Giovedì 06 Agosto 2020 | 02:43

NEWS DALLA SEZIONE

L'ufficialità
Nasce la prima facoltà di Medicina in Basilicata: firmato l'accordo. Bardi: «Traguardo storico»

Nasce la prima facoltà di Medicina in Basilicata: firmato l'accordo. Bardi: «Traguardo storico»

 
SANITÀ
La testa degli ospedali a Potenza, ma l'Asl l'unica farà capo a Matera

La testa degli ospedali a Potenza, ma l'Asl l'unica farà capo a Matera

 
In Basilicata
Tempa Rossa, domani test sulle valvole di sicurezza

Tempa Rossa, domani test sulle valvole di sicurezza

 
INFRASTRUTTURE
Genzano di Lucania, distretto G: al via lavori da 50 milioni

Genzano di Lucania, distretto G: al via lavori da 50 milioni

 
maltempo
Potenza, bomba d'acqua sulla città: si allaga un supermercato

Potenza, bomba d'acqua sulla città: si allaga un supermercato

 
UNIVERSITÀ

Unibas, facoltà di Medicina: ora studiano gli aspiranti rettori

 
IL CASO

I familiari del centauro morto a Melfi: il manager Kawasaki va processato

 
Automobilismo
Melfi, va al campano Salvatore Venanzio il primo slalom nazionale del Vulture

Melfi, va al campano Salvatore Venanzio il primo slalom nazionale del Vulture

 
la scoperta
Potenza, un bazar della droga nel centro d'accoglienza: arrestato 38enne nigeriano

Potenza, un bazar della droga nel centro d'accoglienza: arrestato 38enne nigeriano

 
Tragedia
Vinovo, guardia giurata di Vietri di Potenza uccide la compagna e si toglie la vita

Guardia giurata di Vietri di Potenza uccide la compagna in Piemonte e si toglie la vita

 
L'INVENZIONE
Potenza, mascherina e disinfettante tutto a portata di borsetta

Potenza, mascherina e disinfettante tutto a portata di borsetta

 

Il Biancorosso

serie c
Bari, quanta folla agli arrivi: centrocampo da ridisegnare

Bari, quanta folla agli arrivi: centrocampo da ridisegnare

 

NEWS DALLE PROVINCE

MateraAllarme covid 19
Ferrandina, altri 10 migranti in fuga dal centro di accoglienza: hanno violato la quarantena

Ferrandina, altri 10 migranti in fuga dal centro di accoglienza: hanno violato la quarantena

 
BariIl caso
In due sul monopattino a Bari: filmati e multati dalla Polizia 

In due sul monopattino a Bari: filmati e multati dalla Polizia

 
PotenzaL'ufficialità
Nasce la prima facoltà di Medicina in Basilicata: firmato l'accordo. Bardi: «Traguardo storico»

Nasce la prima facoltà di Medicina in Basilicata: firmato l'accordo. Bardi: «Traguardo storico»

 
LecceIl caso
È ufficiale: l'animale che si aggirava sulle spiagge del Salento è un lupo

È ufficiale: l'animale che si aggirava sulle spiagge del Salento è un lupo

 
FoggiaL'iniziativa
Braccianti morti a Foggia: un'opera per ricordare le vittime del caporalato

Braccianti morti a Foggia: un'opera per ricordare le vittime del caporalato

 
BatIl caso
Covid 19, anziana torna positiva in Rsa di Andria: tutti negativi i dipendenti

Covid 19, anziana torna positiva in Rsa di Andria: tutti negativi i dipendenti

 
HomeEroe per un giorno
Taranto, militare fuori servizio si tuffa e salva 7 persone dalla furia del mare

Taranto, militare fuori servizio si tuffa e salva 7 persone dalla furia del mare

 
BrindisiAMBIENTE
Brindisi, in un solo mese i Cc scoprono 18 discariche abusive

Brindisi, in un solo mese i Cc scoprono 18 discariche abusive

 

i più letti

pale della discordia

La Regione tira il freno
all'eolico «selvaggio»

Linee guida per le autorizzazioni. Si eviterà l'effetto cumulo

La Regione tira il freno  all'eolico «selvaggio»

di PIERO MIOLLA

RPOTENZA - Razionalizzare il procedimento autorizzativo, anche in riferimento alle tematiche relative alla tutela dei valori ambientali, paesaggistici e culturali che ogni territorio esprime in modo distintivo ed identitario. Il tutto, nelle more dell’approvazione del cosiddetto «Piano Paesaggistico Regionale». Con questo obiettivo la Giunta regionale guidata dal governatore Marcello Pittella ha approvato le «Linee guida per il corretto inserimento nel paesaggio degli impianti alimentati da fonti rinnovabili», pubblicate nel Bur (Bollettino Ufficiale della Regione Basilicata) del 24 marzo scorso.

In pratica l’esecutivo, chiudendo un percorso iniziato con la legge regionale 54-2015, con cui vengono recepiti i criteri per il corretto inserimento nel paesaggio e sul territorio degli impianti da fonti di energia rinnovabili ai sensi del decreto ministeriale del 10 settembre 2010, ha inteso fornire precise indicazioni ai comuni, titolari del rilascio delle autorizzazioni, fornendo appunto le linee guida cui attenersi nel valutare se concedere o meno le relative autorizzazioni.

Si tratta, hanno precisato fonti vicine a via Anzio, di disposizioni di mera natura organizzativa e non già di una vera e propria normativa. Con il provvedimento, infatti, la Giunta non assume affatto il potere di negare le autorizzazioni agli impianti, ma solo di regolamentarle, soprattutto per evitare il cosiddetto «effetto cumulo», che spesso ha fatto parlare di sé negli ultimi tempi, stante la proliferazione incontrollata di impianti di mini eolico anche in aree molto vicine ai centri abitati.

Insomma, un intervento regolamentare e nulla più. Questo l’intento della Giunta regionale che, nel caso di mancato rispetto delle linee guida, su segnalazione del singolo municipio, ha previsto che sarà proprio la Regione Basilicata a vagliare l’istanza. Attraverso i suoi uffici e dipartimenti competenti, infatti, via Anzio potrà valutare se i presupposti delle linee guida siano effettivamente rispettati nella singola istanza, o meno. Qualora lo fossero, l’autorizzazione sarà concessa. In caso contrario, invece, verrebbe richiesto all’istante di modificare la domanda autorizzativa eliminando le discrasie con le suddette linee guida. Il nuovo «pacchetto» approvato dalla Regione si propone, più in generale, di centrare alcuni macro obiettivi.

Quali? Sostenere la riduzione dei consumi di energia, promuovere lo sviluppo delle energie rinnovabili sul territorio e definire standard di qualità ambientale e paesaggistica nello sviluppo delle energie rinnovabili. Inoltre, a giudizio di via Anzio, le linee guida possono facilitare un contemperamento tra le esigenze di sviluppo economico e sociale con quelle di tutela dell’ambiente e delle risorse naturali e culturali nelle attività regionali di programmazione ed amministrative.

Il dato certo è che adesso i comuni hanno centoottanta giorni di tempo per il recepimento delle linee guida nei propri piani urbanistici, con l’eventuale possibilità di integrarle oppure di specificarle con ulteriori misure più restrittive. Sul punto, però, già ci sono state obiezioni e richiesta di moratoria da parte di vari esponenti politici, sia in riferimento alle linee guida, che ai piani dei singoli comuni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie