganico, muore sindaco medico per Covid: virus contratto forse da un paziente

 

i più letti

economia

Aziende lucane in crisi
sarà un altro autunno caldo

Vertenze impantanate a Roma: Natuzzi, Firema, Ferrosud, Mercure, Tandoi e Vibac posti di lavoro in bilico

Aziende lucane in crisi  sarà un altro autunno caldo

di PIERO MIOLLA

MATERA - Una sollecitazione al Governo centrale affinché chiuda, se possibile in positivo, le vertenze sindacali che riguardano la Basilicata. In particolare i 6 tavoli di crisi aziendali aperti al Mise, relativi ad aziende come Natuzzi, Firema, Ferrosud, Enel Centrale Mercure, Tandoi e Vibac.

L’appello al premier Paolo Gentiloni è arrivato dal segretario generale della Uil Basilicata, Gerardo Vaccaro, che ha spiegato di aver agito pure per “richiamare l’attenzione della politica, anche locale, affinché si faccia promotrice di una iniziativa che possa in qualche modo preservare la Basilicata, regione che dà molto al Governo centrale, ma che da esso non riceve molto».

In buona sostanza, Vaccaro ha chiesto «maggiore attenzione per la Basilicata, che ha grandi potenzialità. Siamo diventati il primo stabilimento di produzione di autoveicoli, certamente in Italia e forse anche in Europa, perché siamo sostanzialmente un grande laboratorio. Di questo noi lucani dobbiamo farcene, come dire, portavoce. Cioè, dobbiamo giocarci bene le nostre carte. Purtroppo, in tal senso vedo poca connessione tra il Governo centrale e la nostra regione per risolvere problemi atavici». Quali, in particolare? «Mi riferisco innanzitutto alla disoccupazione giovanile che, in alcune aree della regione, supera il 67%. Questo vuol dire che 7 giovani su 10 non hanno mai visto un lavoro. Oggi tutti si interrogano sull’occupazione giovanile: noi, forse, abbiamo qualche possibilità in più rispetto agli altri, ma dobbiamo far valere meglio le nostre potenzialità».

Insomma, la Basilicata deve far sentire la sua voce forte e chiara per contare di più. Almeno sul fronte delle politiche occupazionali. A conferma di questo, Vaccaro ha citato le vertenze di cui sopra, che interessano 2.700 lavoratori nel complesso, anche se talune delle aziende interessate dai tavoli citati hanno opifici non solo in Basilicata. Per Vaccaro, dunque, occorre maggiore «peso» e idee più chiare.

A Roma, in buona sostanza, bisognerebbe ricordare che la nostra è una regione che paga molto sul piano ambientale e che qui da noi c’è il giacimento di petrolio più grande d’Europa in terraferma, che diamo la nostra acqua alle regioni vicine e, in generale, non abbiamo mai fatto mancare la nostra «sponda» all’Italia intera. Ma la battaglia, secondo Vaccaro, si vince anche con l’innovazione e, perché no, con l’opportunità rappresentata dalle Zes. Su questo, concludendo, il segretario regionale della Uil ha dichiarato: «Rileviamo che, purtroppo, nella governance delle Zes delineata dal decreto manca una rappresentanza efficace delle parti economiche e sociali.

Bisogna incrementare quantità e qualità degli investimenti e aggiungere la condizione che le imprese debbano mantenere per almeno 5 anni dopo il completamento dell’investimento l’obbligo di mantenimento dell’occupazione nel lustro successivo».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie