Martedì 26 Gennaio 2021 | 07:44

NEWS DALLA SEZIONE

maltempo
Avigliano, a causa del gran vento «impazzisce» pala eolica: intervengono i vigili del fuoco

Avigliano, a causa del gran vento «impazzisce» pala eolica: intervengono i vigili del fuoco

 
L'emergenza
Potenza, ripresa scuola: «Rielaborare trasporto pubblico»

Potenza, ripresa scuola: «Rielaborare trasporto pubblico»

 
Nel lagonegrese
In 9 col reddito di cittadinanza senza averne diritto: denunce nel Potentino, giocavano anche d'azzardo

In 9 col reddito di cittadinanza senza averne diritto: denunce nel Potentino, giocavano anche d'azzardo

 
«silver economy»
Crisi economica da pandemia: la Basilicata fa leva sui pensionati

Crisi economica da pandemia: la Basilicata fa leva sui pensionati

 
Il bollettino regionale
Coronavirus in Basilicata, 62 positivi e 2 decessi. Regione resta in zona gialla

Coronavirus in Basilicata, 62 positivi e 2 decessi. Regione resta in zona gialla

 
Il caso
Basilicata, assessore di Forza Italia attacca FdI e si dimette

Basilicata, assessore di Forza Italia attacca FdI e si dimette

 
Il caso
Sacerdote lucano «spretato» da Papa Francesco: molestie sessuali ai militari

Sacerdote lucano «spretato» da Papa Francesco: molestie sessuali ai militari

 
Il caso
Blitz dei Nas in due case di riposo a Brindisi e Potenza: chiuse per carenze igieniche

Blitz dei Nas in due case di riposo a Brindisi e Potenza: chiuse per carenze igieniche

 
Il caso
Melfi, in auto con 4 quintali di cavi di rame: denunciato

Melfi, in auto con 4 quintali di cavi di rame: denunciato

 
Il caso
Potenza, crolla pezzo di solaio di un appartamento: 60enne ferita

Potenza, crolla pezzo di solaio di un appartamento: 60enne ferita VD

 

Il Biancorosso

Il post-partita
Auteri incontentabile: «Dobbiamo migliorare»

Auteri incontentabile: «Dobbiamo migliorare»

 

NEWS DALLE PROVINCE

Leccela polemica
Lecce, a Palazzo Carafa girata scena di video trap: il Comune si dissocia

Lecce, a Palazzo Carafa girata scena di video trap: il Comune si dissocia

 
Tarantopiano industriale
Mittal Taranto, azienda conferma per il 2021 produzione di 5 milioni di tonnellate d’acciaio

Mittal Taranto, azienda conferma per il 2021 produzione di 5 milioni di tonnellate d’acciaio

 
Homela tragedia
Bari, bambino di 9 anni trovato impiccato in casa a San Girolamo: si ipoitizza suicidio

Bari, bimbo di 9 anni trovato impiccato in casa a San Girolamo: si ipotizza suicidio. Gioco online? «Non sappiamo»

 
FoggiaLa decisione
Foggia, sparò da balcone a Capodanno: convocato Consiglio comunale per sfiducia del presidente

Foggia, sparò da balcone a Capodanno: convocato Consiglio comunale per sfiducia del presidente

 
Potenzamaltempo
Avigliano, a causa del gran vento «impazzisce» pala eolica: intervengono i vigili del fuoco

Avigliano, a causa del gran vento «impazzisce» pala eolica: intervengono i vigili del fuoco

 
Materanel Materano
Marconia, sorpresa a spacciare cocaina e hashish in casa: arrestata 65enne

Marconia, sorpresa a spacciare cocaina e hashish in casa: arrestata 65enne

 
Covid news h 24Emergenza contagi
Ceglie Messapica, focolaio Covid in un scuola media con 18 positivi: 13 studenti e 5 docenti

Ceglie Messapica, focolaio Covid in un scuola media con 18 positivi: 13 studenti e 5 docenti

 
Batviabilità
Andria, lavori infiniti sulla Sp 231 aumentano disagi e pericoli

Andria, lavori infiniti sulla Sp 231 aumentano disagi e pericoli

 

i più letti

Direttore Arpab «Vorrei continuare»

Direttore Arpab «Vorrei continuare»
POTENZA – "Vorrei continuare il lavoro iniziato lo scorso anno, che ha portato risultati importanti e un cambiamento, frutto anche dei 'nò che ho detto e che hanno fatto crollare situazioni precostituite": è stato questo uno dei passaggi principali dell’intervento del direttore dell’Arpab Aldo Schiassi, nel corso di una conferenza stampa che si è svolta stamani a Potenza.
Schiassi – durante l’incontro moderato dal direttore delle relazioni esterne di "Panorama", Carlo Puca – ha annunciato di aver partecipato al bando per l’assegnazione del nuovo incarico di direttore dell’Agenzia: "Sono ottimista – ha aggiunto – e vedremo gli esiti, ma sarei intenzionato a proseguire quanto iniziato un anno fa". Il direttore dell’Arpab ha poi illustrato quanto fatto dalla metà dello scorso anno, quando si è insediato, trovando "un’Agenzia che aveva bisogno di un riordino di funzioni e obiettivi", all’interno "di un sistema caotico e di un’Arpab decontestualizzata" per agire quindi su cinque ambiti precisi, ovvero l’area industriale di San Nicola di Melfi (Potenza), l’area del petrolio, la Valbasento, le aree industriali di Tito (Potenza) e del capoluogo lucano, e dell’ex Itrec di Rotondella.

"Abbiamo fatto il nostro dovere, non limitandoci ad analizzare i dati, ma cercando le cause e i rapporti con gli effetti, e fornendo soluzioni", ha ricordato Schiassi. Un esempio su tutti, quello "della moria di pesci nel Pertusillo" che in base ai risultati "è dovuta a scarichi illegali di allevamenti e agricoltori, e di qualche azienda locale", sfatando così "il mito delle estrazioni petrolifere, poichè possiamo ipotizzare che le tracce di idrocarburi siano dovute ai sedimenti del lago, da dragare, e forse anche di asfalti 'copertì durante la costruzione stessa della diga". Sempre sul petrolio sono state fatte indagini sul Centro Olio di Viggiano (Potenza) "per spingere anche il Ministero a monitorare un impianto da adeguare", e "sul 'punto zerò dei lavori della Total" chiedendo alla Regione, nel complesso sistema delle estrazioni, "una maggiore attenzione sullo smaltimento delle acque di reiniezione", e sulle aree di Melfi, Tito e Potenza, "l'avvio delle bonifiche e di un serio monitoraggio".

Perchè aspettare più di un anno per fornire alla Basilicata un quadro completo delle attività dell’Arpab, in un clima di polemiche e sospetti? Schiassi è chiaro: "Abbiamo acquisito dati certi e chiari, e per questo serve tempo: noi siamo scienziati e non politici e sindacalisti, e abbiamo inviato sempre tutti gli atti alle istituzioni". Il direttore poi affronta il tema delle difficoltà incontrate, quando parla "di una parte prevalente dell’Arpab che mi ha sostenuto", dei "'no detti a situazioni precostituite", di una legge di riforma definita "raffazzonata" e "di qualche lezzo di consociativismo in cui non mi sono identificato".

Alla domanda su eventuali pressioni subite, Schiassi ha spiegato quindi che "si sono detti dei 'no per cambiare il sistema, ma ho fatto il mio lavoro in maniera serena - ha concluso – e ora spetta alla Regione riordinare le complessità delle funzioni per evitare inoperosità".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie