Giovedì 21 Marzo 2019 | 15:20

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Elezioni in Basilicata, spuntano 5 impresentabili per l'Antimafia

Elezioni in Basilicata, spuntano 5 impresentabili per l'Antimafia

 
Fondi Europa-Regioni
Basilicata, in arrivo 5 mln per un nuovo Hospice a Potenza

Basilicata, in arrivo 5 mln per un nuovo Hospice a Potenza

 
Regionali 2019
Basilicata, mondo agricolo sul piede di guerra

Basilicata, mondo agricolo sul piede di guerra

 
Le previsioni
Economia: nel 2019-2023 Potenza crescita zero

Economia: nel 2019-2023 Potenza crescita zero

 
Verso le elezioni
Berlusconi operato d'urgenza per ernia inguinale: annullato tour in Basilicata

Berlusconi operato d'urgenza per ernia inguinale: annullato tour in Basilicata

 
I fatti tra il 2017 e il 2018
Potenza, ex dirigente sanitario molestava dipendente: rinviato a giudizio

Potenza, ex dirigente sanitario molestava dipendente: rinviato a giudizio

 
Sanità in Basilicata
Liste di attesa e mobilità, accordo tra aziende lucane: arriva task force

Liste di attesa e mobilità, accordo tra aziende lucane: arriva task force

 
Il rapporto banche.imprese
Sud arretra, l'Obi: ripresa tra 10 anni, a Potenza crescita zero

Sud arretra, l'Obi: ripresa tra 10 anni, a Potenza crescita zero

 
I controlli
Evadevano il fisco per 120mila euro: scoperti in 2 a Maratea

Evadevano il fisco per 120mila euro: scoperti in 2 a Maratea

 
Dall'ispettorato del lavoro
Furbetti dell'assegno di disoccupazione nei campi in Basilicata: denunciati

Furbetti dell'assegno di disoccupazione nei campi in Basilicata: denunciati

 
Il comizio
Melfi, Salvini a contestatori: «Siete 10 sfigati, partigiani si rivolterebbero nella tomba»

Melfi, Salvini a contestatori: «Siete 10 sfigati, partigiani si rivolterebbero nella tomba»

 

Il Biancorosso

LA NOTIZIA
Vi ricordate lo steward della Turris?Condannato a cinque anni di Daspo

Vi ricordate lo steward della Turris?
Condannato a cinque anni di Daspo

 

NEWS DALLE PROVINCE

HomeIl caso
Elezioni in Basilicata, spuntano 5 impresentabili per l'Antimafia

Elezioni in Basilicata, spuntano 5 impresentabili per l'Antimafia

 
HomeIl confronto
Giornata Memoria vittime mafia a Bari, Rita Dalla Chiesa: «Ho speranza nei giovani»

Giornata Memoria vittime mafia a Bari, Rita Dalla Chiesa: «Ho speranza nei giovani»

 
Materail «diplomificio» dello jonio
Policoro, ottenere il diploma? Un sogno al costo di 2.500 euro annui

Policoro, ottenere il diploma? Un sogno al costo di 2.500 euro annui

 
LecceNel Leccese
Trepuzzi: furto al Comune nella notte, rubati 7 computer

Trepuzzi: furto al Comune nella notte, rubati 7 computer

 
BrindisiNel Brindisino
Trovati 2 escavatori nelle campagne: erano stati rubati a Lecce

Trovati 2 escavatori nelle campagne: erano stati rubati a Lecce

 
BatAnalisi e scenari
Commercio agroalimentare nella Bat: «l’export cresce poco»

Commercio agroalimentare nella Bat: «l’export cresce poco»

 
FoggiaCieli aperti
Foggia, droni a go-go Amendola vuole più sicurezza

Foggia, droni a go-go Amendola vuole più sicurezza

 
TarantoNel tarantino
Castellaneta Marina, sequestrato ristorante sulla spiaggia completamente abusivo

Castellaneta Marina, sequestrato ristorante in spiaggia abusivo

 

Potenza, De Luca sbagliò una perizia 22 anni fa Ora risarcirà 80mila euro

Potenza, De Luca sbagliò una perizia 22 anni fa Ora risarcirà 80mila euro
GIOVANNI RIVELLI
POTENZA -La consulenza tecnica del Pm evidenziò difformità nella esecuzione dei lavori e l’imprenditore finì prima in carcere e poi a processo. Ma poi è giunta l’assoluzione perché la perizia dell’accusa aveva testato solo 5 micropali rispetto ai 237 dell’opera, estendendo a tutti le stesse risultanze che poi vennero smentite. Ora il perito del Pm è stato condannato a pagare oltre 80mila euro per l’ingiusta detenzione e il processo subito.

Una questione che risale a 22 anni fa e che ha per protagonisti due nomi noti lucani, uno l’imprenditore Umberto Bruno uno dei maggiori all’epoca, l’altro un giovane ingegnere nel 1993, ma oggi sindaco di Potenza, Dario De Luca.

Nel 1992 la Procura avviò indagini sulla costruzione di una strada a Savoia di Lucania. Il magistrato voleva appurare se i lavori rispondevano al progetto, se erano stati correttamente contabilizzati e le varianti erano giustificate. Così, trattandosi di questioni squisitamente tecniche, affido l’incarico all’ingegner De Luca. In particolare, la perizia esaminò, tra l’altro, «una paratia con l’utilizzazione di micropali armati della lunghezza di 16 metri». Ma la perizia appurò «la presenza di calcestruzzo fino alla profondità di 5,5 metri». Così, all’inizio di agosto del 2003, il Gip di Potenza dispose la custodia cautelare in carcere di Bruno che, dopo, affrontò il processo che lo vide assolto «perché il fatto non sussiste» il 22 maggio del 2002. L’imborglio sui pali, insomma, non c’era poiché erano stati realizzati nella giusta misura contabilizzata, sulla base di una perizia difensiva e di un’altra disposta dal Tribunale.

Da qui la richiesta di risarcimento ora esaminata dal giudice civile Gerardo Del Priore che ha concluso per l’accoglimento della domanda risarcitoria dopo aver dato vita ad una nuova perizia. «L’ing. De Luca - è emerso - avendo verificato che la media della lunghezza dei 5 pali testati era pari a cinque metri ha ritenuto tale dato numerico all’intero sviluppo longitudinale della paratia non ponendo in rilievo che tale considerazione veniva esclusivamente formulata sui risultati conseguiti all’esito dell’accertamento su cinque micropali testati a fronte di 237». De Luca, intanto parla di sentenza ingiusta confidando nell’Appello.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400