Sabato 23 Febbraio 2019 | 01:27

NEWS DALLA SEZIONE

Verso le regionali
Elezioni, a Potenza e Matera le prime liste: sono di centrodestra e M5S

Elezioni, a Potenza e Matera le prime liste: sono di centrodestra e M5S

 
In vista del 24 marzo
Regionali in Basilicata, a Potenza e Matera la presentazione delle liste

Regionali in Basilicata, a Potenza e Matera la presentazione delle liste

 
Economia
Lo Svimez alla Basilicata: «Trattenete più royalties»

Lo Svimez alla Basilicata: «Trattenete più royalties»

 
L'iniziativa
A Vietri di Potenza se adotti un cane non paghi la Tari

A Vietri di Potenza se adotti un cucciolo dal canile non paghi la Tari

 
L'intervista
Lezioni di esorcismo a scuola, sacerdote: «Sarebbe servito»

Lezioni di esorcismo a scuola, sacerdote: «Sarebbe servito»

 
La decisione
Basilicata, Pittella fa marcia indietro: Trerotola è nuovo candidato centro sinistra

Elezioni in Basilicata, Pittella fa marcia indietro: al suo posto un farmacista

 
L'analisi
Badante di condominio: la creatività dei lucani

Badante di condominio: la creatività dei lucani

 
In Basilicata
Elezioni, Carmen Lasorella rinuncia alla candidatura

Elezioni, Carmen Lasorella rinuncia alla candidatura

 
La nomina
Basilicata, Berlusconi presenta il candidato unico del centro destra: è Bardi

Basilicata, Bardi candidato unico del centrodestra

 
Mobilità
Trasporti pubblici lucani, fondi ordinari ma pochi bus: mancano 200 mezzi

Trasporti pubblici lucani, fondi ordinari ma pochi bus: mancano 200 mezzi

 
Dal gip di Potenza
Lavello, donna di mezza età in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

Lavello, donna 40enne in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaVerso le regionali
Elezioni, a Potenza e Matera le prime liste: sono di centrodestra e M5S

Elezioni, a Potenza e Matera le prime liste: sono di centrodestra e M5S

 
LecceSalento
Villa al mare del pm a Porto Cesareo, M5S fa un passo indietro e ritira l'interrogazione

Villa al mare del pm a Porto Cesareo, M5S fa retromarcia e ritira interrogazione

 
BariLa sentenza
Bari, offese tra ragazzi via whatsapp: per la Cassazione è diffamazione

Bari, offese tra ragazzini via whatsapp: per la Cassazione è diffamazione

 
HomeIl siderurgico
Ex Ilva a Taranto, ripartono gli impianti: soddisfazione della Fim

Ex Ilva a Taranto, ripartono gli impianti: soddisfazione della Fim

 
BrindisiFurto in casa
San Vito dei Normanni, ristrutturano abitazione e rubano 2.500 euro: denunciati n 2

San Vito dei Normanni, ristrutturano abitazione e rubano 2.500 euro: 2 denunciati 

 
GdM.TVGli arresti della Polizia
Andria, assaltavano tir con esplosivo e armi: decimato clan Griner, 11 in carcere

Andria, assaltavano tir con esplosivo e armi: decimato clan Griner, 11 in carcere

 
MateraSfruttamento
Metaponto, ecco la Felandina: il «ghetto» dove vivono 400 disperati

Metaponto, ecco la Felandina: il «ghetto» dove vivono 400 disperati

 
FoggiaAtti vandalici
Foggia, bus Ataf presi a sassate da baby gang

Foggia, bus Ataf presi a sassate da baby gang

 

ambiente

Siti inquinati lucani
spettro commissariamento

siti lucani

di PIERO MIOLLA

Per la Regione Basilicata, dopo il commissariamento nel settore della depurazione, è in arrivo anche quello relativo alla bonifica dei Sin di Tito e Valbasento? L’allarme è stato lanciato da «Ambiente e Legalità», ma al momento non ci sono conferme ufficiali. Solo indiscrezioni che, però, avallerebbero come fondata l’ipotesi. Come è noto, le ex aree industriali di Tito, in provincia di Potenza, e quella tra Pisticci, Ferrandina e Salandra, nel materano, sono state riconosciute come pesantemente inquinate, sia nel sottosuolo che nelle falde acquifere, dallo Stato, che ha istituito nei primi anni 2000 i Siti d’interesse nazionale. Ben 48 le aree compromesse, e tra queste, come detto, anche le due lucane. Pronti anche tanti soldi (per la Basilicata circa 46 milioni di euro, dei quali 17 già impegnati in contratti sottoscritti), ma, fino ad ora, neanche una zolla di terra è stata ripulita, pur in presenza di una fitta attività burocratica, come confermano le 41 conferenze di servizio celebrate.

Di recente, poi, anche il sottosegretario Silvia Velo, rispondendo ad un’interrogazione del deputato di «Destinazione Italia», Cosimo Latronico, ha confermato che in Basilicata su questo fronte tutto tace, almeno in merito alla fase operativa. Che è, però, senza ombra di dubbio la più importante, tanto che, si vocifera, anche il ministero dell’Ambiente sembrerebbe intenzionato a commissariare la Regione per avocare a sé, per il tramite di un commissario, la gestione della bonifica. Il che, in primo luogo rappresenterebbe senza alcun dubbio uno sbeffeggiamento per via Anzio, che correrebbe il rischio anche di perdere la gestione diretta dei fondi: se il presunto, futuro commissario dovesse essere di provenienza ministeriale, infatti, la Regione perderebbe la diretta gestione di quei fondi. 

Da via Anzio cosa rispondono? Che «nessuna revoca dei fondi è stata notificata alla Regione Basilicata» e che gli «uffici competenti sono assolutamente tranquilli». Inoltre, sottolineano che «per la bonifica ci sono 10 progetti piuttosto complessi che, ovviamente, possono presentare inconvenienti in corso d’opera, come accaduto a Tito, dove sono state riscontrare rilevanze radiologiche che hanno messo in moto un’altra procedura, di competenza di altre istituzioni». Se nel 2017, a quasi 15 anni dall’istituzione dei Sin, poco o niente è stato fatto, dunque, ciò andrebbe addebitato alla complessità degli interventi. Almeno secondo la Regione. Che, però, lascia trasparire che l’ipotesi commissariamento non è poi così infondata. Ma precisa che si starebbe pensando, a livello ministeriale, ad un «fondo unico nazionale di un miliardo e 600 milioni, all’interno del quale ci sarebbero anche i fondi già assegnati alla Basilicata che poi verrebbero riassegnati». Come dire che a Roma si starebbe lavorando proprio nella direzione segnalata da Ambiente e Legalità. Ma, precisano da via Anzio, «si tratterebbe di un commissariamento nazionale» e non limitato alla Basilicata, tanto che «ci si starebbe interrogando se nominare un commissario unico per tutta Italia, o, come per la depurazione, uno per regione». Morale della favola? Da via Verrastro concludono che l’eventuale commissariamento sarebbe semplicemente l’effetto di «processi tecnici e burocratici» ordinari.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400