Domenica 17 Febbraio 2019 | 09:39

NEWS DALLA SEZIONE

Dal gip di Potenza
Lavello, donna di mezza età in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

Lavello, donna 40enne in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

 
Nel potentino
Francavilla in Sinni, crolla tetto di casa, madre e figlio in ospedale, uomo ancora sotto le macerie

Francavilla in Sinni: crolla tetto di casa, 3 persone estratte vive, grave un uomo

 
Fotoreporter ferito
Il San Carlo si offre di curare l'occhio di Micalizzi

Il San Carlo si offre di curare l'occhio di Micalizzi

 
L'invito
Potenza, l'ospedale San Carlo si offre di curare il reporter ferito in Siria

Potenza, l'ospedale San Carlo si offre di curare il reporter ferito in Siria

 
«È un piano senza effetti»
Basilicata, stop inceneritori nel 2020: Tar boccia ricorso ex Fenice

Basilicata, stop inceneritori nel 2020: Tar boccia ricorso ex Fenice

 
criminalità
Mafia lucana fa flop, per l'operazione «Iena» solo due condanne

Mafia lucana, flop per operazione «Iena»: solo 2 condanne

 
Sollevamento pesi
A Dubai un lucano sul tetto del mondo: vince la coppa paralimpica

A Dubai un lucano sul tetto del mondo: vince la coppa paralimpica

 
Verso le regionali
Basilicata, Arbia (Sms) annuncia: «Mi candido a Presidenza Regione»

Basilicata, Arbia (Sms) annuncia: «Mi candido a Governatore»

 
La visita
Premier Conte l'11 a Potenza per il Piano di sviluppo

Premier Conte l'11 a Potenza per il Piano di sviluppo

 
I 25 anni di Dookie
Green Day: Billie Joe vuole festeggiare a Viggiano?

Green Day: Billie Joe vuole festeggiare a Viggiano?

 

NEWS DALLE PROVINCE

BrindisiNel Brindisino
Cisternino: era ricercato da 7 anni per droga, arrestato nella notte 39enne

Cisternino: era ricercato da 7 anni per droga, arrestato nella notte 39enne

 
TarantoIl premio
Ex Ilva Taranto, azienda di pulizie da 100 euro a chi non si fa male sul lavoro

Ex Ilva Taranto, azienda di pulizie dà 100 euro a chi non si fa male sul lavoro

 
BariL'appello
Puglia, i giovani di Forza Italia: «Il rilancio del partito passa da noi»

Puglia, i giovani di Forza Italia: «Il rilancio del partito passa da noi»

 
LecceVerso le elezioni
Lecce, il centrodestra ufficializza le primarie

Lecce, il centrodestra ufficializza le primarie

 
MateraIl caso
matera bari

Matera, svaligiavano appartamenti: in manette 3 ladri baresi

 
BatDavanti al porto
Trani, anziana in acqua: soccorsa in tempo, rischiava assideramento

Trani, anziana in acqua: soccorsa in tempo, rischiava assideramento

 
PotenzaDal gip di Potenza
Lavello, donna di mezza età in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

Lavello, donna 40enne in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

 
FoggiaSfiducia al sindaco
San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

 

Smaltimento di rifiuti dal Centro Olio Eni di Viggiano: 37 indagati

Smaltimento di rifiuti dal Centro Olio Eni di Viggiano: 37 indagati
POTENZA – Smaltimento illecito di rifiuti e disastro ambientale. Sono le ipotesi su cui indaga la Dda di Potenza in relazione alle attività svolte nel Centro Olio di Viggiano (Potenza), nell’ambito di un’inchiesta condotta dai pm Francesco Basentini e Laura Triassi, e che ha portato fino a questo momento a diverse ispezioni nella struttura (per accertare i livelli di inquinamento) e a 37 indagati, tra i quali l’attuale e il precedente responsabile del Distretto meridionale dell’Eni, Enrico Trovato e Ruggero Gheller, e gli ex direttori generali dell’Arpab Basilicata, Aldo Schiassi e Raffaele Vita.

"Nell’ambito dell’indagine avviata dalla Procura della Repubblica di Potenza sulle attività del Centro Olio Val d’Agri, Eni – secondo quanto ha reso noto l’ufficio stampa della compagnia – è convinta di avere sempre condotto le proprie operazioni secondo canoni di eccellenza e nell’assoluto rispetto dell’ambiente e della salute dei cittadini e dei lavoratori".

I consulenti nominati dalla Procura di Potenza hanno già consegnato ai pm una prima perizia, sulla base dei dati acquisiti nei mesi scorsi: ieri i magistrati sono tornati nel Centro Olio per accertare "le tracce e gli altri effetti materiali derivanti dall’attività illecita di traffico dei rifiuti" e poi "procedere ad accertamento tecnico non ripetibile" su quanto ottenuto dai campionamenti, in particolare sulle emissioni in atmosfera e su eventuali agenti inquinanti presenti nel terreno, anche nelle aree circostanti.

L'obiettivo della Procura è quindi quello di verificare gli "effetti dannosi per l’ambiente e per la salute umana eventualmente causati dalle emissioni inquinanti prodotte dal Contro Olio": si tratta di uno dei filoni di un’inchiesta più ampia, che riguarda anche le modalità di smaltimento dei rifiuti prodotti, e che si allarga alle regioni limitrofe. In questa "tranche" sono quindi a 37 le persone iscritte nel registro degli indagati, tra le quali altri dirigenti dell’Eni, dell’Arpab, ex dirigenti della Regione Basilicata, della Provincia di Potenza, e rappresentanti di Tecnoparco – struttura della Valbasento che si occupa, tra l’altro di bonifiche e trattamento di rifiuti – e di altre società che operano nel settore ambientale e in quello dei trasporti. L’Eni "si è affidata e si affida con assoluta serenità all’operato della Magistratura e alle sue decisioni", ha precisato ancora la compagnia che si è detta "consapevole che circa l’attività che svolge in Val d’Agri ci sono state, ci sono e ci saranno sempre opinioni diverse e cerca continuamente il confronto, perchè crede che dal disaccordo costruttivo possano nascere sempre opportunità di crescita".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400