Domenica 17 Febbraio 2019 | 16:58

NEWS DALLA SEZIONE

Dal gip di Potenza
Lavello, donna di mezza età in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

Lavello, donna 40enne in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

 
Nel potentino
Francavilla in Sinni, crolla tetto di casa, madre e figlio in ospedale, uomo ancora sotto le macerie

Francavilla in Sinni: crolla tetto di casa, 3 persone estratte vive, grave un uomo

 
Fotoreporter ferito
Il San Carlo si offre di curare l'occhio di Micalizzi

Il San Carlo si offre di curare l'occhio di Micalizzi

 
L'invito
Potenza, l'ospedale San Carlo si offre di curare il reporter ferito in Siria

Potenza, l'ospedale San Carlo si offre di curare il reporter ferito in Siria

 
«È un piano senza effetti»
Basilicata, stop inceneritori nel 2020: Tar boccia ricorso ex Fenice

Basilicata, stop inceneritori nel 2020: Tar boccia ricorso ex Fenice

 
criminalità
Mafia lucana fa flop, per l'operazione «Iena» solo due condanne

Mafia lucana, flop per operazione «Iena»: solo 2 condanne

 
Sollevamento pesi
A Dubai un lucano sul tetto del mondo: vince la coppa paralimpica

A Dubai un lucano sul tetto del mondo: vince la coppa paralimpica

 
Verso le regionali
Basilicata, Arbia (Sms) annuncia: «Mi candido a Presidenza Regione»

Basilicata, Arbia (Sms) annuncia: «Mi candido a Governatore»

 
La visita
Premier Conte l'11 a Potenza per il Piano di sviluppo

Premier Conte l'11 a Potenza per il Piano di sviluppo

 
I 25 anni di Dookie
Green Day: Billie Joe vuole festeggiare a Viggiano?

Green Day: Billie Joe vuole festeggiare a Viggiano?

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaLite sulle elezioni
San Severo, scazzottata nella sede della Lega per il candidato sindaco. Due espulsi, arriva il commissario

San Severo, rissa nella sede della Lega per il candidato sindaco. Il partito li caccia: non sono graditi

 
LecceNel Leccese
Ruba 200 libri antichi da casa di un anziano: denunciato a Taviano

Ruba 200 libri antichi da casa di un anziano: denunciato a Taviano

 
TarantoLe dichiarazioni
Emiliano a Taranto: «Il governo non può abbandonare ex Ilva»

Emiliano a Taranto: «Il governo non può abbandonare ex Ilva»

 
BatLa protesta
Trani senza pronto soccorso, i cittadini scendono in piazza

Trani senza pronto soccorso, i cittadini scendono in piazza

 
BariDa piazza del ferrarese
Bari corre per il cuore, la partenza della Running Heart

Bari corre per il cuore, la partenza della Running Heart

 
BrindisiNel Brindisino
Cisternino: era ricercato da 7 anni per droga, arrestato nella notte 39enne

Cisternino: era ricercato da 7 anni per droga, arrestato nella notte 39enne

 
MateraIl caso
matera bari

Matera, svaligiavano appartamenti: in manette 3 ladri baresi

 
PotenzaDal gip di Potenza
Lavello, donna di mezza età in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

Lavello, donna 40enne in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

 

il bilancio da gennaio 2016 a oggi

La Corte Costituzionale
boccia sette leggi
della Regione Basilicata

La Corte Costituzionale boccia sette leggi della Regione Basilicata

POTENZA - Dall’inizio del 2016 la Regione Basilicata ha approvato 38 leggi. Per una buona metà si tratta di atti «routinari», vale a dire bilanci propri e di enti controllati, variazioni, assestamenti e autorizzazioni all’esercizio provvisorio.

Nello stesso periodo ben sette norme sono state «bocciate» dalla Corte Costituzionale perché ritenute, in alcuni passaggi, non in linea con le previsioni della carta fondamentale. Il tutto, ovviamente, dopo che le stesse leggi sono state impugnate dal Consiglio dei Ministri, la regione ha avuto modo di leggere i rilevi dello Stato ed eventualmente correggersi e non lo ha fatto.

Pur senza impugnare la calcolatrice, appare chiaro che l’indice di bocciatura non è marginale. Ma c’è di più: che ci si trova a dover decidere se dalle parti di via Verrastro qualcuno «ci è», nel senso che proprio non riesce a fare norme che non violino disposizioni costituzionali, o «ci fa» vale a dire adotta norme che già sa saranno messe fuori gioco dalla Consulta semplicemente contando sul fatto che il giudizio arriverà quando la norma stessa avrà esaurito i suoi effetti.

Un modo per «prender tempo», insomma non molto diverso da quello attuato da qualche scaltro inquilino che, pur se non paga la pigione, quando si vede recapitare l’atto di sfratto lo impugna per guadagnare mesi o anni di permanenza in casa.

Sulle sette leggi «bocciate» sono in due, in particolare, ad alimentare questi sospetti. Una è quella delle disposizioni in materia di turni di lavoro in Sanità.

I Turni in sanità L’Italia, in ritardo e rischiando la procedura di infrazione, aveva adottato una norma che recepiva le indicazioni comunitari in merito all’osservanza di riposi tra un turno e l’altro degli operatori sanitari. Ma all’atto dell’entrata in vigore la regione Basilicata si è fatta una legge per prorogare il precedente regime. E ai giudici costituzionale è stato facile affermare che «contrariamente a quanto affermato nell’art. 1 della legge, secondo cui l’intervento sarebbe adottato “al fine di garantire la piena attuazione di quanto disposto dall’art. 14 della legge statale”, le disposizioni introducono, in realtà, discipline difformi rispetto a quanto disposto dalla normativa nazionale». E lo stesso è avvenuto con una parziale «apertura» sulle assunzioni di personale a tempo determinato che «non adeguandosi alle disposizioni adottate dal legislatore nazionale in tema di contenimento delle spese per l’acquisizione di personale a tempo determinato da parte delle pubbliche amministrazioni, ivi comprese le regioni e gli enti del Servizio sanitario nazionale, viola l’art. 117, terzo comma, della Costituzione». Un risultato largamente atteso già al momento dell’adozione della norma. Ma che, essendo intervenuta la sentenza lo scorso 12 aprile, ha consentito di prender tempo, anche se a fronte del rischio di far ripartire la procedura di infrazione europea.

Bacchettate sulle discariche Ma è un’altra la sentenza che ancor più alimenta i dubbi. Si tratta della sentenza 5/2017 con cui è stata bocciata la norma che disciplina il conferimento in discarica dei rifiuti, allargando le «maglie», rispetto alle strette previsioni nazionali. Una norma «transitoria» fino a giugno 2016 con la sentenza di bocciatura giunta a gennaio 2017. Analogamente a quanto avvenuto per una legge regionale del 2014 che «allargava le maglie», transitoriamente fino a giugno 2015 ed è stata bocciata dalla Corte Costituzionale nel successivo luglio.

Ma la sentenza, questa volta, «boccia» la Regione per due tipi di violazione: una è quella di aver invaso le competenze statali, l’altra è proprio di essersi sottratta alla precedente sentenza violando l’art.136 della Costituzione. I giudici hanno osservato che le disposizione censurate a gennaio miravano «a perseguire e raggiungere un risultato corrispondente a quello già ritenuto lesivo della Costituzione» per la norma già bocciata e «il giudicato costituzionale è violato non solo quando il legislatore emana una norma che costituisce una “mera riproduzione” di quella già ritenuta lesiva della Costituzione, ma anche se la nuova disciplina mira a “perseguire e raggiungere, ‘anche se indirettamente’, esiti corrispondenti”». Una «furbata», insomma se non un errore macroscopico.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400