Giovedì 21 Febbraio 2019 | 13:24

NEWS DALLA SEZIONE

L'intervista
Lezioni di esorcismo a scuola, sacerdote: «Sarebbe servito»

Lezioni di esorcismo a scuola, sacerdote: «Sarebbe servito»

 
La decisione
Basilicata, Pittella fa marcia indietro: Trerotola è nuovo candidato centro sinistra

Elezioni in Basilicata, Pittella fa marcia indietro: al suo posto un farmacista

 
L'analisi
Badante di condominio: la creatività dei lucani

Badante di condominio: la creatività dei lucani

 
In Basilicata
Elezioni, Carmen Lasorella rinuncia alla candidatura

Elezioni, Carmen Lasorella rinuncia alla candidatura

 
La nomina
Basilicata, Berlusconi presenta il candidato unico del centro destra: è Bardi

Basilicata, Bardi candidato unico del centrodestra

 
Mobilità
Trasporti pubblici lucani, fondi ordinari ma pochi bus: mancano 200 mezzi

Trasporti pubblici lucani, fondi ordinari ma pochi bus: mancano 200 mezzi

 
Dal gip di Potenza
Lavello, donna di mezza età in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

Lavello, donna 40enne in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

 
Nel potentino
Francavilla in Sinni, crolla tetto di casa, madre e figlio in ospedale, uomo ancora sotto le macerie

Francavilla in Sinni: crolla tetto di casa, 3 persone estratte vive, grave un uomo

 
Fotoreporter ferito
Il San Carlo si offre di curare l'occhio di Micalizzi

Il San Carlo si offre di curare l'occhio di Micalizzi

 
L'invito
Potenza, l'ospedale San Carlo si offre di curare il reporter ferito in Siria

Potenza, l'ospedale San Carlo si offre di curare il reporter ferito in Siria

 
«È un piano senza effetti»
Basilicata, stop inceneritori nel 2020: Tar boccia ricorso ex Fenice

Basilicata, stop inceneritori nel 2020: Tar boccia ricorso ex Fenice

 

NEWS DALLE PROVINCE

BrindisiA ceglie messapica
Incendiarono 5 auto e il prospetto di un palazzo nel Brindisino: catturato uno dei responsabili

Incendiarono 5 auto e il prospetto di un palazzo nel Brindisino: catturato uno dei responsabili

 
TarantoArrestato pregiudicato
Litiga con i genitori, polizia trova in camera una pistola

Litiga con i genitori, polizia trova in camera una pistola

 
FoggiaHanno agito in quattro
Tir carico di sigarette assaltato nel Foggiano, nessun ferito

Tir carico di sigarette assaltato nel Foggiano, nessun ferito

 
LecceNel Salento
Catamarano in difficoltà, soccorso da Guardia Costiera al largo di Leuca

Catamarano in difficoltà, soccorso da Guardia Costiera al largo di Leuca

 
PotenzaL'intervista
Lezioni di esorcismo a scuola, sacerdote: «Sarebbe servito»

Lezioni di esorcismo a scuola, sacerdote: «Sarebbe servito»

 
BariPremiato a Rimini
Viene da Monopoli il miglior burger gourmet italiano

Viene da Monopoli il miglior burger gourmet italiano

 
BatLa denuncia
Barletta, stazione senza ascensore: non ha mai funzionato

Barletta, stazione senza ascensore: non ha mai funzionato

 
Materail Truffatore è barese
Si fa dare 3 Rolex da negoziante fingendo di essere figlio di un amico: arrestato a Matera

«Mio padre è tuo amico», si fa dare 3 Rolex da rivenditore: arrestato a Matera

 

L'incidente

Latronico, 55enne ucciso
durante battuta di caccia

Cacciatori

PINO PERCIANTE
LATRONICO (Potenza) - Battuta di caccia finisce in tragedia. Muore Francesco Santoianni, 53 anni, residente a Latronico, colpito al volto e alla testa da un colpo partito dal fucile di un suo compagno. Santoianni, assieme a cinque amici, si era dato appuntamento ieri mattina nei boschi di Agromonte Mileo, frazione di Latronico, al confine con Castelluccio Superiore. È un bosco famoso nella zona, dove ci sono molti animali. Avevano deciso di cacciare cinghiali ed erano armati con fucili calibro 12 e cartucce. Hanno raggiunto le loro postazioni di battuta e sono rimasti in attesa. Quando hanno avvistato un cinghiale hanno fatto fuoco ma sulla traiettoria c’era Santoianni.

L’uomo aveva lasciato la sua postazione, non è chiaro perché. È stato soccorso dai sanitari del 118 ma per lui non c'è stato nulla da fare. È morto praticamente all’istante. La dinamica esatta dell'accaduto è ancora al vaglio dei carabinieri della Compagnia di Lagonegro che non hanno dubbi sul fatto che si sia trattato di un incidente. Chi ha sparato voleva uccidere il cinghiale. I fucili sono stati sequestrati e saranno sottoposti ad accertamenti per appurare quello da cui è partito il colpo letale per il cacciatore. Il bosco in cui è avvenuto l'incidente è molto frequentato dagli appassionati della zona, ma vengono anche da fuori. Dopo i rilievi di rito, il corpo di Santoianni è stato trasportato nell'obitorio dell'ospedale di Lagonegro, dove già oggi dovrebbe essere eseguita l'autopsia disposta dal capo della Procura, Vittorio Russo.

L'incidente è avvenuto poco prima delle 11. Sono stati gli stessi compagni di caccia a lanciare l’allarme; poco dopo sono arrivati anche alcuni conoscenti e i parenti dell’uomo. La magistratura ha aperto un fascicolo, per chiarire che cosa sia accaduto esattamente, anche se tutto lascia pensare ad una tragica fatalità. Altre indicazioni potrebbero arrivare oggi dall’autopsia. I compagni di caccia della vittima, ieri, sono stati accompagnati in caserma per essere interrogati dai carabinieri. Francesco Santoianni era originario di Viggianello, ma da tempo ormai viveva a Latronico dove faceva il carrozziere. L’uomo, che lascia la moglie e tre figli, aveva un’officina ad Agromonte Mileo. La comunità latronichese si è stretta attorno al dolore della famiglia. Ieri sera ad Agromonte Mileo era in programma la realizzazione di un presepe vivente che è stata rinviata.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400