Venerdì 22 Marzo 2019 | 02:54

NEWS DALLA SEZIONE

La foto
Elezioni Basilicata, bufera su Trerotola: il candidato presidente del c.sinistra tesserato con Msi

Elezioni Basilicata, bufera su Trerotola: il candidato presidente del c.sinistra tesserato con Msi

 
Il caso
Elezioni in Basilicata, spuntano 5 impresentabili per l'Antimafia

Elezioni in Basilicata, spuntano 5 «impresentabili» per l'Antimafia

 
Fondi Europa-Regioni
Basilicata, in arrivo 5 mln per un nuovo Hospice a Potenza

Basilicata, in arrivo 5 mln per un nuovo Hospice a Potenza

 
Regionali 2019
Basilicata, mondo agricolo sul piede di guerra

Basilicata, mondo agricolo sul piede di guerra

 
Le previsioni
Economia: nel 2019-2023 Potenza crescita zero

Economia: nel 2019-2023 Potenza crescita zero

 
Verso le elezioni
Berlusconi operato d'urgenza per ernia inguinale: annullato tour in Basilicata

Berlusconi operato d'urgenza per ernia inguinale: annullato tour in Basilicata

 
I fatti tra il 2017 e il 2018
Potenza, ex dirigente sanitario molestava dipendente: rinviato a giudizio

Potenza, ex dirigente sanitario molestava dipendente: rinviato a giudizio

 
Sanità in Basilicata
Liste di attesa e mobilità, accordo tra aziende lucane: arriva task force

Liste di attesa e mobilità, accordo tra aziende lucane: arriva task force

 
Il rapporto banche.imprese
Sud arretra, l'Obi: ripresa tra 10 anni, a Potenza crescita zero

Sud arretra, l'Obi: ripresa tra 10 anni, a Potenza crescita zero

 
I controlli
Evadevano il fisco per 120mila euro: scoperti in 2 a Maratea

Evadevano il fisco per 120mila euro: scoperti in 2 a Maratea

 
Dall'ispettorato del lavoro
Furbetti dell'assegno di disoccupazione nei campi in Basilicata: denunciati

Furbetti dell'assegno di disoccupazione nei campi in Basilicata: denunciati

 

Il Biancorosso

LA NOTIZIA
Vi ricordate lo steward della Turris?Condannato a cinque anni di Daspo

Vi ricordate lo steward della Turris?
Condannato a cinque anni di Daspo

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaL'omicidio
Mattinata, ammazzata a fucilate vicino casa boss del clan Romito

Mattinata, boss clan Romito ammazzato a fucilate vicino casa

 
BariComune
Bari, battaglia in consiglio sulle tasse. «Non aumentano». «Aumento col trucco»

Bari, battaglia in consiglio sulle tasse. «Non aumentano». «Aumento col trucco»

 
TarantoIl siderurgico
Taranto, da Regione corsi di riqualificazione per i lavoratori ex Ilva

Taranto, da Regione corsi di riqualificazione per i lavoratori ex Ilva

 
LecceEmergenza batterio killer
Xylella, lunedì 25 marzo incontro a Lecce con il ministro Lezzi

Xylella, lunedì 25 marzo incontro a Lecce con il ministro Lezzi

 
PotenzaLa foto
Elezioni Basilicata, bufera su Trerotola: il candidato presidente del c.sinistra tesserato con Msi

Elezioni Basilicata, bufera su Trerotola: il candidato presidente del c.sinistra tesserato con Msi

 
Materail «diplomificio» dello jonio
Policoro, ottenere il diploma? Un sogno al costo di 2.500 euro annui

Policoro, ottenere il diploma? Un sogno al costo di 2.500 euro annui

 
BrindisiNel Brindisino
Trovati 2 escavatori nelle campagne: erano stati rubati a Lecce

Trovati 2 escavatori nelle campagne: erano stati rubati a Lecce

 
BatAnalisi e scenari
Commercio agroalimentare nella Bat: «l’export cresce poco»

Commercio agroalimentare nella Bat: «l’export cresce poco»

 

Pittella contro l'ipotesi riapertura del Cova

Agri e Pertusillo: un piano
acque ad hoc per tutelarli

Agri e Pertusillo: un piano  acque ad hoc per tutelarli

di Antonella Inciso

«L’Eni vuole riaprire il Cova a giugno? Di certo tutti e tre i serbatoi dovranno avere il doppiofondo. Ma non intendo dare date. Riaprirà quando il presidente sarà tranquillo»: Marcello Pittella gela così l’ipotesi lanciata dall’Eni di riaprire a giugno il Centro oli di Viggiano, dopo che sarà ultimato il doppiofondo di uno dei tre serbatoi che non lo hanno. Con quello in via di ultimazione (prevista per il 25 maggio) e con il quarto serbatoio già provvisto di doppiofondo la compagnia petrolifera potrebbe ripartire con l’attività minima, ma è la Regione a frenare. Prima di tutto c’è la sicurezza, la massima sicurezza poi del resto si vedrà.

A quasi una settimana dal tavolo romano con il Ministero dell’Ambiente, in cui è stato stabilito che l’impianto della Val d’Agri è un sito di rilevanza nazionale, la Regione sceglie di fare il punto in un incontro e di continuare l’operazione trasparenza evidenziando il lavoro fatto fino ad oggi. Una conferenza stampa a margine della quale ad emergere è un’altra volontà del governo regionale: quella di ampliare il monitoraggio alle acque, stralciando l’area della Val d’Agri dal Piano di tutela delle acque che è in fase di elaborazione.

In particolare, secondo indiscrezioni l’idea, sarebbe quella di definire entro la fine dell’anno, la parte del Piano di tutela delle acque che riguarda la Val d’Agri, nel dettaglio il Pertusillo e l’Agri dove al momento assicura la Regione «non c’è inquinamento», e di affidare il monitoraggio ed i controlli all’Osservatorio ambientale della Val d’Agri. Questa l’idea allo studio. Un tassello di un programma di tutela ambientale, sul fronte petrolifero, molto più articolato, che dalla Val d’Agri arriva sino alla Valle del Sauro, dove a gennaio 2018 entrerà in produzione l’impianto di Tempa Rossa. Programma in tutte le sue articolazioni (compresa quella del trasporto del greggio) che il governatore vuole portare all’attenzione del Governo nazionale chiedendo un tavolo anche con la Regione Puglia.

Ma per questo c’è ancora tempo. Oggi al centro dell’attenzione c’è il Cova: tema su cui la Regione non ha intenzione di cambiare atteggiamento. «C’è estrema attenzione e verifica di ogni aspetto del funzionamento della struttura» e del «monitoraggio ambientale» in uno «stretto rapporto con il Ministero, l’Ispra, il Dipartimento ambiente e l'Arpab», e attraverso «un colloquio costante con l’Eni» spiega in vari passaggi il governatore, confermando nello stesso tempo «un avanzamento significativo e positivo delle azioni richieste all’Eni», tra cui il doppio fondo ai serbatoi e le barriere idrauliche, e il «ruolo cruciale dell’Ispra nei controlli, che diventa una spalla forte e concreta per l’azione di controllo della Regione e dell’Arpab».

Un’intesa nazionale che in questo mese porterà all’ispezione nella struttura ed ad un monitoraggio in tutte le aree adiacenti il Centro, anche «ad est, verso Grumento Nova» e «non solo a monte e a valle dell’impianto». D’altra parte, come ha sottolineato l’assessore regionale all’ambiente, Francesco Pietrantuono aver ottenuto dal Governo che l’ impianto della Val d’Agri sia sito di interesse nazionale «anche per le interlocuzioni con le compagnie» e per «la messa in campo di azioni congiunte e condivise», «non sarà solo una mera dicitura, ma un elemento operativo e di sicurezza», per «ottenere un aggiornamento complessivo dell’intero processo estrattivo». Insomma, per capire dalla Val d’Agri a Taranto cosa succede.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400