Domenica 24 Gennaio 2021 | 01:41

NEWS DALLA SEZIONE

Il bollettino regionale
Coronavirus in Basilicata, 62 positivi e 2 decessi. Regione resta in zona gialla

Coronavirus in Basilicata, 62 positivi e 2 decessi. Regione resta in zona gialla

 
Il caso
Basilicata, assessore di Forza Italia attacca FdI e si dimette

Basilicata, assessore di Forza Italia attacca FdI e si dimette

 
Il caso
Sacerdote lucano «spretato» da Papa Francesco: molestie sessuali ai militari

Sacerdote lucano «spretato» da Papa Francesco: molestie sessuali ai militari

 
Il caso
Blitz dei Nas in due case di riposo a Brindisi e Potenza: chiuse per carenze igieniche

Blitz dei Nas in due case di riposo a Brindisi e Potenza: chiuse per carenze igieniche

 
Il caso
Melfi, in auto con 4 quintali di cavi di rame: denunciato

Melfi, in auto con 4 quintali di cavi di rame: denunciato

 
Il caso
Potenza, crolla pezzo di solaio di un appartamento: 60enne ferita

Potenza, crolla pezzo di solaio di un appartamento: 60enne ferita VD

 
Nel Potentino
Usb fa analizzare le mascherine di Fca, «Non sono idonee»: scatta la denuncia

Usb fa analizzare le mascherine di Fca, «Non sono idonee»: scatta la denuncia

 
Nel Potentino
Oppido Lucano, dipendente banca sottrae 2 milioni a 4 comuni: 4 arresti

Oppido Lucano, dipendente banca sottrae 2 milioni a 4 comuni: 4 arresti

 
Guardia di Finanza
Gioco d'azzardo illecito: sequestrati beni per mezzo milione di euro a 54enne potentino

Gioco d'azzardo illecito: sequestrati beni per mezzo milione di euro a 54enne potentino

 
Per almeno 15 giorni
Potenza, responsabile piscina Montereale positivo al Covid: chiude struttura

Potenza, responsabile piscina Montereale positivo al Covid: chiude struttura

 
economia
Tavares in Basilicata, riconosciuta centralità dello stabilimenti di Melfi nel nuovo gruppo Stellantis

Tavares (Stellantis) in Basilicata: confermati investimenti e posti di lavoro. Riconosciuta centralità stabilimento Melfi

 

Il Biancorosso

Serie C
Calcio Bari, Maita: «Ho passato brutte giornate con il Covid 19»

Calcio Bari, Maita: «Ho passato brutte giornate con il Covid 19»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariBurrasca in arrivo
Maltempo nel Barese, scatta da domani allerta arancione per forte vento

Maltempo nel Barese, scatta da domani allerta arancione per forte vento

 
BrindisiIl caso
Presunti abusi al porto di Brindisi: 12 richieste a processo

Presunti abusi edilizi nel porto di Brindisi: chiesto il processo per 12 persone

 
LeccePuglia, cinema e tv
Un ciak a Lecce per Ornella Muti, Raoul Bova e Serena Autieri. A Taranto girata fiction Rai

Un ciak a Lecce per Ornella Muti, Raoul Bova e Serena Autieri. A Taranto girata fiction Rai

 
TarantoIl caso
Taranto, poliziotta barese morta dopo 3 interventi, condannati medici

Poliziotta barese morta dopo 3 interventi, condannati i medici

 
FoggiaIl virus
Covid, 26 positivi all'ospedale Lastaria di Lucera: anche 15 pazienti

Covid, 26 positivi all'ospedale Lastaria di Lucera: anche 15 pazienti

 
PotenzaIl bollettino regionale
Coronavirus in Basilicata, 62 positivi e 2 decessi. Regione resta in zona gialla

Coronavirus in Basilicata, 62 positivi e 2 decessi. Regione resta in zona gialla

 
MateraOmicidio
Agguato a Rotondella, uomo ucciso a coltellate: gravemente ferito un altro

Rotondella, uomo ucciso a coltellate: è un ingegnere di 46 anni. Gravemente ferito netturbino 45enne

 
BatL'inchiesta
«Chiavi della città», il 12 febbraio la decisione del gup di Trani

«Chiavi della città», il 12 febbraio la decisione del gup di Trani

 

terza e quarta età

Oltre 25mila badanti
quasi tutte «irregolari»

Liste assistenti domiciliari: il piano della Regione ancora non incide

Oltre 25mila badanti  quasi tutte «irregolari»

di PIERO MIOLLA

Sono oltre 25mila le badanti che operano in Basilicata, la maggior parte delle quali provenienti dall’Est Europa. In base però a semplici stime, inoltre, solo il 20% sarebbe di nazionalità italiana.

Numeri che dimostrano, ove ce ne fosse bisogno, come nella nostra regione l’età media continui a crescere e che, parallelamente, aumenta il fabbisogno dell’assistenza domiciliare. Fabbisogno che, in parte per tradizione e consuetudine, in parte per un rigetto da parte degli italiani, è quasi sempre appannaggio di persone provenienti da quella zona del «Vecchio continente». Per regimentare il settore e consentire alle famiglie che necessitano di tale servizio un più agevole approccio, all’inizio del 2016 la Regione Basilicata ha lanciato l’iscrizione in liste di prenotazione per gli assistenti domiciliari: un servizio tutt’ora operativo. L’iscrizione è riservata ai migranti residenti in Basilicata e nei Paesi dell’Ue, così come ai lavoratori in possesso di permesso soggiorno provenienti da paesi extra Ue: può essere effettuata anche on line dai Paesi di residenza, utilizzando la modulistica in italiano e in inglese scaricabile dal sito della Regione. La comunicazione di iscrizione va indirizzata ai Centri per l’Impiego competenti (Potenza, Melfi, Villa d’Agri, Lauria, Senise, Matera, Pisticci e Policoro). Il servizio, istituito con delibera di giunta regionale su proposta del Coordinamento per le politiche a favore dei migranti, anche a seguito degli accordi sottoscritti con le Prefetture di Potenza e Matera e i ministeri dell’Interno e del Lavoro, ha voluto sperimentare per la prima volta in Italia, un sistema che favorisse l’incontro tra domanda e offerta in un comparto decisivo dell’assistenza come quello rivolto soprattutto agli anziani.

A conti fatti, l’idea della Giunta sembrerebbe non aver funzionato appieno: le iscrizioni, infatti, ci sono state ma gran parte del fenomeno dell’assistenza domiciliare continua a rimanere sommerso e, dunque, in nero. La misura, invece, tendeva proprio ad assicurare la fuoriuscita dal lavoro nero per garantire un giusto salario e l’assicurazione previdenziale, magari supportata da misura di incentivazione alle famiglie a basso reddito, per integrare la retribuzione dell’assistenza domiciliare. L’innovazione rappresentata dal servizio, dunque, doveva consistere nel superamento dell’intermediazione illegale o della remunerazione di strutture intermediare. Uno degli obiettivi della misura, poi, era quella di favorire l’organizzazione di corsi di formazione per sostenere il livello professionale e aumentare le capacità assistenziali e socio-sanitarie della lavoratrice. Proprio tale obiettivo dovrebbe essere centrato attraverso una rivisitazione del settore, da porre in essere per il tramite dell’Agenzia Regionale per il Lavoro (Lab, Lavoro e apprendimento Basilicata), il cui direttore generale, Antonio Fiore, è stato nominato dal presidente Marcello Pittella qualche giorno fa. Il nuovo organismo, di concerto con i livelli nazionali e periferici, dovrà favorire l’istituzione di una piattaforma online con la quale le persone interessate potranno iscriversi anche continuando ad essere residenti nei Paesi d’origine.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie