Martedì 19 Marzo 2019 | 17:40

NEWS DALLA SEZIONE

Sanità in Basilicata
Liste di attesa e mobilità, accordo tra aziende lucane: arriva task force

Liste di attesa e mobilità, accordo tra aziende lucane: arriva task force

 
Il rapporto banche.imprese
Sud arretra, l'Obi: ripresa tra 10 anni, a Potenza crescita zero

Sud arretra, l'Obi: ripresa tra 10 anni, a Potenza crescita zero

 
I controlli
Evadevano il fisco per 120mila euro: scoperti in 2 a Maratea

Evadevano il fisco per 120mila euro: scoperti in 2 a Maratea

 
Dall'ispettorato del lavoro
Furbetti dell'assegno di disoccupazione nei campi in Basilicata: denunciati

Furbetti dell'assegno di disoccupazione nei campi in Basilicata: denunciati

 
Il comizio
Melfi, Salvini a contestatori: «Siete 10 sfigati, partigiani si rivolterebbero nella tomba»

Melfi, Salvini a contestatori: «Siete 10 sfigati, partigiani si rivolterebbero nella tomba»

 
Le parole
Salvini: «Nel Potentino le vittime hanno ancora paura dell'usura»

Salvini: «Nel Potentino le vittime hanno ancora paura dell'usura»

 
A Melfi
Melfi, Berlusconi su morte giovane testimone processo Ruby: mi spiace

Berlusconi su morte teste processo Ruby: mi spiace
E sui cogl...: ho esagerato Vd

 
Il fenomeno
Le case dei lucani all’asta un altro segno della crisi

Le case dei lucani all’asta un altro segno della crisi

 
La rapina
Potenza, sfondano una gioielleria a colpi di martello: ladri in fuga

Potenza, sfondano una gioielleria a colpi di martello: ladri in fuga

 
La decisione
Papa: Monsignor Augusto Bertazzoni sarà venerabile

Papa: Monsignor Augusto Bertazzoni sarà venerabile

 

Il Biancorosso

Al San Nicola
Brienza, festa a sorpresa dei tifosi per i suoi 40 anni

Brienza, festa a sorpresa dei tifosi per i suoi 40 anni: il video

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoL'operazione
Taranto, la Guardia Costiera sequestra una tonnellata di ricci e "bianchetto"

Taranto, la Guardia Costiera sequestra una tonnellata di ricci e "bianchetto"

 
PotenzaSanità in Basilicata
Liste di attesa e mobilità, accordo tra aziende lucane: arriva task force

Liste di attesa e mobilità, accordo tra aziende lucane: arriva task force

 
BariL'iniziativa
Rifiuti, sindaco Modugno acquista app: mapperà la puzza

Rifiuti, sindaco Modugno acquista app: mapperà la puzza

 
FoggiaDalla Toscana alla Puglia
Frode olio, inchiesta di Grosseto tocca anche Foggia

Frode olio, inchiesta di Grosseto tocca anche Foggia

 
BatIl Puttilli
Barletta, si allontana la riapertura parziale dello Stadio

Barletta, si allontana la riapertura parziale dello Stadio

 
BrindisiL'iniziativa
Torchiarolo, tavolata di 60 metri per San Giuseppe: sarà plastic free

Torchiarolo, tavolata di 60 metri per San Giuseppe: è plastic free

 
MateraDalla Finanza
Matera, sequestrati oltre 120mila prodotti non sicurti in un negozio

Matera, sequestrati oltre 120mila prodotti non sicurti in un negozio

 
LecceBattuto Messuti
Primarie Centrodestra a Lecce, vince Saverio Congedo, coordinatore pugliese FdI

Primarie Centrodestra a Lecce, vince Saverio Congedo, di Fratelli d'Italia

 

In Basilicata

Reddito minimo, ci siamo
«Si parte il 1° maggio»

Summit in Regione. "Tirocini formativi" prorogati di altri due mesi

Reddito minimo, ci siamo  «Si parte il 1° maggio»

di PIERO MIOLLA

POTENZA - In settimana la Regione Basilicata approverà le graduatorie definitive dei soggetti aventi diritto al reddito minimo d’inserimento e istituirà la struttura di missione ad hoc che dovrebbe gestire la misura di contrasto alla povertà. Sono questi, infatti, gli impegni che via Anzio avrebbe assunto ieri mattina, nel corso di un summit sul tema svoltosi a Potenza, al quale hanno partecipato il direttore generale della Regione Basilicata, Vito Marsico, il capogruppo del Pd in Consiglio regionale, Roberto Cifarelli, i rappresentanti di Cgil, Cisl e Uil e delle due agenzie provinciali di formazione, l’Apofil (per Potenza) e l’Ageforma per Matera.

Nel corso dell’incontro, a tratti anche molto duro e spigoloso per le rimostranze della “triplice” nei confronti della Regione a motivo del ritardo nella partenza del reddito minimo, ma soprattutto per come, a giudizio dei sindacati, via Anzio starebbe gestendo la modalità dei tirocini formativi, Marsico avrebbe confermato che la misura del reddito minimo di inserimento partirà ufficialmente il prossimo 1° maggio. Evidentemente non una data qualunque, tenuto conto che quel giorno si celebra la festa dei lavoratori.

Il direttore generale di via Anzio, inoltre, avrebbe confermato la proroga di due mesi tanto dei Tec (Tirocini extracurriculari) quanto dei Tis (Tirocini d’inserimento sociale), che interessano attualmente 1.525 persone, 825 delle quali appartenenti ai beneficiari del programma Copes (la cosiddetta platea o categoria B), e i restanti 700 relativi, invece, alla platea della mobilità in deroga (la categoria A).

Dal summit, però, sarebbero emerse anche altre novità, come ha confermato il segretario generale della Cgil di Basilicata, Angelo Summa. «Abbiamo criticato i ritardi della Regione Basilicata – ha spiegato Summa – ma soprattutto le modalità di gestione di questa partita del reddito minimo d’inserimento e dei relativi tirocini formativi. Abbiamo, altresì, segnalato che gli stessi tirocini formativi nei Comuni non stanno funzionando. A nostro avviso ciò accade perché servirebbe un maggiore raccordo tra i municipi e la Regione, per far sì che essi vengano resi dei veri e propri progetti di pubblica utilità: non possiamo assistere al fatto che non vengano messe a valore pure queste esperienze. Ci è stata, inoltre, assicurata la proroga dei tirocini formativi per due mesi e, comunque, fino all’avvio del reddito minimo, che resta confermato per il 1° maggio. In settimana, poi, saranno adottate dalla Giunta regionale due delibere: la prima per l’approvazione delle due graduatorie degli aventi diritto, un’approvazione che si attendeva ormai da tempo. La seconda, invece, per l’istituzione della struttura di missione ad hoc che dovrà gestire il reddito minimo, così come da noi chiesto nel corso dell’incontro precedente avuto nella sede della Regione». Qualcosa, dunque, sembrerebbe finalmente muoversi. Dopo mesi di ritardi e rinvii, in parte dovuti anche ai problemi del ministero dello Sviluppo Economico, che ha visto avvicendarsi i ministri ma anche alcuni funzionari, forse per queste ampie platee di soggetti svantaggiati sta per iniziare un percorso di vita meno duro di quello attuale.

Dopo l’incontro di ieri, il presidio dei lavoratori, in atto da tempo, alcuni ex Copes hanno deciso comunque di proseguire il presidio davanti alla Regione anche oggi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400