Venerdì 07 Agosto 2020 | 14:54

NEWS DALLA SEZIONE

SANITÀ
Addio al nuovo ospedale di Lagonegro: 176 milioni vanno all'ammodernamento

Lagonegro, addio al nuovo ospedale: 176 milioni vanno all'ammodernamento

 
LA SVOLTA
Barresi «sfrattato» dai giudici: nomina, al S. Carlo di Potenza, illegittima

Barresi «sfrattato» dai giudici: nomina, al S. Carlo di Potenza, illegittima

 
LA CONDANNA
Rapolla, fucilata nella lite per il posto auto

Rapolla, fucilata nella lite per il posto auto

 
dati regionali
Coronavirus Basilicata, la regione torna «covid free»: 367 tamponi tutti negativi

Coronavirus Basilicata, la regione torna «covid free»: 367 tamponi tutti negativi

 
L'ufficialità
Nasce la prima facoltà di Medicina in Basilicata: firmato l'accordo. Bardi: «Traguardo storico»

Nasce la prima facoltà di Medicina in Basilicata: firmato l'accordo. Bardi: «Traguardo storico»

 
SANITÀ
La testa degli ospedali a Potenza, ma l'Asl l'unica farà capo a Matera

La testa degli ospedali a Potenza, ma l'Asl l'unica farà capo a Matera

 
In Basilicata
Tempa Rossa, domani test sulle valvole di sicurezza

Tempa Rossa, domani test sulle valvole di sicurezza

 
INFRASTRUTTURE
Genzano di Lucania, distretto G: al via lavori da 50 milioni

Genzano di Lucania, distretto G: al via lavori da 50 milioni

 
maltempo
Potenza, bomba d'acqua sulla città: si allaga un supermercato

Potenza, bomba d'acqua sulla città: si allaga un supermercato

 
UNIVERSITÀ

Unibas, facoltà di Medicina: ora studiano gli aspiranti rettori

 
IL CASO

I familiari del centauro morto a Melfi: il manager Kawasaki va processato

 

Il Biancorosso

serie c
La C del Bari sarà da brividi grandi firme nel girone Sud

La C del Bari sarà da brividi: grandi firme nel girone Sud

 

NEWS DALLE PROVINCE

Leccecontrolli anti-Covid
Marina di Nardò, zero distanziamento, dipendenti senza mascherine: un locale chiuso e uno multato

Nardò, zero distanziamento, dipendenti senza mascherine: un locale chiuso e uno multato

 
Brindisinel Brindisino
Ceglie Messapica: banditi rapinano banca in pieno giorno, via con il bottino

Ceglie Messapica: banditi rapinano banca in pieno giorno, via con il bottino

 
PotenzaSANITÀ
Addio al nuovo ospedale di Lagonegro: 176 milioni vanno all'ammodernamento

Lagonegro, addio al nuovo ospedale: 176 milioni vanno all'ammodernamento

 
Tarantoi contagi
Positivo a Taranto dopo tre mesi

Coronavirus, un positivo a Taranto dopo tre mesi

 
FoggiaOCCUPAZIONE
Centri impiego «barricati, colpa del Covid: non si entra

Foggia, centri impiego «barricati», colpa del Covid: non si entra

 
BatEMERGENZA ABITATIVA
Trani, casa occupata assegnata dal Comune

Trani, casa occupata di via Olanda assegnata dal Comune

 
MateraA Ferrandina
Coronavirus, positivi 20 migranti arrivati dalla Sicilia e ospiti in struttura del Materano

Coronavirus, positivi 20 migranti arrivati dalla Sicilia e ospiti in struttura del Materano

 

i più letti

settimana santa

Il giovedì santo
arriva di mercoledì

In 4 diocesi lucane la messa crismale anticipata di 24 ore per ragioni «logistiche»

Il giovedì santo arriva di mercoledì

EDMONDO SOAVE

In piena settimana santa il calendario liturgico in Basilicata, in ben 4 diocesi su sei, sposta le lancette in avanti di una buona mezza giornata: a Matera, Melfi, Tursi e Tricarico, infatti, la solenne concelebrazione della messa crismale del giovedì santo, che raccoglie intorno all’altare della cattedrale tutti i preti insieme al proprio vescovo, si celebra il mercoledì, cioè stasera, dopo le 17.30: Una consuetudine nata per una esigenza «logistica»: risparmiare ai preti la corsa tra centro diocesi (in mattinata) e parrocchia (nel pomeriggio) dove i fedeli affollano le chiese per il rito ben più «popolare» della lavanda dei piedi. Potenza ed Acerenza invece restano ferme nella tradizione (e nel calendario): in un caso e nell’altro però il triduo pasquale, comincia comunque con una festa, forse perfino troppo solenne perché la pietà popolare intrisa di «dolorismo» riesca a «sentirla» e a farla sua. Le folle accorrono alle drammatizzazioni, vie crucis , processi a Gesù pratiche pie nate nel medioevo per «tradurre» la passione di Cristo in termini comprensibili a masse analfabete che per la vita di ogni giorno si rispecchiavano e riconoscevano di gran lunga di più nella passione piuttosto che nella resurrezione che faticavano ad intravedere. Ed invece il giovedì santo è festa solenne che impone perfino la sospensione del digiuno quaresimale, (il vescovo di Tursi ha invitato per stasera a cena a ristorante tutti i suoi 75 preti) perché è la festa della istituzione del sacerdozio e della chiesa stessa, che assicura la prosecuzione nella storia del messaggio e del paradosso cristiano.

In qualche modo quindi è la festa dei preti che anche fisicamente per la messa crismale si radunano tutti intorno al proprio vescovo per riscoprire (e magari rispolverare, se necessario) le ragioni di una scelta sempre più ardua se non incomprensibile «extra moenia», nella città secolare abituata ormai a restringere il proprio sguardo all’orizzonte che fisicamente si vede. Suggestivo il rito della benedizione degli oli santi (per questo si chiama crismale) che ogni prete poi provvede a portarsi nella sua chiesa per i battesimi ,le cresime e le ordinazioni sacerdotali che ci saranno fino alla pasqua dell’anno prossimo. Ma di forte impatto sono anche gli altri simboli, soprattutto il rinnovo delle promesse (non voti!) sacerdotali : celibato e obbedienza al proprio vescovo e soprattutto la comunione ecclesiale che vuol dire farsi costruttori di comunità nel contesto in cui viene mandato.

Che da noi in Basilicata è piuttosto difficile. Oggi sono complessivamente poco più di 400 i preti in tutta le regione, diffusi anche loro, secondo uno schema forse troppo statico e tradizionale, in paesini e frazioni dove diventano punti di riferimento – malgrado a volte la giovanissima età - per tutte le necessità soprattutto delle piccole comunità. Sono invece forse piuttosto lontani dagli ambienti di vita e di lavoro che assorbono gran parte della modernità. Ma la secolarizzazione avanza a grandi passi anche nel Mezzogiorno: su 420 sacerdoti in Basilicata, 23 provengono dalle terre di missione , Africa ed India; nella diocesi di Tricarico, la più piccola con soli 21 paesini, sono sei preti «stranieri» su 40. E non c’è da aspettarsi molto per l’immediato futuro: nel seminario regionale minore (da dove nel secondo dopo-guerra sono passati gran parte di ragazzi divenuti poi professionisti) oggi ci sono solo 5 liceali.

Quello maggiore si è dovuto spostare qualche anno fa dalla sede inaugurata da Papa Wojtyla nel 91 a Macchia Giocoli allo stabile di viale Marconi. Trenta gli studenti di teologia, e quest’anno saranno ordinati in tutta la regione solo due nuovi sacerdoti, troppo pochi per sostituire i preti anziani che non riescono ad andare in pensione . Ma c’è anche una sensibilità nuova che avanza: le comunità sacerdotali che stanno nascendo un po’ ovunque. E non per questione di opportunità o di risparmio sui servizi , ma per scelta evangelica : fuori dalla famiglia di origine dove si «anestetizza» una vocazione radicale per definizione per raggiungere le periferie di Papa Francesco, ma insieme, come chiesa anche magari se piuttosto «incidentata».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie