Mercoledì 05 Agosto 2020 | 18:52

NEWS DALLA SEZIONE

SANITÀ
La testa degli ospedali a Potenza, ma l'Asl l'unica farà capo a Matera

La testa degli ospedali a Potenza, ma l'Asl l'unica farà capo a Matera

 
In Basilicata
Tempa Rossa, domani test sulle valvole di sicurezza

Tempa Rossa, domani test sulle valvole di sicurezza

 
INFRASTRUTTURE
Genzano di Lucania, distretto G: al via lavori da 50 milioni

Genzano di Lucania, distretto G: al via lavori da 50 milioni

 
maltempo
Potenza, bomba d'acqua sulla città: si allaga un supermercato

Potenza, bomba d'acqua sulla città: si allaga un supermercato

 
UNIVERSITÀ

Unibas, facoltà di Medicina: ora studiano gli aspiranti rettori

 
IL CASO

I familiari del centauro morto a Melfi: il manager Kawasaki va processato

 
Automobilismo
Melfi, va al campano Salvatore Venanzio il primo slalom nazionale del Vulture

Melfi, va al campano Salvatore Venanzio il primo slalom nazionale del Vulture

 
la scoperta
Potenza, un bazar della droga nel centro d'accoglienza: arrestato 38enne nigeriano

Potenza, un bazar della droga nel centro d'accoglienza: arrestato 38enne nigeriano

 
Tragedia
Vinovo, guardia giurata di Vietri di Potenza uccide la compagna e si toglie la vita

Guardia giurata di Vietri di Potenza uccide la compagna in Piemonte e si toglie la vita

 
L'INVENZIONE
Potenza, mascherina e disinfettante tutto a portata di borsetta

Potenza, mascherina e disinfettante tutto a portata di borsetta

 
TURISMO
Basilicata, il bonus vacanze si rivela un mezzo flop

Basilicata, il bonus vacanze si rivela un mezzo flop

 

Il Biancorosso

serie c
Bari, quanta folla agli arrivi: centrocampo da ridisegnare

Bari, quanta folla agli arrivi: centrocampo da ridisegnare

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaL'iniziativa
Braccianti morti a Foggia: un'opera per ricordare le vittime del caporalato

Braccianti morti a Foggia: un'opera per ricordare le vittime del caporalato

 
BatIl caso
Covid 19, anziana torna positiva in Rsa di Andria: tutti negativi i dipendenti

Covid 19, anziana torna positiva in Rsa di Andria: tutti negativi i dipendenti

 
HomeEroe per un giorno
Taranto, militare fuori servizio si tuffa e salva 7 persone dalla furia del mare

Taranto, militare fuori servizio si tuffa e salva 7 persone dalla furia del mare

 
BariL'evento
Bari, Ordine Avvocati e Fratres per un pomeriggio di donazione straordinaria di sangue

Bari, Ordine Avvocati e Fratres per un pomeriggio di donazione straordinaria di sangue

 
Leccearte
Trepuzzi, le arti visive contemporanee dialogano in «Giardino Project»

Trepuzzi, le arti visive contemporanee dialogano in «Giardino Project»

 
PotenzaSANITÀ
La testa degli ospedali a Potenza, ma l'Asl l'unica farà capo a Matera

La testa degli ospedali a Potenza, ma l'Asl l'unica farà capo a Matera

 
MateraL'EROSIONE
Metaponto, il maltempo taglia la spiaggia

Metaponto, il maltempo taglia la spiaggia: lidi in ginocchio

 
BrindisiAMBIENTE
Brindisi, in un solo mese i Cc scoprono 18 discariche abusive

Brindisi, in un solo mese i Cc scoprono 18 discariche abusive

 

i più letti

sosta a potenza

Parcheggi in centro
«Serve equilibrio»

Valluzzi: «Non si penalizzi chi lavora e offre servizi»

Parcheggi in centro  «Serve equilibrio»

di Mimmo Sammartino

POTENZA - Il centro storico, che negli ultimi giorni si è andato sempre più svuotando, lancia un grido disperato per non perdere la sua ultima possibilità di sopravvivere. O di evitare di soccombere, che è quasi la stessa cosa. D’altronde, l’ultima campagna elettorale per l’amministrazione della città ha fatto registrare un coro - al di là delle differenze di partiti e fazioni - tutto proteso a ideare iniziative per farlo risorgere. Per riscattare la stagione in cui i negozi chiudevano e la comunità potentina disertava sempre più via Pretoria e i suoi vicoli. La questione del parcheggio delle auto - piano necessario, peraltro - se gestita con approssimazione, rischia di dare l’ultimo e definitivo colpo al centro cittadino. Un fendente che completa l’agonia causata dalla delocalizzazione nelle periferie e del commercio a Gallitello.

Nicola Valluzzi, presidente della Provincia, ricorda come ci si era proposti - anche da parte dell’attuale amministrazione municipale - di riportare in centro uffici, enti, istituzioni, servizi, esercizi commerciali. Si parlò addirittura di sollecitare sezioni dell’università, in modo da indurre i giovani a frequentare il cuore della città. Per la verità, in questa direzione, non molto è accaduto. Con qualche eccezione. Una di queste è stata proprio quella della Provincia. «Abbiamo compiuto scelte che vanno nella direzione di rivitalizzare e ripopolare il centro urbano - ricorda Valluzzi. - A cominciare dalla riapertura della villa del Prefetto e di torre Guevara. E poi col completamento della ristrutturazione del vecchio tribunale. D’altronde la Provincia ha già riportato in centro molti suoi uffici: personale, emigrazione, appalti, contenzioso, assicurazioni, protocollo. Circa 65 addetti. Ora toccherà all’ufficio ambiente e a quello patrimonio ed edilizia scolastica. Infine arriveranno anche l’ufficio viabilità e il Corpo della polizia provinciale. Un altro centinaio di persone, per un totale di circa 160 dipendenti».

E come si concilia tutto questo? Come si sposa l’agibilità a lavorare nel cuore della città - ma anche la necessità dei cittadini utenti di interloquire con gli uffici preposti - con l’introduzione dei parcheggi a pagamento? Un problema che coinvolge tutti gli operatori economici. I resistenti che, sino a oggi, hanno provato a non abbandonare il centro potentino: albergatori, ristoratori, commercianti d’ogni genere. Difficile pretendere da un lavoratore che possa lasciare ogni giorno, per otto-dieci ore di impegno, qualcosa come 12-15 euro per la sola sosta dell’auto. Stesso problema si pone per l’ospite in albergo o in un bed&breackfast. Un tempo alle auto dei clienti bastava esporre un permesso vidimato dall’albergatore. Ora, a quanto pare, non basta più.

Il grande rischio è l’effetto-rigetto. E l’ulteriore abbandono del centro cittadino appare ancora più grave in vista del Natale e del grande circo mediatico predisposto in piazza per la notte di Capodanno, con la diretta della Rai.

Ma il tema è: cosa dovrebbe fare il Comune? Rinunciare al pagamento dei ticket della sosta (cosa che avviene normalmente in tutte le città)? «Certo che no - osserva il presidente della provincia Valluzzi. - Ma lo snodo sta nella capacità di trovare una soluzione di equilibrio che non può non tener conto delle differenti esigenze esistenti. Che non colpisca l’economia, le realtà produttive e le condizioni di agibilità per chi lavora. Che distingua fra il parcheggiatore occasionale e chi, nel centro cittadino, opera e fornisce servizi alla collettività. Certo, è più complicato affrontare la complessità. Ma le semplificazioni non risolvono i problemi e rischiano di provocare ulteriori danni al centro storico».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie