Sabato 23 Marzo 2019 | 22:13

NEWS DALLA SEZIONE

Verso il voto
Basilicata, in allestimento i seggi elettorali per 573mila elettori

Basilicata, in allestimento i seggi elettorali per 573mila elettori

 
Energia e polemiche
Basilicata, un colpo di coda sull’eolico raddoppiata la potenza

Basilicata, un colpo di coda sull’eolico raddoppiata la potenza

 
La foto
Elezioni Basilicata, bufera su Trerotola: il candidato presidente del c.sinistra tesserato con Msi

Elezioni Basilicata, bufera su Trerotola: il candidato presidente del c.sinistra tesserato con Msi

 
Il caso
Elezioni in Basilicata, spuntano 5 impresentabili per l'Antimafia

Elezioni in Basilicata, spuntano 5 «impresentabili» per l'Antimafia

 
Fondi Europa-Regioni
Basilicata, in arrivo 5 mln per un nuovo Hospice a Potenza

Basilicata, in arrivo 5 mln per un nuovo Hospice a Potenza

 
Regionali 2019
Basilicata, mondo agricolo sul piede di guerra

Basilicata, mondo agricolo sul piede di guerra

 
Le previsioni
Economia: nel 2019-2023 Potenza crescita zero

Economia: nel 2019-2023 Potenza crescita zero

 
Verso le elezioni
Berlusconi operato d'urgenza per ernia inguinale: annullato tour in Basilicata

Berlusconi operato d'urgenza per ernia inguinale: annullato tour in Basilicata

 
I fatti tra il 2017 e il 2018
Potenza, ex dirigente sanitario molestava dipendente: rinviato a giudizio

Potenza, ex dirigente sanitario molestava dipendente: rinviato a giudizio

 
Sanità in Basilicata
Liste di attesa e mobilità, accordo tra aziende lucane: arriva task force

Liste di attesa e mobilità, accordo tra aziende lucane: arriva task force

 
Il rapporto banche.imprese
Sud arretra, l'Obi: ripresa tra 10 anni, a Potenza crescita zero

Sud arretra, l'Obi: ripresa tra 10 anni, a Potenza crescita zero

 

Il Biancorosso

L'ALLENATORE
Bari, le scelte di mister Cornacchini"Palmese difesa forte e ben organizzata"

Bari, le scelte di mister Cornacchini
"Palmese difesa forte e ben organizzata"

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIl caso
Taranto, il Comune avvia la bonifica dell'area attorno al fiume Galeso

Taranto, il Comune avvia la bonifica dell'area attorno al fiume Galeso

 
PotenzaVerso il voto
Basilicata, in allestimento i seggi elettorali per 573mila elettori

Basilicata, in allestimento i seggi elettorali per 573mila elettori

 
BariPer i 4mila aventi diritto
Bari, il Comune aiuta le famiglie in difficoltà con il «bonus bollette»

Bari, il Comune aiuta le famiglie in difficoltà con il «bonus bollette»

 
FoggiaMaltrattamenti in famiglia
Foggia, picchiava la moglie e le chiedeva soldi per divertirsi al bar: arrestato 34enne

Foggia, picchiava la moglie e le chiedeva soldi per divertirsi al bar: arrestato 34enne

 
LecceNel Basso salento
Incidente tra Casarano e Ugento: giovane motociclista perde la vita

Incidente tra Casarano e Ugento:
giovane motociclista perde la vita

 
GdM.TVTraffico in tilt
Paura a Matera per una valigia abbandonata per strada: intervenuti artificieri

Paura a Matera per una valigia abbandonata per strada: intervenuti artificieri

 
BrindisiGuidava l'auto del padre
I cc lo fermano, rifiuta test antidroga: trovato con hashish

I cc lo fermano, rifiuta test antidroga: trovato con hashish

 
BatParla un imprenditore
Andria, cartelloni pubblicitari non a norma: la denuncia

Andria, cartelloni pubblicitari non a norma: la denuncia

 

sosta a potenza

Parcheggi in centro
«Serve equilibrio»

Valluzzi: «Non si penalizzi chi lavora e offre servizi»

Parcheggi in centro  «Serve equilibrio»

di Mimmo Sammartino

POTENZA - Il centro storico, che negli ultimi giorni si è andato sempre più svuotando, lancia un grido disperato per non perdere la sua ultima possibilità di sopravvivere. O di evitare di soccombere, che è quasi la stessa cosa. D’altronde, l’ultima campagna elettorale per l’amministrazione della città ha fatto registrare un coro - al di là delle differenze di partiti e fazioni - tutto proteso a ideare iniziative per farlo risorgere. Per riscattare la stagione in cui i negozi chiudevano e la comunità potentina disertava sempre più via Pretoria e i suoi vicoli. La questione del parcheggio delle auto - piano necessario, peraltro - se gestita con approssimazione, rischia di dare l’ultimo e definitivo colpo al centro cittadino. Un fendente che completa l’agonia causata dalla delocalizzazione nelle periferie e del commercio a Gallitello.

Nicola Valluzzi, presidente della Provincia, ricorda come ci si era proposti - anche da parte dell’attuale amministrazione municipale - di riportare in centro uffici, enti, istituzioni, servizi, esercizi commerciali. Si parlò addirittura di sollecitare sezioni dell’università, in modo da indurre i giovani a frequentare il cuore della città. Per la verità, in questa direzione, non molto è accaduto. Con qualche eccezione. Una di queste è stata proprio quella della Provincia. «Abbiamo compiuto scelte che vanno nella direzione di rivitalizzare e ripopolare il centro urbano - ricorda Valluzzi. - A cominciare dalla riapertura della villa del Prefetto e di torre Guevara. E poi col completamento della ristrutturazione del vecchio tribunale. D’altronde la Provincia ha già riportato in centro molti suoi uffici: personale, emigrazione, appalti, contenzioso, assicurazioni, protocollo. Circa 65 addetti. Ora toccherà all’ufficio ambiente e a quello patrimonio ed edilizia scolastica. Infine arriveranno anche l’ufficio viabilità e il Corpo della polizia provinciale. Un altro centinaio di persone, per un totale di circa 160 dipendenti».

E come si concilia tutto questo? Come si sposa l’agibilità a lavorare nel cuore della città - ma anche la necessità dei cittadini utenti di interloquire con gli uffici preposti - con l’introduzione dei parcheggi a pagamento? Un problema che coinvolge tutti gli operatori economici. I resistenti che, sino a oggi, hanno provato a non abbandonare il centro potentino: albergatori, ristoratori, commercianti d’ogni genere. Difficile pretendere da un lavoratore che possa lasciare ogni giorno, per otto-dieci ore di impegno, qualcosa come 12-15 euro per la sola sosta dell’auto. Stesso problema si pone per l’ospite in albergo o in un bed&breackfast. Un tempo alle auto dei clienti bastava esporre un permesso vidimato dall’albergatore. Ora, a quanto pare, non basta più.

Il grande rischio è l’effetto-rigetto. E l’ulteriore abbandono del centro cittadino appare ancora più grave in vista del Natale e del grande circo mediatico predisposto in piazza per la notte di Capodanno, con la diretta della Rai.

Ma il tema è: cosa dovrebbe fare il Comune? Rinunciare al pagamento dei ticket della sosta (cosa che avviene normalmente in tutte le città)? «Certo che no - osserva il presidente della provincia Valluzzi. - Ma lo snodo sta nella capacità di trovare una soluzione di equilibrio che non può non tener conto delle differenti esigenze esistenti. Che non colpisca l’economia, le realtà produttive e le condizioni di agibilità per chi lavora. Che distingua fra il parcheggiatore occasionale e chi, nel centro cittadino, opera e fornisce servizi alla collettività. Certo, è più complicato affrontare la complessità. Ma le semplificazioni non risolvono i problemi e rischiano di provocare ulteriori danni al centro storico».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400