Giovedì 13 Agosto 2020 | 19:51

NEWS DALLA SEZIONE

Il virus
Coronavirus, positivi 4 giovani lucani: sono appena tornati da Malta

Coronavirus, positivi 4 giovani lucani: sono appena tornati da Malta

 
L'ESTATE DEL COVID
Matera, aperti per ferie: così i negozi cercano di rifarsi

Basilicata, aperti per ferie: così i negozi cercano di rifarsi

 
IL CASO

Aiuti alle imprese colpite da crisi: c'è un caso Viggiano, il sindaco prende i soldi del bando comunale

 
POLITICA
Basilicata, si spacca la Lega: chiesta espulsione di Zullino

Basilicata, si spacca la Lega: chiesta espulsione di Zullino

 
l'iniziativa del comune
Offerta ai turisti del Pollino. Dormi 2 notti, ne paghi una

Rotonda, offerta ai turisti nel Pollino: dormi 2 notti, ne paghi una

 
LA TRAGEDIA nel potentino
Donna muore a Rionero investita dal suo furgone

Donna muore a Rionero in Vulture investita dal suo furgone

 
Contagi
Basilicata, un nuovo caso di Covid a Calvello: è una donna tornata dalla Lombardia

Basilicata, un nuovo caso di Covid a Calvello: è una donna tornata dalla Lombardia

 
Il caso
Potenza, Giuseppe Spera nominato nuovo commissario del San Carlo

Potenza, Giuseppe Spera nominato nuovo commissario del San Carlo

 
L'INTERVISTA
«Per uscire dalla crisi serve la verità»

Potenza, «Per uscire dalla crisi serve la verità»: la Chiesa suona la sveglia alla Basilicata

 
bollettino regionale
Coronavirus in Basilicata, 0 contagi su 273 tamponi nelle ultime 24 h

Coronavirus in Basilicata, 0 contagi su 273 tamponi nelle ultime 24 h

 
fase 3
Regione Basilicata, fondo perduto microimprese, approvazione elenchi beneficiari

Regione Basilicata, fondo perduto microimprese, approvazione elenchi beneficiari

 

Il Biancorosso

serie c
Bari, un altro giorno di rinvii

Bari, un altro giorno di rinvii: torna in quota solo il ds Scala

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariL'EMERGENZA
Incubo roghi a Ceglie e Loseto, ecco l'esercito dei volontari

Incubo roghi a Ceglie e Loseto, ecco l'esercito dei volontari

 
BrindisiIl ritrovamento
Brindisi, immersione fatale: sub muore a Punta della Contessa

Brindisi, immersione fatale: sub muore a Punta della Contessa

 
PotenzaIl virus
Coronavirus, positivi 4 giovani lucani: sono appena tornati da Malta

Coronavirus, positivi 4 giovani lucani: sono appena tornati da Malta

 
LecceLa curiosità
Lecce, strombazzano il clacson in piazza Sant'Oronzo: multata coppia di neosposi

Lecce, strombazzano il clacson in piazza Sant'Oronzo: multata coppia di neosposi

 
Tarantoguardia costiera e polizia
Taranto, 2 tonnellate di cozze con etichette contraffatte: sequestro e una denuncia

Taranto, 2 tonnellate di cozze con etichette contraffatte: sequestro e una denuncia

 
Bati fatti nel 2018
Trani, rapinarono e sequestrarono un autotrasportatore: arrestati padre e figlio

Trani, rapinarono e sequestrarono un autotrasportatore: arrestati padre e figlio

 

i più letti

chiesa lucana

Melfi ha il suo vescovo
È don Ciro Fanelli

La nomina è caduta su un parroco di Lucera

Melfi ha il suo vescovo  È don Ciro Fanelli

di Edmondo Soave

MELFI - Solo un mese di attesa e Melfi ha già il suo nuovo vescovo, che succede a monsignor Todisco partito missionario per l’Honduras; per la cattedra di sant’Alessandro, Papa Francesco ha scelto un altro pugliese: don Ciro Fanelli, 53 anni, prete da 27,fino a ieri vicario generale della diocesi Lucera - Troia ,oltre che parroco della cattedrale di Lucera che è anche il suo paese natale .

Nulla di paragonabile ai due anni e mezzo vissuti come di sede vacante da Acerenza; ma allora c’erano problemi di “assestamento complessivo” della provincia ecclesiastica lucana. Si trattava cioè di decidere se cancellare o meno qualche diocesi ; una volta confermato il quadro attuale le nomine sono praticamente piovute una dopo l’altra: e così, nel giro di un solo anno, la conferenza episcopale lucana è stata totalmente rivoluzionata: 4 nuovi vescovi tutti di prima nomina a Matera, Tricarico, Acerenza ed ora Melfi; due spostamenti di sede, per Potenza e Tursi. Come se fossimo davanti ad un nuovo inizio; o almeno ci son o tutte le premesse.

Ma restiamo a Melfi. L’annuncio del nuovo vescovo è avvenuto a mezzogiorno nel principesco vescovado settecentesco, nella bella sala degli stemmi, affollata all’incredibile non tanto da preti, che sono appena una quarantina in tutto, ma soprattutto da laici impegnati da fedeli anonimi e da curiosi.

A leggere la nomina, la biografia e il primo saluto del “vescovo eletto”, come viene chiamato fino alla presa di possesso, è stato l’amministratore diocesano, don Vincenzo Vigilante, il prete, eletto dai confratelli, dopo la partenza di mons. Todisco , per reggere le sorti della diocesi per tutto il periodo di sede vacante, e cioè da fine giugno ad oggi. È seguito un applauso per la verità piuttosto flebile; un po’ perché il nome non è di quelli noti , un po’ perché l’effetto-novità è stato “depotenziato” dal “miracolo della rete” . Appena, infatti, si è saputo giovedì della convocazione del clero, in contemporanea a Melfi e a Lucera per il mezzogiorno del giorno successivo, è scattata la ricerca in internet, tra gli amici e i confratelli pugliesi per scoprire il nome del neo-vescovo. E alla fine il “segreto pontificio” al quale era legato il povero don Vincenzo non ha retto all’assalto della modernità.

A Mezzogiorno comunque - qui nel rispetto di una tradizione ultracentenaria - le campane hanno suonato a stormo, sia a Melfi, sede di destinazione di don Ciro, sia a Lucera per l’elezione a vescovo di un prete della diocesi. Se per i laici infatti si può parlare di pura e semplice “promozione”, per la comunità dei credenti è molto di più: perché i vescovi sono i successori dei dodici apostoli, i soli che detengono la “pienezza del sacerdozio”; i preti sono semplici collaboratori del vescovo.

Ed infatti il messaggio di don Ciro alla “sua” nuova chiesa, letto da don Vincenzo a Melfi, è attraversato, perché ripetuto più volte, dai termini «sorpresa e stupore». Sorpresa per sé e per la scelta del Papa e stupore di fronte al compito che gli viene affidato. Nessun programma di governo nel messaggio, ma l’indicazione di un metodo che lascia intravedere il cammino; è contenuto nelle prime righe, nella preghiera che il vescovo eletto rivela ai suoi fedeli di rivolgere al suo Dio seguendo la spiritualità semplice e profonda di Charles de Foucauld, il religioso francese, beatificato da papa Benedetto, che ha consumato la sua vita (morto nel 1916) in Algeria tra i Tuareg del Sahara a difesa delle popolazioni locali.

Una seconda indicazione viene dalla coincidenza dell’annuncio con la ricorrenza liturgica , proprio ieri, della festa di San Giovanni Maria Viannay, più noto come il “curato d’Ars”, che san Pio X nel 1905 (mentre infuriava la lotta al modernismo) nominò patrono dei preti e modello di parroco nella modernità che allora era avvertita come anti-cristiana.

Un episcopato quindi che pare annunciarsi soprattutto come missionario come testimonianza evangelica nel contesto in cui verrà a muoversi. Ieri pomeriggio una delegazione di preti si è recata a Lucera per salutare il nuovo vescovo ed anche per concordare le prossime tappe: la consacrazione episcopale e l’ingresso in diocesi.

La diocesi di Melfi, quasi 85 mila abitanti, abbraccia quindici comuni dell’area nord della Basilicata, forse la più ricca della regione che comprende non solo l’area industriale che trascina l’export lucano grazie alla Sata ma anche una agricoltura di qualità. Sul piano religioso trentatre parrocchie e una quarantina di preti compresi una decina di religiosi tra padri trinitari, francescani e una comunità monastica.

Pesante l’eredità che il nuovo vescovo va ad ereditare; il suo predecessore mons. Todisco ha inferto duri colpi al tradizionalismo locale: dalle feste patronali all’abolizione die padrini alle cresime e ai battesimi, dalle denunce di corruzione per l’assunzione in sata alla rivendicazione della domenica libera nella fca globalizzata.

«Una chiesa clericale – dice don Vincenzo che precisa di parlare a titolo personale - ripiegata su un devozionismo consolatorio mentre il problema è come annunciare il vangelo della liberazione nella modernità ormai secolarizzata». In fondo è la sfida di Monsignor Ciro Fanelli nella Melfi di oggi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie