Giovedì 21 Febbraio 2019 | 13:45

NEWS DALLA SEZIONE

L'intervista
Lezioni di esorcismo a scuola, sacerdote: «Sarebbe servito»

Lezioni di esorcismo a scuola, sacerdote: «Sarebbe servito»

 
La decisione
Basilicata, Pittella fa marcia indietro: Trerotola è nuovo candidato centro sinistra

Elezioni in Basilicata, Pittella fa marcia indietro: al suo posto un farmacista

 
L'analisi
Badante di condominio: la creatività dei lucani

Badante di condominio: la creatività dei lucani

 
In Basilicata
Elezioni, Carmen Lasorella rinuncia alla candidatura

Elezioni, Carmen Lasorella rinuncia alla candidatura

 
La nomina
Basilicata, Berlusconi presenta il candidato unico del centro destra: è Bardi

Basilicata, Bardi candidato unico del centrodestra

 
Mobilità
Trasporti pubblici lucani, fondi ordinari ma pochi bus: mancano 200 mezzi

Trasporti pubblici lucani, fondi ordinari ma pochi bus: mancano 200 mezzi

 
Dal gip di Potenza
Lavello, donna di mezza età in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

Lavello, donna 40enne in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

 
Nel potentino
Francavilla in Sinni, crolla tetto di casa, madre e figlio in ospedale, uomo ancora sotto le macerie

Francavilla in Sinni: crolla tetto di casa, 3 persone estratte vive, grave un uomo

 
Fotoreporter ferito
Il San Carlo si offre di curare l'occhio di Micalizzi

Il San Carlo si offre di curare l'occhio di Micalizzi

 
L'invito
Potenza, l'ospedale San Carlo si offre di curare il reporter ferito in Siria

Potenza, l'ospedale San Carlo si offre di curare il reporter ferito in Siria

 
«È un piano senza effetti»
Basilicata, stop inceneritori nel 2020: Tar boccia ricorso ex Fenice

Basilicata, stop inceneritori nel 2020: Tar boccia ricorso ex Fenice

 

NEWS DALLE PROVINCE

BrindisiA ceglie messapica
Incendiarono 5 auto e il prospetto di un palazzo nel Brindisino: catturato uno dei responsabili

Incendiarono 5 auto e il prospetto di un palazzo nel Brindisino: catturato uno dei responsabili

 
TarantoArrestato pregiudicato
Litiga con i genitori, polizia trova in camera una pistola

Litiga con i genitori, polizia trova in camera una pistola

 
FoggiaHanno agito in quattro
Tir carico di sigarette assaltato nel Foggiano, nessun ferito

Tir carico di sigarette assaltato nel Foggiano, nessun ferito

 
LecceNel Salento
Catamarano in difficoltà, soccorso da Guardia Costiera al largo di Leuca

Catamarano in difficoltà, soccorso da Guardia Costiera al largo di Leuca

 
PotenzaL'intervista
Lezioni di esorcismo a scuola, sacerdote: «Sarebbe servito»

Lezioni di esorcismo a scuola, sacerdote: «Sarebbe servito»

 
BariPremiato a Rimini
Viene da Monopoli il miglior burger gourmet italiano

Viene da Monopoli il miglior burger gourmet italiano

 
BatLa denuncia
Barletta, stazione senza ascensore: non ha mai funzionato

Barletta, stazione senza ascensore: non ha mai funzionato

 
Materail Truffatore è barese
Si fa dare 3 Rolex da negoziante fingendo di essere figlio di un amico: arrestato a Matera

«Mio padre è tuo amico», si fa dare 3 Rolex da rivenditore: arrestato a Matera

 

«Cinemadamare»

La Carovana del Cinema
120 film maker in Basilicata

La Carovana del Cinema120 film maker in Basilicata

Luigia Ierace
Finalmente può sorridere e rilassarsi, Franco Rina, il direttore di CinemadaMare. Il bus è arrivato, il viaggio è andato bene e non piove. «Speriamo che smetta almeno perché possano portare tranquillamente i bagagli nel pala Rossellino», ha sperato fino all’ultimo. E dall’alto qualcuno deve averlo sentito. Perché quando è arrivata l’ultima telefonata. «Siamo a Potenza, qual è l’uscita?», il cielo si è schiarito e la pioggia si è fermata. La tensione si è sciolta e ha potuto abbracciare i primi giovani. Può quindi partire l’avventura di 120 film-maker provenienti da 67 paesi di tutti i continenti, 20 scuole e università di cinema.
Ma quando è iniziata la passione di Franco Rina per il cinema?
«Pensandoci avevo solo 14 anni quando ho realizzato la prima rassegna di film per la mia parrocchia di Nova Siri. A 16 anni portai “La febbre del sabato sera”. Fu un grande successo. Ricordo che all’epoca le pellicole arrivavano da Matera con la corriera ed erano in 16 millimetri».
E al cinema continua ad andarci?
«Sempre, tutti i giorni, prima di andare a fare il tg, ma non sono un cinefilo ma neppure un cineasta. Come dice mio figlio, che è un invasato di classicità, un “cinemologo”».
Ma torniamo al passato, alle origini di CinemadaMare
«È nato 14 anni fa nella mia Nova Siri, era il 3 agosto 2003, facemmo una settimana di proiezioni. Ma la sua natura “vagabonda” si è vista subito. E già nel 2004 sono arrivati i primi film maker ad accompagnare i loro film. Noi li ospitavamo e poi c’era il concorso. Dalla Basilicata ci siamo allargati in Calabria e poi a Bari, in Campania, a Roma, in Sardegna, Toscana Veneto, a Venezia ,alla mostra del cinema, in Sicilia e ora per la prima volta a Potenza. Dodici settimane, quattro delle quali in Basilicata».
A cosa si deve il successo di CInemadaMare?
«È un’unicum nel mondo. Non esiste da nessuna parte un tour del cinema lungo 5.200 km con film maker che arrivano da tutti i paesi del mondo anche da quelli dove la cinematografia ha una tradizione molto solida».
Ma il progetto è cresciuto.
«Stiamo puntando a perfezionare il Centro di produzione itinerante che è anche Centro di formazione e travelling campus in collaborazione con il Centro sperimentale di cinematografia di Roma. Ma la vera svolta è la banca mondiale degli stage e dei tirocini che saranno attribuiti ai migliori autori del 2016. Hanno aderito le più grandi internazionali. Mi piacerebbe aprimi all’Università della Basilicata, potrebbe diventare il baricentro di questo evento».
Come funziona questa insolita banca?
«Le scuole e università che hanno sottoscritto l’accordo ci mandano da 3 a 5 film maker scelti da loro e noi in cambio chiediamo una borsa di studio che mettiamo nel nostro monte borse di studio. Ne abbiamo 37 da assegnare e consentiranno ai nostri giovani di andare in giro per il mondo a formarsi perché il cinema si muove sempre di più in un’ottica cosmopolita».
Ogni anno nuove tappe. Ha un sogno?
«Vorrei portarlo a Lagopesole, nel castello, in una storia che si proietta all’Europa, o a Pietrapertosa per la natura scioccante delle Dolomiti».
Il pala Rossellino si sta riempiendo. Tutto intorno materassini, sacchi a pelo, zaini e trolley.
«Dormono tutti insieme. È il punto zero. Tutti vicini di razza, cultura religione e colori diversi. Tutti si dimenticano da dove vengono».
Tutti insieme uniti da quel grande CinemadaMare e da amare.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400