Lunedì 24 Settembre 2018 | 02:16

Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

sosta a potenza

Parcheggi in centro
«Serve equilibrio»

Valluzzi: «Non si penalizzi chi lavora e offre servizi»

Parcheggi in centro  «Serve equilibrio»

di Mimmo Sammartino

POTENZA - Il centro storico, che negli ultimi giorni si è andato sempre più svuotando, lancia un grido disperato per non perdere la sua ultima possibilità di sopravvivere. O di evitare di soccombere, che è quasi la stessa cosa. D’altronde, l’ultima campagna elettorale per l’amministrazione della città ha fatto registrare un coro - al di là delle differenze di partiti e fazioni - tutto proteso a ideare iniziative per farlo risorgere. Per riscattare la stagione in cui i negozi chiudevano e la comunità potentina disertava sempre più via Pretoria e i suoi vicoli. La questione del parcheggio delle auto - piano necessario, peraltro - se gestita con approssimazione, rischia di dare l’ultimo e definitivo colpo al centro cittadino. Un fendente che completa l’agonia causata dalla delocalizzazione nelle periferie e del commercio a Gallitello.

Nicola Valluzzi, presidente della Provincia, ricorda come ci si era proposti - anche da parte dell’attuale amministrazione municipale - di riportare in centro uffici, enti, istituzioni, servizi, esercizi commerciali. Si parlò addirittura di sollecitare sezioni dell’università, in modo da indurre i giovani a frequentare il cuore della città. Per la verità, in questa direzione, non molto è accaduto. Con qualche eccezione. Una di queste è stata proprio quella della Provincia. «Abbiamo compiuto scelte che vanno nella direzione di rivitalizzare e ripopolare il centro urbano - ricorda Valluzzi. - A cominciare dalla riapertura della villa del Prefetto e di torre Guevara. E poi col completamento della ristrutturazione del vecchio tribunale. D’altronde la Provincia ha già riportato in centro molti suoi uffici: personale, emigrazione, appalti, contenzioso, assicurazioni, protocollo. Circa 65 addetti. Ora toccherà all’ufficio ambiente e a quello patrimonio ed edilizia scolastica. Infine arriveranno anche l’ufficio viabilità e il Corpo della polizia provinciale. Un altro centinaio di persone, per un totale di circa 160 dipendenti».

E come si concilia tutto questo? Come si sposa l’agibilità a lavorare nel cuore della città - ma anche la necessità dei cittadini utenti di interloquire con gli uffici preposti - con l’introduzione dei parcheggi a pagamento? Un problema che coinvolge tutti gli operatori economici. I resistenti che, sino a oggi, hanno provato a non abbandonare il centro potentino: albergatori, ristoratori, commercianti d’ogni genere. Difficile pretendere da un lavoratore che possa lasciare ogni giorno, per otto-dieci ore di impegno, qualcosa come 12-15 euro per la sola sosta dell’auto. Stesso problema si pone per l’ospite in albergo o in un bed&breackfast. Un tempo alle auto dei clienti bastava esporre un permesso vidimato dall’albergatore. Ora, a quanto pare, non basta più.

Il grande rischio è l’effetto-rigetto. E l’ulteriore abbandono del centro cittadino appare ancora più grave in vista del Natale e del grande circo mediatico predisposto in piazza per la notte di Capodanno, con la diretta della Rai.

Ma il tema è: cosa dovrebbe fare il Comune? Rinunciare al pagamento dei ticket della sosta (cosa che avviene normalmente in tutte le città)? «Certo che no - osserva il presidente della provincia Valluzzi. - Ma lo snodo sta nella capacità di trovare una soluzione di equilibrio che non può non tener conto delle differenti esigenze esistenti. Che non colpisca l’economia, le realtà produttive e le condizioni di agibilità per chi lavora. Che distingua fra il parcheggiatore occasionale e chi, nel centro cittadino, opera e fornisce servizi alla collettività. Certo, è più complicato affrontare la complessità. Ma le semplificazioni non risolvono i problemi e rischiano di provocare ulteriori danni al centro storico».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Potenza, una sedia speciale per Mario: così la scuola diventa «inclusiva»

Potenza, una sedia speciale per Mario: così la scuola diventa «inclusiva»

 
Mannaia sul personale alla Regione Basilicata: tagli per salvare il bilancio

Mannaia sul personale alla Regione Basilicata: tagli per salvare il bilancio

 
Picerno, torna in chiesa San Roccodipinto rubato e trovato ad Amalfi

Picerno, torna in chiesa San Rocco dipinto rubato e trovato ad Amalfi

 
Vietri, nasconde droga in autoscoperto dai Cc: arrestato

Vietri, nasconde droga in auto
scoperto dai Cc: arrestato

 
Vaccinazioni in Basilicata, 12 genitori denunciati: fioccano le irregolarità

Vaccinazioni in Basilicata, 12 genitori denunciati: fioccano le irregolarità

 
Potenza, proroga trasporti: il caso finisce alla Corte Conti

Potenza, proroga trasporti: il caso finisce alla Corte Conti

 
Terremoti, gli esperti di tutto il mondo si incontrano a Potenza

Terremoti, gli esperti di tutto il mondo si incontrano a Potenza

 
Agricoltura, pomodori danneggiati: chiesto stato di calamità

Agricoltura, pomodori danneggiati: chiesto stato di calamità

 

GDM.TV

Bari, il coro dei 10mila che cantano: «Bari grande amore»

Stadio San Nicola, il coro dei 10mila canta: «Bari grande amore»

 
Bari, viale Traiano: è cominciata la demolizione del ponte

Viale Traiano a Bari: al via la demolizione del ponte

 
La Sancataldese in hotel: «Oggi col Bari vittoria secca»

La Sancataldese (illusa) in hotel: «Oggi col Bari vittoria secca»

 
Corteo anrtisalvini a Bari, i momenti di tensione con la Polizia

Corteo antisalvini a Bari, i momenti di tensione con la Polizia

 
Acquaviva, rapinatore di marketincastrato dalla ruggine dell'auto

Acquaviva, rapinatore di market incastrato dalla ruggine dell'auto

 
Razzismo, mazze e cinghie in scontri corteo: ferita eurodeputata

Razzismo, mazze e cinghie in scontri a corteo: ferita eurodeputata

 
Tuffi dalla scogliera, la finale a Polignano: lo spot è virale

Tuffi dalla scogliera, la finale a Polignano: lo spot è virale VD

 
Bari, arsenale d'armi sepolto nel terreno :sequestrate 6 pistole e 100 munizioni

Bari, scoperto arsenale sepolto in un terreno sulla statale 100 VIDEO

 

PHOTONEWS