Martedì 19 Marzo 2019 | 18:15

NEWS DALLA SEZIONE

Sanità in Basilicata
Liste di attesa e mobilità, accordo tra aziende lucane: arriva task force

Liste di attesa e mobilità, accordo tra aziende lucane: arriva task force

 
Il rapporto banche.imprese
Sud arretra, l'Obi: ripresa tra 10 anni, a Potenza crescita zero

Sud arretra, l'Obi: ripresa tra 10 anni, a Potenza crescita zero

 
I controlli
Evadevano il fisco per 120mila euro: scoperti in 2 a Maratea

Evadevano il fisco per 120mila euro: scoperti in 2 a Maratea

 
Dall'ispettorato del lavoro
Furbetti dell'assegno di disoccupazione nei campi in Basilicata: denunciati

Furbetti dell'assegno di disoccupazione nei campi in Basilicata: denunciati

 
Il comizio
Melfi, Salvini a contestatori: «Siete 10 sfigati, partigiani si rivolterebbero nella tomba»

Melfi, Salvini a contestatori: «Siete 10 sfigati, partigiani si rivolterebbero nella tomba»

 
Le parole
Salvini: «Nel Potentino le vittime hanno ancora paura dell'usura»

Salvini: «Nel Potentino le vittime hanno ancora paura dell'usura»

 
A Melfi
Melfi, Berlusconi su morte giovane testimone processo Ruby: mi spiace

Berlusconi su morte teste processo Ruby: mi spiace
E sui cogl...: ho esagerato Vd

 
Il fenomeno
Le case dei lucani all’asta un altro segno della crisi

Le case dei lucani all’asta un altro segno della crisi

 
La rapina
Potenza, sfondano una gioielleria a colpi di martello: ladri in fuga

Potenza, sfondano una gioielleria a colpi di martello: ladri in fuga

 
La decisione
Papa: Monsignor Augusto Bertazzoni sarà venerabile

Papa: Monsignor Augusto Bertazzoni sarà venerabile

 

Il Biancorosso

Al San Nicola
Brienza, festa a sorpresa dei tifosi per i suoi 40 anni

Brienza, festa a sorpresa dei tifosi per i suoi 40 anni: il video

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl caso
Tangenti ex Provincia Bari, licenziato furbetto del cartellino che truffò la Regione

Tangenti ex Provincia Bari, licenziato furbetto del cartellino che truffò la Regione

 
TarantoL'operazione
Taranto, la Guardia Costiera sequestra una tonnellata di ricci e "bianchetto"

Taranto, la Guardia Costiera sequestra una tonnellata di ricci e "bianchetto"

 
PotenzaSanità in Basilicata
Liste di attesa e mobilità, accordo tra aziende lucane: arriva task force

Liste di attesa e mobilità, accordo tra aziende lucane: arriva task force

 
FoggiaDalla Toscana alla Puglia
Frode olio, inchiesta di Grosseto tocca anche Foggia

Frode olio, inchiesta di Grosseto tocca anche Foggia

 
BatIl Puttilli
Barletta, si allontana la riapertura parziale dello Stadio

Barletta, si allontana la riapertura parziale dello Stadio

 
BrindisiL'iniziativa
Torchiarolo, tavolata di 60 metri per San Giuseppe: sarà plastic free

Torchiarolo, tavolata di 60 metri per San Giuseppe: è plastic free

 
MateraDalla Finanza
Matera, sequestrati oltre 120mila prodotti non sicurti in un negozio

Matera, sequestrati oltre 120mila prodotti non sicurti in un negozio

 
LecceBattuto Messuti
Primarie Centrodestra a Lecce, vince Saverio Congedo, coordinatore pugliese FdI

Primarie Centrodestra a Lecce, vince Saverio Congedo, di Fratelli d'Italia

 

Blitz anti prostituzione due arresti a Potenza

Blitz anti prostituzione due arresti a Potenza
POTENZA – Un uomo e una donna – Antonio Scavone, di 40 anni, e la sua compagna, Jimenez Milagros Mosquea, di 38, di origine dominicana – sono agli arresti domiciliari al termine di un’operazione della Polizia che, a Potenza, ha interrotto un "fiorente mercato" di prostitute e transessuali che si svolgeva in appartamenti tutti situati nel centro storico e in condomini di zone centrali della città.

Scavone, che è di Ruoti, e Mosquea sono accusati, in concorso, di aver agevolato, favorito e sfruttato la prostituzione. I due si preoccupavano di affittare gli appartamenti – soprattutto "in nero" – dove poi prostitute e trans (in totale, almeno una quindicina) avrebbero ricevuto i clienti, decine e decine di uomini che fissavano gli appuntamenti o rivolgendosi a Scavone, raggiunto attraverso il normale "passaparola", o contattando tre siti di incontri. Fornivano anche informazioni a prostitute e trans (nella maggior parte dei casi provenienti dal Sud America) sui mezzi di trasporto per giungere a Potenza, sui prezzi medi di mercato delle prestazioni (50 euro), sulla pubblicazione degli annunci sui siti internet e sulle "propensioni sessuali dei potentini" (i trans giudicavano "molto favorevole" il mercato nel capoluogo lucano).

Scavone e Mosquea – quest’ultima si occupava anche di "sostituire" con nuovi arrivati le donne e i transessuali che lasciavano le case – ottenevano 50 euro al giorno da ciascuna delle donne o dei transessuali ospitati negli appartamenti (la donna si è vantata con una sua connazionale di riuscire a guadagnare oltre quattromila euro al mese).

Le indagini della squadra mobile della questura di Potenza sono cominciate quando gli agenti hanno fatto un controllo in un condominio di via Mazzini, in seguito alle segnalazioni di persone che vi abitano e che avevano capito che in uno degli appartamenti si praticava la prostituzione. Gli investigatori sono risaliti quindi a Scavone e ai "servizi" che offriva a prostitute e trans (una delle donne aveva registrato il suo nome nella rubrica telefonica sotto la voce "Casale Potensa", particolare che ha dato il nome all’operazione della Polizia), compreso un avvocato da contattare "in caso di problemi" proprio con la Polizia.
Dalle indagini della squadra mobile sono emerse anche responsabilità nei riguardi dei proprietari di alcuni degli appartamenti affittati, che sono stati denunciati per favoreggiamento: secondo l’accusa, sapevano bene che nelle loro case si esercitava la prostituzione ma hanno taciuto per continuare a guadagnare alcune centinaia di euro al mese (in un caso, uno di loro ha tentato di "sviare le indagini" sulla persona che aveva effettivamente in affitto l’appartamento, cioè Scavone).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400